I magnifici secondo Ais

Presentata Vitae 2017, la guida dell'Associazione Italiana Sommelier. Ecco i premiati col Tastevin

30-10-2016
I sommelieri Ais sul tetto dello spazio The Mall a

I sommelieri Ais sul tetto dello spazio The Mall a Milano, che ha ospitato poche ore fa la presentazione di Vitae 2017, la guida vini firmata dall'Associazione Italiana Sommelier. Luca Torretta era là per Identità Golose

Ben 22 commissioni regionali, mille degustatori, 2mila aziende (oltre 4mila quelle visitate), 15mila vini recensiti (circa 35mila quelli degustati) e 40mila copie stampate, oltre all’app omonima: questi i numeri di Vitae 2017, la guida vini dell’Associazione Italiana Sommelier, presentata ieri, sabato 29 ottobre, a Milano nello spazio polifunzionale The Mall e dedicata a Jean Valenti, recentemente scomparso, socio fondatore e tessera numero 1 dell’Ais, da lui fondata proprio nel capoluogo lombardo il 7 luglio 1965 (ne abbiamo parlato qui).

Vitae 2017, definita dal presidente Ais Antonello Maietta «un autorevole e indipendente strumento di consultazione, comunicazione e valorizzazione del mondo del vino», si presenta, a partire dalla copertina e per ciascuna delle ventidue regioni vitivinicole protagoniste, con una veste grafica che rende omaggio all’atto della degustazione e ai suoi principali strumenti: i calici, ritratti in una serie di istantanee di indubbio impatto visivo.

La valutazione dei vini presenti in guida è stata effettuata in centesimi e rappresentata visivamente dalla vite (il punteggio va da 1 a 4), che compone un ideale filare. In questa terza edizione, il massimo riconoscimento è andato a quei vini valutati almeno 91 centesimi, invece dei 90 delle precedenti edizioni, conseguenza di un sempre maggior livello qualitativo del vino italiano.

Con lo scopo di rendere la guida più fruibile e dinamica, sono stati inoltre introdotti due nuovi simboli grafici: la Freccia di Cupido, per quei vini che, indipendentemente dalla fascia di valutazione, hanno suscitato un elevato impatto emozionale, e il Salvadanaio, assegnato ai vini che hanno espresso un particolare valore in rapporto a prezzo, tipologia e territorio.

A corollario della presentazione della guida, sono stati premiati con il Tastevin dell’Associazione Italiana Sommelier 22 vini che hanno meritato la valutazione di eccellenza per aver imposto una svolta produttiva al territorio di origine, rappresentato indiscussi modelli di riferimento o riportato in auge vitigni dimenticati o addirittura in estinzione.

Hosam Eldin Abou Eleyoun, delegato Ais Milano, il presidente lombardo Fiorenzo Detti e quello nazionale Antonello Maietta alla presentazione di Vitae 2017

Hosam Eldin Abou Eleyoun, delegato Ais Milano, il presidente lombardo Fiorenzo Detti e quello nazionale Antonello Maietta alla presentazione di Vitae 2017

I Tastevin di Vitae 2017 sono:
Valle d’Aosta: Valle d’Aosta Vuillermin 2014 - Feudo di San Maurizio
Piemonte: Boca 2011 - Le Piane
Lombardia: Franciacorta Extra Brut Cuvée Lucrezia Etichetta Nera 2006 - Castello Bonomi
Veneto: Valdadige Terradeiforti Casetta Foja Tonda 2012 - Albino Armani
Trentino: Granato 2013 – Foradori
Alto Adige: Alto Adige Bianco Appius 2011 - Cantina San Michele Appiano
Friuli Venezia Giulia: Tal Lùc Special Cuvée - Lis Neris
Liguria: Riviera Ligure di Ponente Pigato Le Russeghine 2015 – Bruna
Emilia: Colli Bolognesi Cabernet Sauvignon Bonzarone 2013 - Tenuta Bonzara
Romagna: Romagna Sangiovese Vigna del Generale Riserva 2013 - Fattoria Nicolucci
Toscana: Chianti Classico Il Poggio Riserva 2011 - Castello Monsanto
Umbria: Torgiano Rosso Rubesco Vigna Monticchio Riserva 2011 – Lungarotti
Marche: Pelago 2012 - Umani Ronchi
Lazio: Brecceto 2015 – Trappolini
Abruzzo: Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane Neromoro Riserva 2012 – Nicodemi
Molise: Tintilia Del Molise 2013 – Terresacre
Campania: Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva 2015 - Marisa Cuomo
Puglia: Graticciaia 2012 – Vallone
Basilicata: Aglianico del Vulture Don Anselmo 2012 – Paternoster
Calabria: Petelia 2015 – Ceraudo
Sicilia: Marsala Superiore Semisecco Ambra Donna Franca Riserva – Florio
Sardegna: Antonio Argiolas 100 2012 – Argiolas

I 500 vini premiati con le 4 Viti e i Tastevin sono stati poi protagonisti di un fantastico banco di assaggio, aperto al pubblico e presieduto da 150 sommelier provenienti da tutta Italia, che ha confermato come l’Associazione Italiana Sommelier sia sempre più proiettata ad essere protagonista della valorizzazione e promozione del nostro vino di qualità in Italia, ma anche all’estero, come ha giustamente auspicato Fabrizio Sala, vicepresidente della Regione Lombardia, nel suo intervento durante la presentazione di Vitae 2017.


Rubriche

In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo