Mosbet
Library zlibrary project
Scopri come Everix Edge sta rivoluzionando il trading di Bitcoin con sicurezza ed efficienza.
Imbarcati in un viaggio di gioco unico con Pin-up Casino! Connettiti con noi attraverso il nostro link su ক্যাসিনো e immergiti in una varietà di giochi avvincenti e incredibili bonus. Inizia la tua avventura di gioco ora!
Top 10 best online casino sites from Outlookindia
Immediate Core: Canada's prime choice for investment learning

04-09-2023

È una pasta? «No, è un dessert». Non dire Cassate! (Ossia: Gucci Osteria ai confini tra dolce e salato)

Karime Lopez e Takaiko Kondo esplorano i mondi del gusto con "Non dire Cassate" e altri piatti: lo stesso spaghetto alle mandorle e pistacchi fa da primo piatto (coi gamberi) o da dessert (col cedro), e così via

Non dire Cassate, piatto di Karime Lopez e Takahik

Non dire Cassate, piatto di Karime Lopez e Takahiko Kondo qui in versione salata, come primo piatto, con il gambero. Senza gambero e con il cedro candito, diventa invece un dessert. Al Gucci Osteria di Firenze

In uno spericolato e fascinoso gioco di sponde tra la Sicilia e il Messico, tra Firenze e il Giappone, con una puntatina persino di Catalogna, uno stesso piatto può essere pensato, solo con piccoli diversi accorgimenti, come un primo di pasta e nel contempo anche come dessert? Non dire Cassate risponderebbe qualcuno, che poi è Non dire Cassate, appunto, la soluzione stessa dell'enigma. Ossia: apro su internet il menu à la carte del Gucci Osteria di Firenze e vi trovo, subito dopo l'iconico Taka Bun - diciamo, l'ultimo degli antipasti - anche Non dire Cassate, ossia "spaghetti tiepidi con pistacchio, crema di mandorla & gamberi rossi". Ohibò, qualcosa non torna: noi l'abbiamo assaggiato Non dire Cassate, buonissimo, però nel degustazione del Gucci era un dolce, o un originale quasi-dolce comunque al finale del pasto, "spaghetti tiepidi con pistacchio, crema di mandorla e cedro". E dunque?

Dunque occorre investigare, attività che richiama un'altra investigazione, quella della messicana Karime Lopez e del giapponese Takahiko Kondo, coppia sulla tolda di comando al Gucci toscano di Piazza della Signoria. E il tutto a richiamare a sua volta altre ulteriori investigazioni: come quella del catalano Ferran Adrià, “Si cancellano le barriere tra il mondo dolce e il mondo salato”, punto 13 del suo Manifesto, anno 2006; e quelle, iniziate peraltro ben prima, di Corrado Assenza, che nel suo lavoro di recupero contemporaneo (retroinnovazione) della memoria gustativa e della cultura materiale siciliana ha sempre teorizzato il superamento del confine dolce-salato come rinvenimento di una radice gastronomica un po' dimenticata ma tipica del Mediterraneo: «La natura non è dolce o sapida: queste sono categorie che applichiamo noi umani, in maniera del tutto arbitraria, alla cucina e all’ordine delle pietanze». Ecco qui, dunque, questa sorta di pentangolazione Sicilia-Messico-Firenze-Giappone-Catalogna. (Nota bene: le mandorle che utilizzano al Gucci Osteria per Non dire Cassate sono proprio di Corrado Assenza, tutto torna).

Takahiko Kondo e Karime Lopez in una pausa dolce

Takahiko Kondo e Karime Lopez in una pausa dolce

Karime e Taka stanno lavorando su questo filone. Ce lo spiega lei: «Già in passato abbiamo chiuso il menu con una pasta, innanzitutto come omaggio che noi due, stranieri, facciamo all'Italia, e poi perché in questo Paese è normale trattenersi lungamente al tavolo a chiacchierare», è la convivialità mediterranea che culmina nel rito della "spaghettata di mezzanotte", già celebrato al Gucci con una sorta di midday midnight spaghetti dalle varie declinazioni (alternativa: come chiusura del pasto, i tortellini cotti in brodo di cappone con crema di Parmigiano 24 mesi, al Gucci lo chiamano Compromesso storico perché compromesso dolce-salato, e anche Modena-Bologna nella fattura, e Italia-estero nella collocazione). Viene in mente anche il Midnight in Tokyo di Massimo Bottura: soba tiepida di grano saraceno, pesto mediterraneo e baccalà.

Compromesso storico, foto Tanio Liotta

Compromesso storico, foto Tanio Liotta

Karime e Taka sono dunque impegnati in questa ricerca delle radici dell'italianità a tavola, che li affascinano. E sono dunque arrivati anche in Sicilia, terra dalla quale Non dire Cassate prende ovviamente spunto, «abbiamo pensato alla cassata siciliana e abbiamo utilizzato tutti i suoi ingredienti per una pasta che avesse i medesimi colori, con ogni ingrediente riconoscibile in bocca». In versione salata, sono spaghetti tiepidi con pistacchio, crema di mandorla & gamberi rossi di Mazara del Vallo, ed è un primo piatto; cambia poco nella declinazione a chiudere la cena, dolce-salata, in equilibrio tra i mondi e come sorta di spaghettata di mezzanotte: in questo caso la pasta, sempre mantecata in una crema di pistacchio, incontra il cedro «che noi candiamo, poco» e una ricotta di bufala che «lasciamo asciugare per 15 giorni con sale affumicato e tè nero cinese affumicato Oolong», il quasi-cacio apporta suadenti note erbacee e di fumo. La dolcezza è regalata da quella, naturale, di mandorla e pistacchio, oltre che al leggero apporto del cedro (e d'altra parte si potrebbe dire: anche il gambero, nella versione salata-salata, è in realtà anche dolce).

Non dire Cassate dall'alto

Non dire Cassate dall'alto

Aggiungono Karime e Taka: «Ci innamoriamo delle regioni dell'Italia, in Sicilia abbiamo trovato texture e sapori che per noi sono nuovi, perché non siamo nati con quel palato». Però - precisano - questo superamento del confine tra dolce e salato, tipico dell'isola, è per loro alieno nella forma ma non nel concetto, «esiste sia nella tradizione messicana che in quella giapponese». Insomma, la quadratura del cerchio.

Il Cannolo che vuole diventare un cannellone, foto Tanio Liotta

Il Cannolo che vuole diventare un cannellone, foto Tanio Liotta

Maremma che ostrica!, foto Tanio Liotta

Maremma che ostrica!, foto Tanio Liotta

Altri esempi? Rimaniamo in Trinacria, sempre col menu del Gucci Osteria, ed ecco Il Cannolo che vuole diventare un cannellone, dolce nella forma (del cannolo siciliano), salato nella sostanza con note però dolci, l'impasto è di fagioli cannellini tostati e disidratati con l'aggiunta di Sangiovese, il ragù è di chianina e la spuma di ricotta salata, si completa con pistacchi e arancia salata candita. Divaghiamo con Maremma che ostrica!, assaggio di qualche mese fa, uno starter dove ostriche e bacon incontravano il panettone.

Anguilla in carrozza, foto Tanio Liotta

Anguilla in carrozza, foto Tanio Liotta

Ma ancor più calzante è l'Anguilla in carrozza, «la prepariamo con tecnica giapponese ma ha una laccatura con crema di zucca caramellizzata al posto della soia. Di fianco serviamo un tortellone alla zucca tradizionale - ispirato agli insegnamenti di Lidia Cristoni - in cui la cucurbitacea va mischiata con gli amaretti» ma in cui la finale grattata di Parmigiano è sostituita da una grattata di rafano, qui il concetto è: «Il pasto tradizionale italiano finiva spesso con la frutta al posto del dolce, dunque con un elemento sgrassante e rinfrescante che puliva il palato dopo un elemento grasso», in questo caso l'anguilla chiude il degustazione più breve al Gucci, chiamato I Nostri Souvenirs, come se fosse un dolce; nel precedente esempio Non dire Cassate, uno spaghetto "ingrassato" con mandorla e pistacchio, chiude il percorso più lungo, Le Nostre Nuove Memorie. In sintesi estrema: scompaginare il gioco del menu classico.


Carlo Mangio

Gita fuoriporta o viaggio dall'altra parte del mondo?
La meta è comunque golosa, per Carlo Passera

a cura di

Carlo Passera

classe 1974, milanese orgoglioso di esserlo, giornalista professionista dal 1999, ossia un millennio fa, si è a lungo occupato di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta su viaggi e buona tavola. Coordinatore della redazione di identitagolose.it e curatore della Guida di Identità Golose alle Pizzerie e Cocktail Bar d'autore. Instagram: carlopassera

Consulta tutti gli articoli dell'autore