I vini per la Pasqua: ecco i nostri dieci suggerimenti

La selezione di buone bottiglie, abbinate ai piatti della tradizione, realizzata da Cinzia Benzi, Adele Granieri, Stefania Oggioni, Marilena Lualdi, Amelia De Francesco, Davide Visiello, Fosca Tortorelli, Salvo Ognibene, Maurizio Trezzi e Raffaele Foglia

08-04-2022
a cura di Identità Golose
Pasqua a tavola: ecco la nostra selezione di vini

Pasqua a tavola: ecco la nostra selezione di vini

Pochi giorni alla Pasqua, per fortuna senza troppe limitazioni per la pandemia, e con una speranza di pace. Pasqua è sicuramente un giorno dove “staccare la spina”, dove magari si può fare qualche gita in campagna o nelle città d’arte, o più semplicemente da passare con le persone con le quali si vuole bene.

E allora abbiamo pensato a dieci proposte di vini, abbinati ai piatti della tradizione, da parte della nostra redazione di Identità di Vino. Ecco il nostro menù: si parte dall’aperitivo.

Alta Langa Brut Riserva Alasia di  Tenuta Il Cascinone è la scelta di Cinzia Benzi

Alta Langa Brut Riserva Alasia di  Tenuta Il Cascinone è la scelta di Cinzia Benzi

Siamo nell’Acqueste a Tenuta Il Cascinone fondata nel 1920 ristrutturata dal gruppo Araldica nel 1999 anno, che coincide con il primo millesimo di questa Alta Langa Brut Riserva Alasia: 100% Pinot Nero affinato sui lieviti per 80 mesi.

Al naso sprigiona note di mela e agrumi ben alternate a crema pasticcera e confetti che anticipano un palato cremoso e fruttato con una freschezza marcata sul finale. Cinzia Benzi

Pecorino I Fauri e Pecorini di Gregorio Rotolo: questa la proposta di Adele Granieri

Pecorino I Fauri e Pecorini di Gregorio Rotolo: questa la proposta di Adele Granieri

Abruzzesi Doc, Pecorino entrambi. Il primo, della azienda I Fauri, è un'espressione liquida del territorio di origine, che profuma di mela cotogna, fiori di biancospino, timo e maggiorana e ha un sorso pieno e carnoso, dalla freschezza energica e dal lungo finale salino.

Il secondo è un'eccellente combinazione tra il latte crudo e la tecnica di produzione detta “cagliata lattica”, il cui nome deriva da quello del grande mastro casaro Gregorio Rotolo, recentemente scomparso. Due interpreti dell'Abruzzo più autentico, dalla personalità dirompente. Adele Granieri

Stefania Oggioni suggerisce Ograde di Škerk

Stefania Oggioni suggerisce Ograde di Škerk

Pinza e salame friulano: tipico antipasto pasquale del Friuli Venezia Giulia, forse un po' scontato, ma se in abbinamento c’è un Ograde di Škerk, tutta la banalità scompare.

Vitovska, Malvasia, Pinot Grigio e Sauvignon in equilibrio e macerati per 15 giorni, donano a questo vino dal colore ambrato sentori di canditi, miele ed erbe balsamiche. Fresco e aromatico, è ciò che manca al boccone dolce e salato della Pinza con il Salame. Stefania Oggioni

Enrico e Pasquale Di Giulio e il loro Campo in Mare 2016 Molise Rosso Doc: il suggerimento arriva da Marilena Lualdi

Enrico e Pasquale Di Giulio e il loro Campo in Mare 2016 Molise Rosso Doc: il suggerimento arriva da Marilena Lualdi

Colline che guardano al mare, come il vino che scegliamo per il pranzo pasquale: Campo in Mare 2016 Molise Rosso Doc del Borgo di Colloredo.

Montepulciano 100% - e 100% famiglia, scrivono i fratelli Enrico e Pasquale Di Giulio - si presenta con un rosso scandito da lampi violacei e scatena un piccolo mondo di frutti rossi, spezie, cioccolato. Accanto, uno sformato di patate e carciofi, specchio in morbidezza e carattere. Marilena Lualdi

Amelia De Francesco punta decisa sul Vermentino doc Maremma toscana 2021 di Tenuta Fertuna

Amelia De Francesco punta decisa sul Vermentino doc Maremma toscana 2021 di Tenuta Fertuna

Arriva la primavera e nel paniere delle cose buone di stagione arrivano gli ingredienti principali della Garmugia, piatto della cucina tradizionale lucchese che fa la sua comparsa nel periodo di Pasqua, finendo anche sulle tavole dei festeggiamenti. Si tratta di una zuppa leggera, la cui preparazione consiste nella lenta graduale cottura dei legumi di stagione - fave e piselli - cui si aggiungono le punte degli asparagi, i carciofi e la carne di vitello macinata.

Abbinamento perfetto con il Vermentino doc Maremma toscana 2021, fresco e vivace, prodotto da Tenuta Fertuna, che con le sue note di frutta bianca matura e di macchia mediterranea si presta a rendere un ottimo servizio a piatti a base vegetale. Amelia De Francesco

Pasta 'ncasciata, come il Commissario Montalbano: per l'abbinamento Davide Visiello punta su Etna Bianco Doc Calderara Sottana di Tenuta delle Terre Nere

Pasta 'ncasciata, come il Commissario Montalbano: per l'abbinamento Davide Visiello punta su Etna Bianco Doc Calderara Sottana di Tenuta delle Terre Nere

Più volte citata da Andrea Camilleri nei racconti del Commissario Montalbano, la pasta ‘ncasciata è un classico nei menu dei giorni di festa delle famiglie siciliane.

L’Etna Bianco Doc Calderara Sottana di Tenuta delle Terre Nere è il vino da abbinare: fresco e sapido, complesso ed avvolgente, imbottigliato dopo una fermentazione alcolica in botti di rovere francese, una fermentazione malolattica e una maturazione in botte di 10 mesi. Davide Visiello

Rafilù, Greco di Tufo Riserva 2019 di Marilena Bambinuto: ce lo propone Fosca Tortorelli

Rafilù, Greco di Tufo Riserva 2019 di Marilena Bambinuto: ce lo propone Fosca Tortorelli

Rafilù è il Greco di Tufo Riserva 2019 di Marilena Bambinuto, prodotto in appena 2900 bottiglie dalle uve provenienti dal vigneto da cui realizza il suo greco classico. L’affinamento sulle fecce per circa tre anni regala un greco che parla con il cuore, espressivo e profondo, snello e coinvolgente.

Un vino vibrante all’olfatto e al palato che spiazza per la sua incredibile delicatezza e freschezza; profuma di primavera e ben si adatta alla sacralità delle feste pasquali. Ideale per accompagnare una ricetta classica della tradizione campana, l’agnello con piselli e patate. Fosca Tortorelli

Salvo Ognibene ci porta a Bolgheri con Guado de' Gemoli di Giovanni Chiappini

Salvo Ognibene ci porta a Bolgheri con Guado de' Gemoli di Giovanni Chiappini

Una storia, quella di Giovanni Chiappini e della sua famiglia, legata profondamente alla storia di Bolgheri: Guado de' Gemoli 2018 è sicuramente il mio vino per il pranzo di Pasqua in abbinamento al classico agnello con le tipiche spezie ed erbe aromatiche toscane.

Per i più fortunati che passeranno questi giorni a Castagneto Carducci, immancabile tappa "Da Ugo" per provarlo con la testina di cinghiale. Salvo Ognibene

Maurizio Trezzi non ha dubbi: capretto al forno e Nobile di Montepulciano Il Nocio di Boscarelli

Maurizio Trezzi non ha dubbi: capretto al forno e Nobile di Montepulciano Il Nocio di Boscarelli

Boscarelli produce Nobile di Montepulciano dagli anni 60, quando la famiglia Corradi avviò 9 ettari a Cervignano di Montepulciano alla produzione vinicola. Da allora i loro vini sono cresciuti e si sono evoluti e oggi esprimono una forte personalità come ne Il Nocio. Cru di Sangiovese in purezza è fermentato 10 giorni in rovere con lieviti autoctoni e quindi tenuto in botte fra 18 e 24 mesi.

Ne escono solo 5.000 preziose bottiglie di un rosso con grandissima personalità e finezza con ottime doti di invecchiamento. L’abbinamento ideale è con il classico capretto al forno con patate. Maurizio Trezzi

Dulcis in fundo: Colli Euganei Fior d’Arancio Spumante dolce di Quota 101, suggerito da Raffaele Foglia

Dulcis in fundo: Colli Euganei Fior d’Arancio Spumante dolce di Quota 101, suggerito da Raffaele Foglia

C’è la colomba, il dolce pasquale forse più diffuso. Qui a Como abbiamo la resta, a Napoli c’è la pastiera o anche il casatiello dolce, mentre in Sicilia la cassata va sempre bene.

Per chiudere questo pasto pasquale possiamo scegliere il dessert che vogliamo, per il vino ci affidiamo alla nostra App Bollicine del Mondo, completamente gratuita, e peschiamo il Colli Euganei Fior d’Arancio Spumante dolce di Quota 101. Una garanzia di freschezza che, se si vuole, può essere usato anche come insolito aperitivo. Raffaele Foglia