RF&WF - Overlay
IG2015 - programma

Grand Cru = fucina di talenti

Chiusa la quarta edizione, il Premio Birra Moretti si conferma vetrina privilegiata per giovani chef

Il palco di Eataly Smeraldo a Milano, lunedý 17 novembre scorso. C'Ŕ attesa per il vincitore della quarta edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru, che poi sarÓ Davide Del Duca dell'Osteria Fernanda di Roma (nella foto, Ŕ l'unico vestito di scuro, nelle retrovie). In 4 anni, il contest ha puntato i fari su diversi cuochi di sicuro avvenire, alcuni giÓ affermati

Il palco di Eataly Smeraldo a Milano, lunedì 17 novembre scorso. C'è attesa per il vincitore della quarta edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru, che poi sarà Davide Del Duca dell'Osteria Fernanda di Roma (nella foto, è l'unico vestito di scuro, nelle retrovie). In 4 anni, il contest ha puntato i fari su diversi cuochi di sicuro avvenire, alcuni già affermati

2011-2014: 4 anni di Premio Birra Moretti Grand Cru, 634 chef e sous-chef under 35 da tutta Italia che hanno gareggiato con 864 ricette, valutate da una giuria ogni anno più stellata.

a cura di Claudia Orlandi

Leggi | 22-11-2014 | A tutta birra

Dinato narra la sua Vita da cuoco

Racconto autobiografico per lo chef di Feva. Che lancia anche un "manifesto", Cucina Madre

Nicola Dinato Ŕ lo chef-patron di Feva, a Castelfranco Veneto. Ha viaggiato per sei anni lavorando nelle pi¨ importanti cucine europee

Nicola Dinato è lo chef-patron di Feva, a Castelfranco Veneto. Ha viaggiato per sei anni lavorando nelle più importanti cucine europee

“La qualità culinaria che aveva sperimentato lo rendeva fiero di essere cuoco. Voleva distinguersi dall’operaio ai fornelli, sarebbe diventato un artigiano e un artista della cucina. Per i comuni mortali non faceva alcuna differenza, ma a lui non importava. Avrebbe combattuto per raggiungere quel livello”.

a cura di Carlo Passera

Leggi | 22-11-2014 | In libreria

A Roma c'Ŕ Spazio per Romito

Inaugurato il nuovo ristorante gourmand di Eataly. SarÓ gestito da Niko coi suoi alunni

Oscar Farinetti e Niko Romito al taglio del nastro: Spazio - il terzo della serie, questo Ŕ nell'Eataly di Roma - Ŕ inaugurato e aperto al pubblico (le foto sono di Claudia Del Bianco)

Oscar Farinetti e Niko Romito al taglio del nastro: Spazio - il terzo della serie, questo è nell'Eataly di Roma - è inaugurato e aperto al pubblico (le foto sono di Claudia Del Bianco)

E’ raggiante mamma Giovanna, tre fili di perle intrecciate e un sorriso che riluce pure di più: «Il mio Niko mi diceva sempre: “Mamma, ci devi credere”». Ora ha fatto incidere la frase su un quadro, che è appeso in bella mostra al Reale di Castel di Sangro. Ma qui siamo a Roma, nella sede di Eataly, e a dispensar sorrisi c’è anche il padrone di casa Oscar Farinetti, che sfodera anche un orgoglio giustificatissimo: «Questa stazione Ostiense era un luogo perduto. Ora dà lavoro a 532 ragazzi».

a cura di Carlo Passera

Leggi | 21-11-2014 | Dall'Italia

Il talento e l'emozione

Roberto Perrone: per fare il critico gastronomico non bastano lo studio e l'esperienza sul campo

Roberto Perrone, scrittore e giornalista, Ŕ inviato del Corriere della Sera. Scrive di sport e di enogastronomia. Ogni venerdý racconta i suoi viaggi golosi nella rubrica “Scorribande”. A  marzo 2015 uscirÓ il libro che li raccoglie.

Roberto Perrone, scrittore e giornalista, è inviato del Corriere della Sera. Scrive di sport e di enogastronomia. Ogni venerdì racconta i suoi viaggi golosi nella rubrica “Scorribande”. A marzo 2015 uscirà il libro che li raccoglie.

Quando Paolino (Marchi) mi suggerisce un articolo, un libro, un salame o la visita in un ristorante, prendo seriamente i suoi consigli, ma mercoledì “Gli esercizi alla sbarra” di Laura Lazzaroni mi hanno gettato in una cupa frustrazione. Mi sono sentito terribilmente provinciale. Innanzitutto, a parte Luigi Cremona ed Enzo Vizzari, non conosco nessuna delle persone citate. Mi sono trovato come uno studentello di fronte ai fondamentali “my name is” “the pen is on the table”.

a cura di Roberto Perrone

Leggi | 21-11-2014 | Dall'Italia

źHo bevuto Birra Moretti per 20 giorni╗

Davide Del Duca, vincitore del Premio Grand Cru, racconta se stesso e il lavoro dietro al successo

Davide Del Duca, chef dell'Osteria Fernanda di Roma, stringe tra le mani il quarto Premio Birra Moretti Grand Cru, contest di birra in cucina riservato a chef e sous chef sotto ai 35 anni di etÓ. Originario di Frosinone, Del Duca ha 32 anni ma vanta giÓ diverse esperienze di valore, anche al fianco di Angelo Troiani, Adriano Baldassarre e Cristina Bowermaná(foto Paolo Marchi)

Davide Del Duca, chef dell'Osteria Fernanda di Roma, stringe tra le mani il quarto Premio Birra Moretti Grand Cru, contest di birra in cucina riservato a chef e sous chef sotto ai 35 anni di età. Originario di Frosinone, Del Duca ha 32 anni ma vanta già diverse esperienze di valore, anche al fianco di Angelo Troiani, Adriano Baldassarre e Cristina Bowerman (foto Paolo Marchi)

Il risultato è noto: Davide Del Duca, chef classe 1982, originario di Frosinone, oggi al timone dell’Osteria Fernanda di Roma, si è aggiudicato lunedì scorso la quarta edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru. Abbiamo scambiato due chiacchiere con lui al termine dei festeggiamenti («Con tutti gli altri finalisti abbiamo brindato a lungo nel centro di Milano», racconta).

a cura di Gabriele Zanatta

Leggi | 20-11-2014 | A tutta birra

S.Pellegrino Young Chef 2015

Fino a metÓ dicembre candidature aperte per il concorso internazionale per chef under 30

Tutti gli chef con un'etÓ compresa tra i 18 e 30 anni, e un'esperienza di almeno un anno nella cucina di un ristorante, possono partecipare al concorso promosso da S.Pellegrino. I giovani cuochi verranno selezionati da venti giurie in tutto il mondo: i vincitori si sfideranno a giugno 2015, a Expo Milano, per aggiudicarsi il titolo diáS.Pellegrino Young Chef 2015

Tutti gli chef con un'età compresa tra i 18 e 30 anni, e un'esperienza di almeno un anno nella cucina di un ristorante, possono partecipare al concorso promosso da S.Pellegrino. I giovani cuochi verranno selezionati da venti giurie in tutto il mondo: i vincitori si sfideranno a giugno 2015, a Expo Milano, per aggiudicarsi il titolo di S.Pellegrino Young Chef 2015

Fino al 15 dicembre sarà possibile inviare la propria candidatura per partecipare alla prima edizione di S.Pellegrino Young Chef 2015, l'inedito talent scouting internazionale che si concluderà a giugno all’interno di Expo Milano 2015.

Leggi | 20-11-2014 | Primo piano

Cuochi, ambasciatori dell'Expo

Cinque grandi chef e cinque splendidi ingredienti danno lustro alla cucina dell'Esposizione Universale

Da sinistra, Enrico Bartolini chefádel Devero di Cavenago Brianza, Davide Oldani del D'O di Cornaredo, Ernst Knamádella pasticcieria omonima, Paolo Marchi di IdentitÓ Golose, Cesare Battisti del RatanÓ e Ugo Alciati di Guido a Serralunga d'Alba (Cuneo). Sono i relatori di un incontro che ha avuto luogo all'ora di pranzo all'Expo Gate di Milano. I cuochi sono tutti Ambassador dell'Esposizione Universale. I primi otto cuochi cucinati oggi diventeranno 16

Da sinistra, Enrico Bartolini chef del Devero di Cavenago Brianza, Davide Oldani del D'O di Cornaredo, Ernst Knam della pasticcieria omonima, Paolo Marchi di Identità Golose, Cesare Battisti del Ratanà e Ugo Alciati di Guido a Serralunga d'Alba (Cuneo). Sono i relatori di un incontro che ha avuto luogo all'ora di pranzo all'Expo Gate di Milano. I cuochi sono tutti Ambassador dell'Esposizione Universale. I primi otto cuochi cucinati oggi diventeranno 16

E’ stato tutto presentato all’ora di pranzo all’Expo Gate, nella struttura davanti al Castello Sforzesco, da Paolo Marchi, ideatore e curatore di Identità Golose e Giacomo Biraghi, digital pr di Expo Milano 2015.

a cura di Gabriele Zanatta

Leggi | 19-11-2014 | Primo piano

Un affare di famiglia

Barbara Scabin racconta la sua vita al fianco del fratello Davide. Dalla panna cotta al Blupum

Barbara Scabináimortalata in cucina insieme allo staff che dirige al Blupum di Ivrea (telefono +39.333.3146158). Prima di diventare chef della trattoria di recente apertura, Barbara ha lavorato insieme al fratello Davide fin dal primissimo giorno del Combal, e poi del Combal.Zero (foto di Gianni Rizzotti)

Barbara Scabin imortalata in cucina insieme allo staff che dirige al Blupum di Ivrea (telefono +39.333.3146158). Prima di diventare chef della trattoria di recente apertura, Barbara ha lavorato insieme al fratello Davide fin dal primissimo giorno del Combal, e poi del Combal.Zero (foto di Gianni Rizzotti)

Barbara è una chef. La sua passione per la cucina è iniziata quando aveva già più di vent'anni: per lei fare la cuoca non è stata solo una scelta personale, ma anche di famiglia. Barbara infatti di cognome fa Scabin, ed è la sorella del grande chef del Combal.Zero. E' stato proprio suo fratello a portarla in cucina, all'inizio dell'avventura chiamata Combal.

«Tutto iniziò 22 anni fa...»

a cura di Niccol˛ Vecchia

Leggi | 19-11-2014 | Dall'Italia

Grand Cru, trionfa Del Duca

E' un cuoco originario di Frosinone il vincitore della quarta edizione del Premio Birra Moretti

Si Ŕ conclusa la quarta edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru, premio riservato a chef e sous chef under 35 di birra in cucina. In foto, il vincitoreáDavide Del Duca dell’Osteria Fernanda di Roma. Menzione speciale per il miglior piatto salato a Federica Andrisani, ex sous chef del ristorante El Coq di Marano Vicentino (Vicenza). Menzione al piatto dolce Delizia di Birra Radler di Carmine di Domenico, sous-chef di Casa Del Nonno 13 a Mercato San Severino (Salerno). Menzione per il menu che ha saputo meglio valorizzare il ruolo della birra nel piatto Ŕ andata a Nicholas Bonati, sous-chef de Il Giardinetto di Pettenasco (Novara)

Si è conclusa la quarta edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru, premio riservato a chef e sous chef under 35 di birra in cucina. In foto, il vincitore Davide Del Duca dell’Osteria Fernanda di Roma. Menzione speciale per il miglior piatto salato a Federica Andrisani, ex sous chef del ristorante El Coq di Marano Vicentino (Vicenza). Menzione al piatto dolce Delizia di Birra Radler di Carmine di Domenico, sous-chef di Casa Del Nonno 13 a Mercato San Severino (Salerno). Menzione per il menu che ha saputo meglio valorizzare il ruolo della birra nel piatto è andata a Nicholas Bonati, sous-chef de Il Giardinetto di Pettenasco (Novara)

E’ un cuoco di Frosinone, Davide Del Duca, classe 1982, il vincitore della quarta edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru, contest che ha animato per tutta la giornata di oggi il ristorante Alice di Eataly Smeraldo a Milano.

a cura di Gabriele Zanatta

Leggi | 17-11-2014 | Primo piano

L'altro cioccolato di Modica

Lo scaligero Simone Sabaini ha reinventato la tradizione. Oggi gli chef usano le sue tavolette

Simone Sabaini ha lanciato anche la linea La QualitÓ della Vita, sei barrette con specifiche proprietÓ funzionali (ad esempio, “Giovinezza” Ŕ antiossidante poichÚ contiene bacche di ašaÝ, rosa canina, arancia rossa, estratto di acini d’uva ed estratto di tŔ verde; “Sesso” Ŕ afrodisiaca, con maca, damiana e noci di cola…). Un’idea lanciata un anno e mezzo fa, oggi Ŕ il 30 della produzione, in crescita.

Simone Sabaini ha lanciato anche la linea La Qualità della Vita, sei barrette con specifiche proprietà funzionali (ad esempio, “Giovinezza” è antiossidante poiché contiene bacche di açaí, rosa canina, arancia rossa, estratto di acini d’uva ed estratto di tè verde; “Sesso” è afrodisiaca, con maca, damiana e noci di cola…). Un’idea lanciata un anno e mezzo fa, oggi è il 30% della produzione, in crescita.

Questa, in fondo, è una delle tante storie del sovrapporsi di culture, in Sicilia. Il forestiero di turno è Simone Sabaini da Verona, 40 anni: un decennio fa lavorava nel mondo della finanza, poi mollò e si mise all’opera per Altromercato, seguiva le produzioni di cacao in Venezuela e Ecuador. Nel 2011 arriva a Modica e crea Sabadì, insegna dedicata “al giorno che non c’è”

 

a cura di Carlo Passera

Leggi | 18-11-2014 | Carlo Mangio

IdentitÓ Milano 2015

Una sana intelligenza

L'undicesima edizione è in programma dall'8 all'10 febbraio 2015

Guida 2015 - Acquista S.Pellegrino - Young chef 2015

Eat Out Awards 2014

Consegnati domenica con una grande cerimonia i premi ai migliori ristoranti e chef del Sudafrica

Tutta la scena gastronomica sudafricana si Ŕ ritrovata lo scorso 16 novembre al Thunder City di CittÓ del Capo, per la nuova edizione del premio organizzato dal magazine Eat Outá

Tutta la scena gastronomica sudafricana si è ritrovata lo scorso 16 novembre al Thunder City di Città del Capo, per la nuova edizione del premio organizzato dal magazine Eat Out 

Leggi | 18-11-2014 | Giovanna Sartor | Giovanna a Capo-tavola

Gli esercizi alla sbarra

Le competenze base del critico gastronomico nelle acute riflessioni della "giornalista dell'anno"

Laura Lazzaroni, premiata una settimana fa da Eataly Smeraldo a Milano come giornalista dell'anno dalla Guida ai ristoranti di IdentitÓ Golose 2015. Caporedattrice de L'Uomo Vogue, con una lunga militanza negli Stati Uniti, si Ŕ interrogata per noiásulla figura del critico gastronomico del futuro (foto Brambilla-Serrani)

Laura Lazzaroni, premiata una settimana fa da Eataly Smeraldo a Milano come "giornalista dell'anno" dalla Guida ai ristoranti di Identità Golose 2015. Caporedattrice de L'Uomo Vogue, con una lunga militanza negli Stati Uniti, si è interrogata per noi sulla figura del critico gastronomico del futuro (foto Brambilla-Serrani)

Leggi | 17-11-2014 | Laura Lazzaroni | Primo piano

La sfida di Restaurant Australia

L'immenso paese australe vuole diventare una potenza della tavola mondiale. Il via in Tasmania

Leggi | 16-11-2014 | Paolo Marchi | Dal Mondo

Pandispagna senza uova

Roberta Pezzella, una ricetta innovativa e le basi per costruire una pasticceria salutista e vegana

Una ricetta colápandispagna senza uova di Roberta Pezzella, panificatrice al Panificio Bonciádi Gabriele Bonci in via Trionfale 36 a Roma, un vulcano di idee. A breve il laboratorio diventerÓ di 300 metri quadrati. Oltre a una paninoteca e a una pasticcieria vegetariana, Ŕ allo studio un progetto di ristorante, che vedrÓ la luce nel 2015

Una ricetta col pandispagna senza uova di Roberta Pezzella, panificatrice al Panificio Bonci di Gabriele Bonci in via Trionfale 36 a Roma, un vulcano di idee. A breve il laboratorio diventerà di 300 metri quadrati. Oltre a una paninoteca e a una pasticcieria vegetariana, è allo studio un progetto di ristorante, che vedrà la luce nel 2015

Leggi | 16-11-2014 | Roberta Pezzella | Naturalmente

L'Artusi e il DJ

Con il suo libro, Donpasta rende omaggio alla pi¨ famosa raccolta di ricette del nostro paese

Donpasta, dj, performer, scrittore, appassionato di cucina e gastronomia, con Artusi Remix (edito da Mondadori, 346 pagine, 19,90€) pubblica il suo quarto libro. Questo lavoro Ŕ stato realizzato con il patrocinio di Casa Artusi ed Ŕ accompagnato dalla prefazione di Alberto Capatti, che fa parte del comitato scientifico delácentro di cultura gastronomica dedicato a Pellegrino Artusi

Donpasta, dj, performer, scrittore, appassionato di cucina e gastronomia, con "Artusi Remix" (edito da Mondadori, 346 pagine, 19,90€) pubblica il suo quarto libro. Questo lavoro è stato realizzato con il patrocinio di Casa Artusi ed è accompagnato dalla prefazione di Alberto Capatti, che fa parte del comitato scientifico del centro di cultura gastronomica dedicato a Pellegrino Artusi

Leggi | 15-11-2014 | Niccol˛ Vecchia | In libreria

David Toutain, il viaggiatore

Intervista con il cuoco francese, premiato quest'anno dalla Guida di IdentitÓ Golose

David Toutain sul palco di Eataly Smeraldo ha ricevuto (da Romina Tamburini, presidente di Surgital Spa) il premio come miglior chef straniero per la Guida 2015 di IdentitÓ Golose. Dopo diverse esperienze, in Francia e all'estero, e un lungo viaggio intorno al mondo, Toutain Ŕ tornato a Parigi per aprire un ristorante che porta il suo nome (telefonoá+33.1.45501110)

David Toutain sul palco di Eataly Smeraldo ha ricevuto (da Romina Tamburini, presidente di Surgital Spa) il premio come miglior chef straniero per la Guida 2015 di Identità Golose. Dopo diverse esperienze, in Francia e all'estero, e un lungo viaggio intorno al mondo, Toutain è tornato a Parigi per aprire un ristorante che porta il suo nome (telefono +33.1.45501110)

Leggi | 14-11-2014 | Niccol˛ Vecchia | Primo piano

XXL: vita di un uomo curioso

Claudio Ceroni racconta il libro di Paolo Marchi, suo compagno di avventura per IdentitÓ Golose

Paolo Marchi e Claudio Ceroni insieme sul palco dell'ultima edizione del congresso di IdentitÓ Golose, con la dolce scultura preparata da Gianluca Fusto per celebrarne il decimo compleanno

Paolo Marchi e Claudio Ceroni insieme sul palco dell'ultima edizione del congresso di Identità Golose, con la "dolce scultura" preparata da Gianluca Fusto per celebrarne il decimo compleanno

Leggi | 13-11-2014 | Claudio Ceroni | Primo piano

Eccellenze italiane a Merano

La grande selezione della 23esima edizione del Wine Festival offre l'occasione per assaggi speciali

Si Ŕ conclusa lunedý la ventitreesima edizione del Merano Wine Festival. Dopo aver presentato con il fondatore Helmuth Koecher il programma di quest'anno, presentiamo un primo giro di assaggi tra alcune selezionate realtÓ italiane, alcune delle quali biologiche o biodinamiche

Si è conclusa lunedì la ventitreesima edizione del Merano Wine Festival. Dopo aver presentato con il fondatore Helmuth Koecher il programma di quest'anno, presentiamo un primo giro di assaggi tra alcune selezionate realtà italiane, alcune delle quali biologiche o biodinamiche

Leggi | 13-11-2014 | Cinzia Benzi | In cantina

Dieci anni, per essere la migliore

Elisa Bellavia, miglior sommelier per la Guida 2015 di IdentitÓ Golose, si racconta per noi

Elisa Bellavia sul palco di Eataly Smeraldo, dove ha ricevuto il premio (da Carlo Bianchi, Area Manager diáCavit) come miglior sommelier della Guida 2015 di IdentitÓ Golose. Elisa da quando aveva 17 anni lavora con i fratelli Costardi, nel ristorante dell'Hotel Cinzia che da un po' Ŕ stato ribattezzato con i due nomi degli chef, Christian & Manuel (telefono +39.0161.253585). Quella &, ci tengono a sottolineare, ha per loro una grande importanza, perchÚ ricorda il grande lavoro, tra sala e cantina, di Elisa Bellavia e delle altre persone dello staff (foto di Brambilla / Serrani)

Elisa Bellavia sul palco di Eataly Smeraldo, dove ha ricevuto il premio (da Carlo Bianchi, Area Manager di Cavit) come miglior sommelier della Guida 2015 di Identità Golose. Elisa da quando aveva 17 anni lavora con i fratelli Costardi, nel ristorante dell'Hotel Cinzia che da un po' è stato ribattezzato con i due nomi degli chef, Christian & Manuel (telefono +39.0161.253585). Quella "&", ci tengono a sottolineare, ha per loro una grande importanza, perché ricorda il grande lavoro, tra sala e cantina, di Elisa Bellavia e delle altre persone dello staff (foto di Brambilla / Serrani)

Leggi | 12-11-2014 | Elisa Bellavia | In sala

Tutte le foto della guida 2015

Scatto per scatto, la presentazione all'Eataly Smeraldo di Milano. Con coda finale...a tavola

Foto di gruppo dei premiati: 13 categorie, altrettanti riconoscimenti al fior fiore della giovane cucina italiana, e non solo (foto Brambilla-Serrani)

Foto di gruppo dei premiati: 13 categorie, altrettanti riconoscimenti al fior fiore della giovane cucina italiana, e non solo (foto Brambilla-Serrani)

Leggi | 12-11-2014 | Carlo Passera | Primo piano

L'italiano che cerca funghi sul Fuji

Luca Fantin, del Bulgari di Tokyo, si racconta. E' "chef dell'anno" secondo la guida IdentitÓ Golose

Luca Fantin, 35 anni, di Silea (Treviso), lavora dal 2009 al Bulgari Ginza Tower di Tokyo ed Ŕ chef dell'anno per IdentitÓ Golose

Luca Fantin, 35 anni, di Silea (Treviso), lavora dal 2009 al Bulgari Ginza Tower di Tokyo ed è "chef dell'anno" per Identità Golose

Leggi | 11-11-2014 | 18:05 | Carlo Passera | Primo piano

Un altro anno con IdentitÓ Golose

Presentata all'Eataly di Milano la guida 2015, sono 193 le nuove insegne. Miglior chef Ŕ Luca Fantin

Paolo Marchi sul palco (con David Toutain, miglior chef straniero) durante la presentazione della guida IdentitÓ Golose 2015, all'Eataly Smeraldo di Milano

Paolo Marchi sul palco (con David Toutain, miglior chef straniero) durante la presentazione della guida Identità Golose 2015, all'Eataly Smeraldo di Milano

Leggi | 10-11-2014 | 20:20 | Carlo Passera | Primo piano

I numeri dell'Ottava

Tutte le cifre della Guida di IdentitÓ 2015. Presentazione, questa sera da Eataly Smeraldo

La copertina dell'ottava edizione della Guida di IdentitÓ Golose, una bussola che orienta in direzione dei ristoranti d'autore in Italia e nel mondo, con i premi alle giovani stelle (editore Mondadori, 19.90 euro). Il progetto editoriale verrÓ illustrato questa sera da Eataly Smeraldo, a partire dalle ore 17, in un evento aperto al pubblico. A partire dalle ore 19, 8 cuochi cucineranno nelle varie isole mentre al ristorante Alice Viviana Varese e Luca Fantin orchestreranno una cena a 4 mani

La copertina dell'ottava edizione della Guida di Identità Golose, una bussola che orienta in direzione dei ristoranti d'autore in Italia e nel mondo, con i premi alle giovani stelle (editore Mondadori, 19.90 euro). Il progetto editoriale verrà illustrato questa sera da Eataly Smeraldo, a partire dalle ore 17, in un evento aperto al pubblico. A partire dalle ore 19, 8 cuochi cucineranno nelle varie isole mentre al ristorante Alice Viviana Varese e Luca Fantin orchestreranno una cena a 4 mani

Leggi | 10-11-2014 | Gabriele Zanatta | In libreria

La Michelin detta sempre legge

Invece di discutere le stelle, noi italiani dovremmo saper creare qualcosa di altrettanto importante

L'intervista a tutta pagina rilasciata giovedý scorso dal cuoco Paolo Lopriore, del ristoranteKitchen di Como, al giornalista della Provincia di Como (e di IdentitÓ Golose) Raffaele Foglia. Per il cuoco ex Canto a Siena, nessuna stella nell'edizione Michelin Italia 2015. E come lui, altri che l'avrebbero meritata

L'intervista a tutta pagina rilasciata giovedý scorso dal cuoco Paolo Lopriore, del ristoranteKitchen di Como, al giornalista della Provincia di Como (e di IdentitÓ Golose) Raffaele Foglia. Per il cuoco ex Canto a Siena, nessuna stella nell'edizione Michelin Italia 2015. E come lui, altri che l'avrebbero meritata

Leggi | 10-11-2014 | Paolo Marchi | Affari di Gola di Paolo Marchi

Langamania, tartufo da 100mila Ç

All'Asta mondiale esordisce la certificazione (con microchip) del pregiato tubero

Il palco (quello di Grinzane Cavour, ce n'era anche uno a Hong Kong collegato in diretta streaming) della XV Asta mondiale del tartufo bianco d'Alba: davanti all'esemplare monstre da un chilo - aggiudicato per 100mila euro - si riconoscono tra gli altri Davide Paolini ed Enzo iacchetti, mentre in platea, in prima fila, c'Ŕ Enrico Crippa (foto Passera)

Il palco (quello di Grinzane Cavour, ce n'era anche uno a Hong Kong collegato in diretta streaming) della XV Asta mondiale del tartufo bianco d'Alba: davanti all'esemplare monstre da un chilo - aggiudicato per 100mila euro - si riconoscono tra gli altri Davide Paolini ed Enzo iacchetti, mentre in platea, in prima fila, c'è Enrico Crippa (foto Passera)

Leggi | 10-11-2014 | Carlo Passera | Dall'Italia