L'estate a tavola: l'Isola di Arturo di Enzo Coccia

Il maestro della pizzeria La Notizia 53 a Napoli omaggia la splendida isola mediterranea, Capitale italiana della Cultura 2022: spicchio dopo spicchio, un delizioso assaggio dei suoi profumi più autentici

14-08-2022
a cura di Enzo Coccia
La pizza Isola di Arturo è il Piatto dell'est

La pizza Isola di Arturo è il Piatto dell'estate 2022 del maestro Enzo Coccia della pizzeria napoletana La Notizia 53

Golosi, freschi, inediti: sono i Piatti dell'estate 2022 pensati dagli chef di tutto il Bel Paese. Dal Nord al Sud Italia, tradizione e creatività, tra profumo di salsedine e freschi assaggi dall'entroterra nostrano: le creazioni dei nostri chef accompagneranno la vostra estate. E con le loro ricette potrete anche stupire i vostri ospiti a casa. Signore e signori: l'estate è servita!

La pizza Isola di Arturo è un omaggio a Procida, Capitale della Cultura Italiana 2022. Il nome prende spunto proprio da L’Isola di Arturo, un romanzo di Elsa Morante ambientato sulla piccola isola che guarda i Campi Flegrei. Nel finale del libro Nunziata, la matrigna di Arturo, consegna un orecchino e un pezzo di pizza da dare ad Arturo prima di imbarcarsi.

Provola di bufala, alici fresche di Pozzuoli, peperoncino, menta, zeste di limone di Procida grattugiato, origano e olio extravergine di oliva: sono gli ingredienti di questa pizza dal sapore fresco ed estivo.

 

L'ISOLA DI ARTURO
Ricetta per 4 persone

Ingredienti
Per l'impasto tradizionale della pizza napoletana diretto

1 litro d’acqua
50 g di sale marino
3 g di lievito di birra
1,7 kg di farina
10/12 ore di lievitazione a temperatura ambiente 22-25°C

Per la farcitura di una pizza
80 g provola di bufala
60 g alici fresche di Pozzuoli
Peperoncino, menta, zeste di limone di Procida grattuggiato, origano e olio extravergine d'oliva q.b.

 

Procedimento

Per l'impasto tradizionale della pizza napoletana diretto
Versare un litro d’acqua (a 8-12°C) in una zuppiera circolare, sciogliere il sale marino e successivamente stemperare 3 g di lievito di birra, quindi aggiungere il 30% della farina rispetto alla quantità complessiva prevista. Cominciare a impastare e versare gradualmente il resto della farina fino al raggiungimento della consistenza desiderata, definita punto di pasta.

Tale operazione deve durare 20 minuti fino a che non si ottenga un'unica massa compatta. L'impasto deve presentarsi non appiccicoso e “liscio” al tatto, morbido ed elastico. Coprire l’impasto, senza estrarlo dalla zuppiera, con un panno umido e lasciare lievitare. Dopo circa 6 ore preparare circa 10 panetti dal peso di 230-250g. Lasciare lievitare per altre 6 ore a temperatura di 22-25°C.

Per la manipolazione
Manipolare il panetto secondo la tecnica napoletana tradizionale facendo pressione con i polpastrelli, quindi spingendo l’aria verso l’esterno per creare il cornicione ed effettuare la rotazione con entrambe le mani.

Per la farcitura
Mettere in cottura la pizza con la provola e con le alici fresche. In uscita aggiungere a piacere peperoncino, menta, zeste di limone di Procida grattuggiato, origano e olio extravergine d'oliva


Rubriche

Ricette d'autore