La grande festa per i TheFork Restaurants Awards 2021: tutti i premiati, la cronaca e le foto della serata

Il torinese Opera, guidato dallo chef Stefano Sforza, è stato il ristorante più votato. Enrico Bartolini ha firmato la cena per oltre 150 ospiti negli spazi della Triennale di Milano

16-11-2021
a cura di Niccolò Vecchia
La celebrazione del ristorante più votato della t

La celebrazione del ristorante più votato della terza edizione dei TheFork Restaurants Awards - New Openings: Stefano Sforza, chef di Opera a Torino

E' stata una festa bella ed emozionante: la serata di gala che ha concluso la terza edizione dei TheFork Restaurants Awards -  New Openings, organizzati da Identità Golose e dalla piattaforma internazionale leader nelle prenotazioni TheFork, dopo due anni di pausa forzata, ha avuto un significato importante. Fin dalla sua ideazione, questo progetto ha avuto l'obiettivo di aiutare i clienti a individuare e provare ristoranti appena aperti e supportare queste nuove imprese nella loro crescita. 

Un'iniziativa dunque che scommette sul futuro della ristorazione: non un premio con dei vincitori a primeggiare sugli altri, ma un grande lavoro di scouting e di comunicazione che costituisce un’occasione di visibilità importante per i giovani (e meno giovani) imprenditori e chef selezionati, oltre che un punto di riferimento sempre più autorevole per appassionati e operatori del settore.

Federico Quaranta, presentatore della serata, per aprire la premiazione ha chiamato sul palco Almir Ambeskovic, Paolo Marchi e Claudio Ceroni 

Federico Quaranta, presentatore della serata, per aprire la premiazione ha chiamato sul palco Almir Ambeskovic, Paolo Marchi e Claudio Ceroni 

E' evidente quindi quale sia stato il valore della ripresa di un progetto come questo dopo un periodo così drammatico per il mondo della ristorazione e quanto sia stato confortante e coinvolgente poter ritrovarsi in un luogo splendido come la Triennale di Milano per celebrare i dieci ristoranti più votati dagli utenti della piattaforma TheFork. Dieci su sessantaquattro: tutti vincitori, scelti da 80 Top Chef italiani selezionati da Identità Golose tra nuove aperture e nuove gestioni del periodo compreso tra gennaio 2019 e agosto 2021.

Almir Ambeskovic

Almir Ambeskovic

E' stato Almir Ambeskovic, Amministratore delegato di TheFork e artefice di questa iniziativa insieme a Paolo Marchi e Claudio Ceroni di Identità, a sottolineare per primo dal palco il significato di questo appuntamento: «Fa bene assistere alla ripresa della ristorazione, duramente colpita dalla pandemia e che sta riemergendo con vivacità ed energia: l'entusiasmo di ritrovarsi e ripartire insieme sono i veri protagonisti di questa serata di premiazione. Oggi più che mai è fondamentale per noi essere al fianco dei ristoratori e i TheFork Restaurants Awards sono la perfetta espressione del nostro impegni, che si traduce nella scoperta di nuovi ristoranti, dei trend del futuro, celebrando chi investe in questo settore».

Claudio Ceroni al fianco della moglie Paola Valeria Jovinelli

Claudio Ceroni al fianco della moglie Paola Valeria Jovinelli

«Questa terza edizione - ha commentato Claudio Ceroni, presidente di MAGENTAbureau - conferma l'unicità di una iniziativa nata per premiare le più promettenti e innovative imprese della ristorazione, e le insegne storiche che sanno rinnovarsi. Tutto a partire dalle autorevoli segnalazioni degli 80 Top Chef, che scelgono di sostenere colleghi e imprenditori particolarmente meritevoli. Un fatto non da poco: il senso di comunità che emerge da questo progetto, la voglia di grandi professionisti di sottolineare il lavoro di altri colleghi, sono elementi davvero notevoli, che in altri contesti sarebbero forse impensabili».

Paolo Marchi

Paolo Marchi

«Tutti i 64 ristoranti nominati meritano una sosta - ha concluso Paolo Marchi, ideatore e curatore di Identità Golose - sono cuochi e imprenditori che hanno saputo reagire e rigenerarsi senza rinunciare alla qualità, per ripartire più forti di prima. Quest'anno, guardando la lista dei dieci ristoranti più votati dagli utenti di TheFork, si notano inoltre delle differenze rispetto alle due edizioni passate. Se nel 2018 e nel 2019 i due ristoranti più votati erano milanesi, quest'anno nessuna insegna meneghina è arrivata nei primi dieci. E c'è una interessante omogeneità nella distribuzione tra Nord, con tre rappresentanti, Centro con quattro e Sud ancora con tre indirizzi».

Damien Rodiére

Damien Rodiére

E' intervenuto anche Damien Rodiére, Senior regional director Western Europe di TheFork, che ha ricordato come questo progetto, partito dall'Italia, sia di rilevanza strategica internazionale per TheFork. Tra due settimane si concluderà infatti la prima edizione francese degli Awards e l'iniziativa verrà presto proposta anche in altre nazioni in cui opera la piattaforma.

I dieci premiati sul palco

I dieci premiati sul palco

Ecco l'elenco dei dieci ristoranti più votati dagli utenti di TheFork:

Ahimè - Bologna - Chef Lorenzo Vecchia - Segnalato da Mauro Buffo
Antica Friggitoria La Masardona - Roma - Chef Cristiano Piccirillo - Segnalato da Salvatore Bianco
Aromaticus Trastevere - Roma - Chef Nicolò Cini - Segnalato da Cristina Bowerman
Balìce - Milazzo (Messina) - Chef Giacomo Caravello - Segnalato da Moreno Cedroni e da Pietro D'Agostino
Bianca sul Lago - Oggiono (Lecco) - Chef Emanuele Petrosino - Segnalato da Danilo Ciavattini
Il Bikini - Vico Equense (Napoli) - Chef Giulio Coppola - Segnalato da Alfonso Caputo
Marzapane - Roma - Chef Guglielmo Chiarapini e Francesco Capuzzo Dolcetta - Segnalato da Gianfranco Pascucci
Opera - Torino - Chef Stefano Sforza - Segnalato da Matteo Baronetto, da Michelangelo Mammoliti e da Christian e Manuel Costardi
Ottolire - Locorotondo (Bari) - Chef Vincenzo Digiuseppe - Segnalato da Domingo Schingaro
Sintesi - Ariccia (Roma) - Chef Sara Scarsella e Matteo Compagnucci - Segnalato da Valeria Piccini

Tutti e dieci sono stati chiamati sul palco per ricevere l'applauso della sala gremita, e si sono raccontati in un video molto emozionante, realizzato da Identità Golose e da Tuorlo, che presto sarà disponibile sulla nuovissima piattaforma video Identità Digitali (qui tutte le informazioni). 

Enrico Bartolini

Enrico Bartolini

La serata è stata resa ulteriormente speciale da un menu preparato per l'occasione dallo chef più stellato d'Italia, Enrico Bartolini, che nel suo saluto al pubblico presente ha voluto sottolineare quanto sia giusto e importante «premiare oggi chi ha deciso di aprire in un periodo così complicato, dimostrando grande cuore e grande coraggio. Il cuore è un elemento fondamentale nel nostro lavoro: anche in cucina, deve essere sempre connesso alle mani e alla testa, così che le nostre idee finiscano poi nel piatto e arrivino ai commensali nel modo migliore». In abbinamento ai piatti, sono stati serviti i vini firmati da Gerry Scotti e realizzati da Cantine Giorgi, azienda vitivinicola dell'Oltrepò Pavese (qui una presentazione del progetto). 

Gerry Scotti

Gerry Scotti

A ricevere il premio di ristorante più votato di questa edizione dei TheFork Restaurants Awards è stato Opera, il ristorante torinese guidato dal titolare Antonio Cometto e dallo chef Stefano Sforza

Stefano Sforza con Almer Ambeskovic e Christian Costardi, uno dei Top Chef che ha nominato Opera per questa edizione degli Awards

Stefano Sforza con Almer Ambeskovic e Christian Costardi, uno dei Top Chef che ha nominato Opera per questa edizione degli Awards

«L'inizio di questa esperienza - ha commentato a caldo Antonio Cometto - è stato davvero meraviglioso, fin dall'incontro con Stefano Sforza. Dopo due anni di ricerche abbiamo individuato la location giusta per quello che avevamo in mente. Dall'incontro con Stefano sono nate subito energie molto positive: abbiamo aperto e lavorato molto bene per nove mesi. Poi lo stop imposto dal Covid: non ci siamo fatti prendere dal panico, siamo rimasti presenti per come abbiamo potuto, senza mai interrompere il rapporto con i nostri clienti e da quando abbiamo potuto riprendere a fare al meglio il nostro lavoro sono arrivate grandi soddisfazioni. Questa sera è la celebrazione perfetta per il percorso che abbiamo intrapreso».

Antonio Cometto e Stefano Sforza

Antonio Cometto e Stefano Sforza

«Sono ovviamente felicissimo - ci ha detto con un sorriso luminoso lo chef Stefano Sforza - e non posso che pensare a tutti i ragazzi che ogni giorno, con il sorriso, anche nei giorni più difficili, hanno abbracciato il lavoro che stiamo facendo insieme. I risultati arrivano da questo lavoro di squadra, in cucina come in sala, senza la quale non sarebbe possibile riuscire a trasmettere le idee che sviluppiamo con i nostri piatti. Abbiamo iniziato questo percorso con un progetto chiaro, sappiamo che c'è ancora molto da fare, che dobbiamo crescere, ma i clienti che ci seguono dai primi giorni ci dicono che trovano la nostra cucina sempre più precisa, più netta, più concreta. Fin da subito con Antonio ci siamo trovati sull'idea di dare un ruolo importante alla sostenibilità nella nostra identità gastronomica: è una sfida bella e impegnativa, che a volte ci costringe a dei sacrifici, ma per un obiettivo di rilevanza assoluta. Ad esempio, proprio in questi giorni stiamo togliendo i ricci di mare dal menu, come da nuove indicazioni di pericolo per questo tesoro del mare, così ci si mette alla prova per individuare nuove soluzioni».

L'importanza del tema della sostenibilità è stata ricordata anche da Aldo Mario Cursano, vice presidente vicario della Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi, intervenuto durante la serata: «Condividiamo con TheFork e con Identità Golose l'obiettivo di accompagnare e sostenere la ristorazione italiana, oggi è molto bello respirare un clima di grande comunità, dopo che la pandemia ci ha scoperto fragili e in difficoltà. Seguendo questo spirito, è fondamentale ricordarci delle nostre responsabilità collettive, che ci devono portare ad avere grande attenzione per l'impatto ambientale delle nostre scelte».

Durante la cena di gala che ha concluso la terza edizione dei TheFork Restaurants Awards sono state infine assegnate anche cinque menzioni speciali: 

Premio Acqua Panna - S.Pellegrino a Bianca sul Lago, Oggiono (Lecco)
Premio Engine ad Aromaticus Trastevere, Roma
Premio Fever Tree a Balìce, Milazzo (Messina)
Premio Consorzio Parmigiano Reggiano ad Ahimè, Bologna
Premio Italicus a Marzapane, Roma

Partner preziosi del progetto sono stati: Acqua Panna - S.Pellegrino, Consorzio Parmigiano Reggiano, Italicus e RSRV Mumm, Hyundai, Engine, Fever Tree, Sheraton Diana Majestic, Bibite Sanpellegrino, Goeldlin, Caraiba.