Reverso: l'evoluzione del coltello da chef

L'invenzione dello chef laziale Franco Di Nicola è stata presentata a Identità Future, durante i giorni di Host

26-10-2017
Il coltello Reverso è stato usato da tutti gli os

Il coltello Reverso è stato usato da tutti gli ospiti del palco di Identità Future. Sono già molti gli chef che si sono interessati a questo prodotto: tra i tanti, Cristina Bowerman, per cui Di Nicola sta preparando un coltello speciale con il manico dello stesso colore dei suoi capelli

Uno degli ospiti fissi, sul palco della terza edizione di Identità Future, il format concepito da Identità Golose per Host, il salone della ristorazione professionale di Milano, è stato un coltello. Ma non un coltello normale, per quanto prestigioso nella sua composizione. Ma un coltello molto speciale, chiamato Reverso, ideato dal giovane chef laziale Franco Di Nicola, che Paolo Marchi ha incontrato in uno dei suoi tanti viaggi golosi in giro per l'Italia, invitandolo a partecipare a questo evento.

Franco Di Nicola sul palco di Identità Future

Franco Di Nicola sul palco di Identità Future

La scintilla per far nascere questo progetto, come ha raccontato Di Nicola durante la sua presentazione, è arrivata da un semplicissimo "incidente", uno di quelli che normalmente si liquidano con un'alzata di spalle, o magari un imprecazione. Rientrando dal suo lavoro lo chef ha preso la borsa dove teneva un coltello, che si è aperta, e il coltello ne è uscito, sfilandosi anche dal fodero e conficcandosi sul sedile dell'auto. 

Una volta a casa, invece di preoccuparsi del sedile della sua macchina, Franco Di Nicola si è messo a disegnare, immaginando delle soluzioni che permettessero a un coltello da chef di non dare più questo genere di problemi, mettendo in discussione l'idea stessa della forma del coltello, che è praticamente identica da sempre. 

«Il primo disegno risale al 2008: c'è stato tanto lavoro prima, anche perché io non sono un ingegnere - ci racconta Di Nicola - ma con lo studio e con l'appoggio di un amico designer, sono riuscito a trovare la soluzione giusta». Il risultato è un coltello che non solo si richiude per essere trasportato con facilità preservando il filo e la punta della lama, ma che «grazie alla posizione del manico avanzata permette di avere un baricentro al centro della lama, ottenendo tagli più decisi e netti senza affaticare l’utilizzatore».

Per ora il Reverso è prodotto con una lama da 21 cm, adatta a tutti gli utilizzi, realizzata «in un acciaio molto performante prodotto dalla Mercury di Maniago. Ha una durezza di 58 HRC, è arricchito al vanadio che gli dona maggiore resilienza e duttilità, riscontrabili in un ottima tenuta del filo ed una grande facilità di affilatura».

Cruciale, per la buona riuscita del progetto, ci dice ancora Di Nicola, «è stato l’incontro con la Crumec di Aprilia che ha seguito lo sviluppo del coltello, permettendo anche la nascita anche di numerosi gadget con cui customizzare il prodotto». Il codino che si attacca al manico, infatti, «non solo permette di proteggere la lama, ma può anche accogliere uno spilucchino da 8 cm o una pietra per arrotare la lama e tante sono ancora le idee in fase di sviluppo».

Non solo nei coltelli: Franco Di Nicola ha mostrato al pubblico di Identità Future i progetti di alcuni taglieri, che possono diventare delle postazioni da lavoro più articolate, e sono ancora molte le idee su cui sta ragionando. Motivo per cui ha chiamato la sua società Reverso Ideas. Aspettando di scoprire la prossima...


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose