AnT a Novello: una Langa contaminata da spezie e talento, per una cucina inaspettata

Un'insegna che prende spunto dal dialetto piemontese, per tre giovani appassionati e decisamente internazionali. Che affrontano la loro avventura con grande libertà

17-07-2022
a cura di Cinzia Benzi
Alex, Michael e Tiziano: grazie a loro è nato ANT

Alex, Michael e Tiziano: grazie a loro è nato ANT

Quattro anni fa a Novello nasce il progetto ANT, attraverso la ristrutturazione di Cascina Gavetta nel cuore del borgo di Langa a meno di tre chilometri da Barolo. I proprietari della struttura hanno accolto il progetto di tre giovani, due stranieri e un terzo torinese, per creare due appartamenti e un piccolo ristorante nel centro storico di Novello.

ANT in dialetto piemontese significa innesto e sintetizza perfettamente la filosofia di questi ragazzi: il desiderio di innestare prodotti locali in una cucina creativa e internazionale.

Alex Lincoln, nato a Denver in Colorado, ha frequentato negli Stati Uniti scuole di cucina, formandosi sempre in USA per arrivare in Langa innamorandosi delle colline patrimonio dell’Unesco. Qui ha continuato a studiare e affinare le sue doti culinarie.

Alex Lincoln

Alex Lincoln

Michael Lewis è australiano di origine, ma albese d’adozione, un globetrotter culinario che ha formato il suo talento ai fornelli sia in Australia sia in Asia per poi arrivare in Europa e in Langa. Il terzo ANT Boy è il torinese, Tiziano Torto, dopo il diploma alla scuola alberghiera frequenta corsi di specializzazione per sala e bar e inizia le sue esperienze all’estero, decidendo di tornare in patria per dare il suo contributo a questo innovativo progetto.

Mentre Alex e Tiziano si conoscono da 13 anni e hanno lavorato insieme in un ristorante a Cherasco, Michael arriva in corsa per questo nuovo capitolo della loro storia professionale.  

Appena arrivati a Novello trovano una giusta energia negli spazi cittadini di proprietà di Cascina Gavetta. Proprio qui eleggono la meta ideale per esprimere i singoli talenti e dare un svolta più contemporanea alla cucina piemontese. Qui non esiste un menù e nemmeno un carta vini, come cercano di spiegare i ragazzi: «Occorre arrivare da ANT con una mente aperta» e, aggiungiamo noi di Identità Golose, per fare un’esperienza enogastronomica senza preconcetti e soprattutto con la curiosità di provare ingredienti inusuali e abbinamenti più spigolosi, ma pur sempre convincenti. 

Ogni sera puoi mangiare pietanze diverse, grazie alla libertà di chi presidia la cucina di spezzare schemi e regole con la massima qualità dei prodotti e seguendo creatività e tecnica.

Una contaminazione continua di piatti del territorio e spezie. Sapori e ingredienti del mondo a confronto di papille gustative in grado di apprezzare il piatto e tentare ad indovinare cosa si sta gustando, con interesse, sfida e soprattutto estremo divertimento culinario.

Nota di merito per una cantina a cielo aperto, ossia bottiglie in bella vista nel Caveau, dove 80 referenze circa possono soddisfare gli enofili più esigenti. Lasciandovi guidare dai consigli di Tiziano (visto che oltre ai cuochi è l’unico a conoscere il menu carta bianca) troverete il percorso al calice più performante.

ANT 
Via Ferrero, 8,
Novello (Cuneo)
+39.348.5467902
info@antnovello.com
Aperto la sera, dal mercoledì al sabato


Rubriche

In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo