Edoardo Fumagalli vince la finale italiana di S.Pellegrino Young Chef

Si è imposto sugli altri nove concorrenti: ora l'attende la finalissima internazionale, a Milano nel giugno 2018

11-09-2017

Edoardo Fumagalli – chef de La Locanda del Notaio a Pellio Intelvi (Como), ha vinto la finale italiana della terza edizione del concorso S.Pellegrino Young Chef: il progetto di scouting internazionale promosso da S.Pellegrino che mira a individuare il miglior giovane chef al mondo. Il suo piatto: Gambero carabiniere, animelle glassate, croccante alle alghe con insalatina aromatica.

Più o meno in contemporanea, in molti altri Paesi si sta svolgendo una selezione analoga, che porterà poi a stilare la lista dei partecipanti alla finale mondiale in programma a giugno 2018: i giovani talenti in gara sono stati selezionati tra migliaia di candidature in oltre 90 Paesi.

La sfida tra i dieci finalisti italiani si è appena conclusa in un luogo molto speciale ed eclettico come il Circolo Marras in via Cola di Rienzo 8 a Milano. A valutare i piatti è stata una giuria formata da Cristina Bowerman (Glass Hostaria, Roma), Caterina Ceraudo (Dattilo, Strongoli), Carlo Cracco (Cracco, Milano), Loretta Fanella (consulente pasticciera e Ristorante Borgo San Jacopo, Firenze), Anthony Genovese (Il Pagliaccio, Roma) e Ciccio Sultano (Duomo, Ragusa Ibla).

Ecco i nomi degli altri chef che si sono sfidati: 

Manuel Bentivoglio – chef dell’Agriturismo Roccamaia a Pievebovigliana (Macerata)
Filetto di cinghiale con fave, pecorino e mele caramellate al vino rosso

Vincenzo Dinatale – sous chef presso il Ristorante Il Pellicano dell’Hotel Il Pellicano a Porto Ercole (Grosseto)
Pancia di Capretto, Cicala di mare "gonfiata" al Bergamotto, Cilantro, Lampascione e Mosto Cotto di Fichi​

Carmelo Fiore – sous chef presso Il Luogo di Aimo e Nadia a Milano
Sud Europa - Carrè di agnello farcito con ventresca di tonno rosso sott'olio e cedro calabrese candito​

Daniele Groppo – chef de partie presso il Ristorante Terrazza Danieli a Venezia
Nervetto di vitello marinato e grigliato, radice amara e ristretto di "Go"​

Alberto Lazzoni – chef de partie presso il ristorante Lux Lucis dell’Hotel Principe a Forte dei Marmi (Lucca)
Vantablack Cube, lingua soppressata e tamarindo​

Luca Natalini – chef della Taverna di Bacco a Nettuno (Roma)
Pigeon 3000 km​

Alessandro Salvatore Rapisarda – chef del Cafè Opera di Recanati (Macerata)
Piccione brasato e insalata - Incontro tra un salmì e un dolceforte​

Antonio Sena – sous chef del ristorante Vun del Park Hyatt a Milano
Lamb...Rusco Pop Corn & Barbabietola​

Andrea Vitali – sous chef del ristorante I Fontanili a Gallarate (Milano)
Pernice, Porri e Nocciol


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose