13-08-2023

Amalfi Coast: ospitalità, alta cucina e limoneti, dove domina il profumo intenso dell’agrume sfusato

Ci siamo lasciati incantare da due gioielli dell'accoglienza in Costiera Amalfitana: vi portiamo all'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel e al Santa Caterina, alla scoperta dello splendido borgo marinaro

La vista mozzafiato dall'Anantara Convento Gra

La vista mozzafiato dall'Anantara Convento Grand Hotel Amalfi

L’antica repubblica marinara di Amalfi è il comune che identifica l’intera costiera snodata su un mare blu, arricchito da scogli e incantevoli terrazzamenti.  Poco più di tre chilometri quadrati di paradiso. Varcando le porte cittadine resterete colpiti da una frase incisa: “Il giorno del giudizio per gli amalfitani che andranno in paradiso, sarà un giorno come tutti gli altri”. È sottinteso il seguito, “perché il paradiso ce l’hanno già qui, a casa loro”.

Non è un caso che l’Unesco, da tempo, lo abbia dichiarato “patrimonio mondiale dell’Umanità”. Un borgo in cui domina il Duomo di Sant’Andrea Apostolo che vi suggeriamo di visitare, ma attenzione se siete scaramantici: la leggenda narra di non salire le scale mano nella mano con la vostra metà perché pare sia avverso al rito matrimoniale. Facendo una passeggiata verso il molo, è impossibile non restare ipnotizzati dall’ ex convento che domina la baia: è il rinnovato Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel, novità assoluta di questa stagione.

L'esclusività degli spazi di questo gioiello dell'ospitalità, completamente ristrutturato

L'esclusività degli spazi di questo gioiello dell'ospitalità, completamente ristrutturato

Un luogo paradisiaco dove soggiornare, ristorarsi e godere di Spa e piscina a sfioro, con panorama dalla bellezza ipnotizzante. Una ristrutturazione moderna che soddisfa una clientela internazionale, con uno staff giovane e sorridente che mette in pratica un’impeccabile arte dell’ospitalità.

La piscina a sfioro

La piscina a sfioro

All’arrivo sarete accolti con un calice di acqua aromatizzata con il Limone sfusato di Amalfi, una bevanda rinfrescante dove l’agrume è protagonista assoluto. Limone Sfusato perché ha una forma ellittica e affusolata, dimensioni davvero identitarie e profumo intenso; un agrume dalla buccia molto più spessa del normale e ricca di olii essenziali, che ormai regna nelle cucine di questa costa oltre a essere esportato, cercando di portare un po’ di questa magia sulle tavole del mondo.

Il limone sfusato

Il limone sfusato

Quella dell’Anantara è una cucina in continua evoluzione che deve soddisfare esigenze esterofile senza mai perdere di vista i profumi dell’orto e il pescato freschissimo. Inoltre, il Convento ha inaugurato una proposta pizza con Gino Sorbillo, cercando di integrare i prodotti del paniere Amalfitano-Campano nelle ricettazioni, da degustare sia a pranzo che a cena. Una ristorazione condotta dal cuoco Claudio Lanuto regista indiscusso anche nel ristorante Dei Cappuccini, interno alla struttura.

Una proposta mediterranea che accoglie anche novità alcoliche piuttosto interessanti. È il caso della Birra Ravello al Limoncello prodotta dal ravellese Alessio Amato, un archeologo, beer lover, ideatore di una ricetta applicata alla fermentazione degli zuccheri del limoncello nella birra. È nata nel 2012 dalle acque del Matese. Oggi si può trovare al Convento e presso i migliori indirizzi di ospitalità e ristorazione della costiera, ma è acquistabile anche on line scrivendo a info@ravello.beer. L’equilibrio gustativo esaltato dall’agrume si fonde in un sorso delicato, dissetante, poco gasato. Perfetta per un aperitivo e ideale con pizza, pesci e paste mediterranee.

Il limone sfusato di Amalfi arricchisce gli spazi ospitali della struttura: i Limoneti storici, delimitano percorsi interni che celano pace e relax. Imperdibile una tappa nella Spa, che applica le proprietà energizzanti dell’agrume amalfitano a trattamenti specifici e disponibili tutto l’anno. L’hotel, infatti, sarà aperto anche nei mesi invernali, Natale incluso.

Ma Amalfi è anche carta artigianale: ci spostiamo nel cuore cittadino per una visita al Museo della Carta, un gioiello culturale, che vede nelle botteghe artigiane lungo il corso principale, una vetrina di taccuini, agende e semplici bigliettini fatti a mano, ricchi di dettagli d’altri tempi.

Il tramonto dall' Hotel Santa Caterina, Amalfi

Il tramonto dall' Hotel Santa Caterina, Amalfi

Percorrendo l’arteria principale della costiera, SS 163, direzione Positano, troverete un altro albergo storico, il Santa Caterina, che, colpisce per un’eleganza senza tempo, fatta di maioliche colorate, terrazze adornate di bouganville e limoneti, e una sequenza di camere disposte su un asse verticale fino a sfiorare il mare. Ammaliante la piccola spiaggia a picco sul blu con un singolare approdo per le barche. Qui vive Glicine, ristorante 1 Stella Michelin, guidato dallo chef Giuseppe Stanzione che, con apparente semplicità e tecnica, trasferisce il suo talento in piatti ricchi di quella mediterraneità che il luogo emana. Uno chef che, proprio a marzo, prima dell’apertura stagionale 2023 in Costiera, ha allietato gli ospiti di Via Romagnosi 3 (ne abbiamo scritto nell'articolo L'Amalfi di Giuseppe Stanzione: intreccio perfetto tra terra e mare).

Da provare il menu green: vegano e vegetariano. Il vegetale è protagonista dall’antipasto al dolce, sprigionando gusto, estetica e sapori che a occhi chiusi ti riporterebbero proprio in questo angolo di Paradiso. Il ristorante è aperto solo la sera con una proposta gastronomica in continua evoluzione. Imperdibile il dessert con il Limone sfusato e una carta dei vini che contiene molte etichette suggerite dalla nostra App Bollicine del Mondo, guida unica, gratuita e da quest’anno anche in lingua inglese. Da avere sempre quando si viaggia.


Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

Cinzia Benzi

a cura di

Cinzia Benzi

laureata in psicologia, è stata rapita dalla galassia di Identità Golose. Se lo studio del vino è la sua vita, la vocazione di buongustaia è una scoperta in evoluzione

Consulta tutti gli articoli dell'autore