All'hub di Identità, i profumi del Garda. Nel piatto e nel bicchiere

Le pietanze dell'Osteria H20 di Moniga del Garda e i vini del Consorzio gardesano protagonisti martedì scorso della cena concertata da Ascovilo. Tutti i dettagli

28-09-2022
a cura di Identità Golose
Le quattre etichette in pairing ieri sera a Identi

Le quattre etichette in pairing ieri sera a Identità Golose Milano, cena concertata dai vini di Ascovilo e dai piatti di Osteria H20 di Moniga del Garda (Brescia)

Garda protagonista martedì 27 settembre a Identità Golose Milano. Da un lato c'erano i piatti di Mirco Bosio e Saulo Della Valle, chef dell'Osteria H20 di Moniga del Garda, Brescia (li avevamo anticipati qui), dall'altro i calici delle colline attorno allo stesso lago, selezionati da Ascovilo, associazione nata nel 1977 che raggruppa i Consorzi di Tutela dei vini lombardi Docg, Doc e Igt. Una bella serata, i cui contenuti organolettici raccontiamo nella piccola gallery qua sotto. Prossimo appuntanento del ciclo Ascovilo, martedì 4 ottobre con Simone Breda del ristorante Sedicesimo Secolo di Orzinuovi (Brescia) e i vini del Consorzio Lugana.

Il quintetto di sala della serata: da sinistra Iris Garlatti, il maitre Andrea Polini, Simone Sacchetti, Andrea De Francisci e Martina Campigli

Il quintetto di sala della serata: da sinistra Iris Garlatti, il maitre Andrea Polini, Simone Sacchetti, Andrea De Francisci Martina Campigli

Mirco Bosio e Saulo Della Valle, chef dell'Osteria H20 di Moniga del Garda (Brescia)

Mirco Bosio e Saulo Della Valle, chef dell'Osteria H20 di Moniga del Garda (Brescia)

Maia Brut. Inizio pasto con uve Chardonnay e garganega trasformate con metodo italiano (Charmat lungo). Una bollicina di buon fiore e frutto: eleganza e freschezza. Anche in versione Brut Rosé e Maia Benacus Limited edition. maiawine.it

Maia Brut. Inizio pasto con uve Chardonnay e garganega trasformate con metodo italiano (Charmat lungo). Una bollicina di buon fiore e frutto: eleganza e freschezza. Anche in versione Brut Rosé e Maia Benacus Limited editionmaiawine.it

Coregone all’olio “Moniga del Garda 2013”. Quattro ingredienti gardesani in un piatto: coregone, olio extravergine d’oliva, capperi e limoni

Coregone all’olio “Moniga del Garda 2013”. Quattro ingredienti gardesani in un piatto: coregone, olio extravergine d’oliva, capperi e limoni

Riesling Pratello 2021, riesling italico in purezza, da vecchie viti, al naso esprime gli idrocarburi tipici di quest'uva nobile, al palato prevale invece la morbidezza e una salinità piuttosto soft. Affinamento solo in acciaio, per 5 mesi. L'azienda prende il nome da una frazione di Padenghe sul Garda, Brescia. pratello.com

Riesling Pratello 2021, riesling italico in purezza, da vecchie viti, al naso esprime gli idrocarburi tipici di quest'uva nobile, al palato prevale invece la morbidezza e una salinità piuttosto soft. Affinamento solo in acciaio, per 5 mesi. L'azienda prende il nome da una frazione di Padenghe sul Garda, Brescia. pratello.com

Tortello alle erbe amare, marmellata di cipolla rossa e amarene, riduzione all’amaro e crema al Parmigiano Reggiano. Pasta tirata bene; lattico, dolce, erbaceo

Tortello alle erbe amare, marmellata di cipolla rossa e amarene, riduzione all’amaro e crema al Parmigiano Reggiano. Pasta tirata bene; lattico, dolce, erbaceo

Cabernet Sauvignon in purezza di Rocca Sveva, azienda storica di Soave (Verona). Annata 2020, riposa in barrique per 6/8 mesi. Rosso rubino, tannino importante ma gentile. roccasveva.it

Cabernet Sauvignon in purezza di Rocca Sveva, azienda storica di Soave (Verona). Annata 2020, riposa in barrique per 6/8 mesi. Rosso rubino, tannino importante ma gentile. roccasveva.it

Salmerino come un arrosto, con polenta, germogli di torzella, radice di prezzemolo al cartoccio

Salmerino come un arrosto, con polenta, germogli di torzella, radice di prezzemolo al cartoccio

Chiusura ancora con Rocca Sveva. Il Recioto di Soave 2018 è ricavato da uva garganega in purezza, appassita su graticci. Il 20% è affetto dalla nota muffa nobile (botrytis cinerea), che regala profondità al naso e al palato. Macerazione metà acciaio, metà barrique

Chiusura ancora con Rocca Sveva. Il Recioto di Soave 2018 è ricavato da uva garganega in purezza, appassita su graticci. Il 20% è affetto dalla nota muffa nobile (botrytis cinerea), che regala profondità al naso e al palato. Macerazione metà acciaio, metà barrique

Purea di dattero, gelato all’aceto di miele, spuma al latte concentrato e cialde al miele di rododendro. Freschezza, grassezze contenute, piacevoli asprezze

Purea di dattero, gelato all’aceto di miele, spuma al latte concentrato e cialde al miele di rododendro. Freschezza, grassezze contenute, piacevoli asprezze


Rubriche

Identità Golose Milano

Racconti, storie e immagini dal primo Hub Internazionale della Gastronomia, in via Romagnosi 3 a Milano