Padoan e gli impasti "da abbinamento"

La nuova frontiera del pizzaiolo de I Tigli: dischi aromatizzati a diversi cereali, che si sposano alla perfezione col topping

15-11-2017
Porca l’oca: impasto di pan brioche arricchito

Porca l’oca: impasto di pan brioche arricchito con semi di girasole e sesamo bianco e nero, farcitura con oca cotta nel forno a legna, lardo, foie gras e composta di pere cotogne. E' una delle ultime creazioni di Simone Padoan

Sintesi e (apparente) semplicità: che poi vuol dire focus sulla pulizia del gusto, no frills ma via libera alla complessità. Se qualche anno fa si trattava di puntare sulla qualità della pizza, per migliorarla, e dunque era logico aggiungere, arricchire, oggi l’alta pizzeria non può che ragionare – ancora una volta - come l’alta cucina, facendo proprie le tendenze più recenti di quest’ultima. E dunque si pone ora l’obiettivo di mirare alla purezza del gusto, levando orpelli e integrando sul piatto una formula disco+topping che sia immediata, quasi didascalica (la pizza parla al popolo, è democratica), ma contenga in sé un intero compendio di suggestioni, aromatiche e non solo.

Padoan al lavoro (foto Paolo Marchi)

Padoan al lavoro (foto Paolo Marchi)

Considerazioni, queste, che si sono affastellate nella nostra mente al termine di un recente passaggio a I Tigli, chez Simone Padoan. La notizia è questa: dopo aver tanto innovato sul condimento, ora il pizzaiolo di San Bonifacio torna a ragionare sugli impasti. E lo fa proponendone di nuovi – in tutto ora sono sette – grazie all’uso di diversi cereali. «E’ una scelta che deriva dalla mia voglia di andare sempre avanti – ci ha spiegato – Mi sono chiesto: perché non studiare impasti “da abbinamento” per così dire, ossia che regalino note aromatiche particolarmente adatte a incontrare determinati tipi di topping?».

La pizza Polenta e baccalà

La pizza Polenta e baccalà

Una sorta di pairing, direbbe un sommelier: il disco ideale per accogliere al meglio quanto va a sormontarlo. «In prima istanza abbiamo preparato una focaccia romana al mais e semi di girasole, perché cercavo qualcosa che si sposasse alla perfezione con una pizza Polenta e baccalà (con anche spinaci al cartoccio e pinoli, ndr). Poi la ricerca è proseguita».

Di nuovo la focaccia romana al mais e semi di girasole, ma con ceviche di gamberi rossi, finocchio all’arancia e burrata

Di nuovo la focaccia romana al mais e semi di girasole, ma con ceviche di gamberi rossi, finocchio all’arancia e burrata

Focaccia all’orzo con fiordilatte, cime di rapa al cartoccio, animelle spadellate al burro e limone

Focaccia all’orzo con fiordilatte, cime di rapa al cartoccio, animelle spadellate al burro e limone

Nella nostra degustazione, lo stesso impasto che abbiamo citato – buo-nis-si-mo – ha anche incontrato un ceviche di gamberi rossi con finocchio all’arancia e burrata. Poi ecco una focaccia all’orzo con fiordilatte, cime di rapa al cartoccio, animelle spadellate al burro e limone; quindi un impasto di segale e avena con fiordilatte, verza passita con soia, zenzero e mirin, guancia di maiale sfumata alla croatina. Pizza semplicemente goduriosa.

Ma il culmine è forse stata Porca l’oca, impasto di pan brioche arricchito con semi di girasole e sesamo bianco e nero, farcitura con oca cotta nel forno a legna, lardo, foie gras e composta di pere cotogne: da sballo.

Impasto di segale e avena con fiordilatte, verza passita con soia, zenzero e mirin, guancia di maiale sfumata alla croatina

Impasto di segale e avena con fiordilatte, verza passita con soia, zenzero e mirin, guancia di maiale sfumata alla croatina

Padoan: «Vogliamo semplificare l’approccio al tavolo, anche se tale passo comporta molta maggiore complessità nella realizzazione. Per questo ci serviamo della tecnologia, sfatando anche un falso mito: e che cioè “tecnologia” sia un male e “naturale” sia un bene. In questo caso, invece, abbattitori e conservatori ci aiutano a mantenere la qualità in impasti che vanno programmati in anticipo, a rotazione, e per codificare tutti quei passaggi che ci consentono di replicare ogni giorno il servizio ad altissimi standard di bontà. E per me non esiste “buono” se non è anche “sano” e “salubre”, sia chiaro».

Difficoltà? «Gestire il “giro” di tutte le diverse lievitazioni». Prospettive? «Sto ragionando su un impasto che integri anche del grano duro». Keep in touch.


Rubriche

Mondo pizza

Tutte le notizie sul piatto italiano più copiato e mangiato nel pianeta