03-05-2023

Il ritorno di Marc Lanteri, a Castagnito d’Alba

Il cuoco francese, adottato da tempo dal Piemonte, ha aperto da poco la sua nuova insegna tra Langhe e Roero. Con lui, gli inseparabili Amy Bellotti e Alessandro Corsini

Amy Bellotti Marc Lanteri, ristorante Marc Lanter

Amy Bellotti Marc Lanteri, ristorante Marc Lanteri a Castagnito (Cuneo)

Diciassette chilometri possono sembrare una distanza relativamente corta. In realtà il passaggio da Grinzane Cavour a Castagnito d’Alba, tra le Langhe e Roero, rappresenta una svolta nella carriera di Marc Lanteri. Molto più di un breve percorso tra due punti segnati su una mappa, un nuovo capitolo da scrivere in una carriera segnata da molti successi e tante collaborazioni nelle cucine di chef premium in Francia e in Italia. 

Marc ha scelto ora il suo campo base per un progetto tutto suo dove proseguire e continuare a offrire, ai suoi affezionati clienti e a chi ancora non ha assaporato la sua cucina, un’esperienza più autentica, leggera e legata al territorio rispetto al recente passato langarolo. Su questo territorio, affacciato sulle colline patrimonio dell’Unesco, si aprono le enormi vetrate delle sala. Per creare un’osmosi visiva e sensoriale con quella terra di cui Lanteri vuole essere interprete, menestrello. 

Il design del ristorante è moderno, minimalista. L’obiettivo è non distogliere il commensale dalla cucina e comunicare un ritorno all’essenzialità. “Questa è una ripartenza – spiega lo chef francese ormai adottato dall’Italia – che poggia le sue fondamenta sulla semplicità di esecuzione, sulla leggerezza e sul forte, fortissimo, legame con questa terra. Non è possibile non trarre ispirazioni da tutti i prodotti che questa parte del Piemonte ci regala. Il nostro compito è portarli a diventare preparazioni e piatti memorabili, riconoscibili e con un imprinting ben definito”.

Cambiamenti sì, resta però il marchio di fabbrica che ha reso tanti riconoscimenti alla sua cucina: la capacità di fare sintesi fra la tipicità piemontese e l’esprit francese, con un approccio moderno e pennellate di innovazione. In sala, come in passato, Amy Bellotti – moglie dello chef, italiana di natali statunitensi – cura la selezione di vini insieme ad Alessandro Corsini, da anni al fianco del duo. Il resto delle brigata è tutto nuovo.

Cubotto di baccalà, carciofi liguri, pachino e salsa pissalat

Cubotto di baccalà, carciofi liguri, pachino e salsa pissalat

“Abbiamo iniziato passo dopo passo, per affinare il team. Ben presto siamo andati a regime con un primo menù che spiega già, chiaramente, quale è e sarà l’impostazione delle cucina. Ho creato piatti capaci di esaltare la freschezza e l’estrema qualità delle materie prime, con uno sguardo al futuro nel rispetto della tradizione. Da sempre abbiamo un ottimo rapporto con i produttori locali. Per noi la sostenibilità non è uno slogan ma un pilastro del progetto. Dobbiamo fare scelte sempre più consapevoli con un maggior controllo dell'origine della materia prima e dei materiali di consumo".

Due i menù per la primavera 2023: "Terra e Scoperta" che completano una carta ben strutturata fra proposte di carne e di pesce. Al ristorante Marc Lanteri non può mancare il foie gras – vera passione dello chef – simbolo delle sue origini francesi oggi proposta in apertura “al torcione” con chutney di frutta secca al Roero Arneis passito.

Molti i piatti che ci si aspetta di gustare a queste latitudini: tagliata di Fassona, agnolotti del Plin, tajarin, risotti in varie declinazioni e ancora lumache, animelle. Ottima la "Terrina di coniglio grigio con marmellata di cipolla rossa" cosi come il "Cubotto di Baccalà, carciofi liguri, pachino e salsa Pissalat". Tutti i piatti sono letti in chiave di frontiera, in un costante dialogo fra Italia e la non distante Francia.

Risotto Carnaroli Acquerello alla clorofila, petto di piccione al Marsala Secco “De Bartoli”

Risotto Carnaroli Acquerello alla clorofila, petto di piccione al Marsala Secco “De Bartoli”

Terrina di Coniglio Grigio, marmellata di cipolla rossa, capperi di Pantelleria e pane tostato

Terrina di Coniglio Grigio, marmellata di cipolla rossa, capperi di Pantelleria e pane tostato

“Un confine che ci unisce – racconta Lanteri – dove la Francia è molto presente per l’aspetto tecnico, nell’approccio e nel metodo, soprattutto nella preparazione e nell’uso della salse, mentre l’Italia la fa da padrona nei prodotti, nelle materie prime, nella narrazione di questo meraviglioso territorio.” Particolare da sottolineare, in un momento storico segnato da aumenti, a volte scellerati, di  costi e prezzi, la sobrietà del conto. Un motivo in più per fargli visita.

Marc Lanteri
via Serra, 21d
Castagnito (Cuneo)
+390173262172
Prezzi medi: antipasti 19, primi 19, secondi 23, dessert 11 euro
Menu degustazione: 55 e 75 euro
Chiuso domenica sera, l'intero lunedì e l'intero martedì


Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

Maurizio Trezzi

a cura di

Maurizio Trezzi

giornalista, classe 1966 con una laurea in Fisica e oggi un lavoro da comunicatore. Ha raccontato due Olimpiadi e 5 Mondiali di atletica leggera su Eurosport. Super appassionato di buona cucina, rhum caraibici e golf

Consulta tutti gli articoli dell'autore