11-10-2023

Grandi Cuochi all'Opera di San Francesco, ancora un tutto esaurito

Dodicesimo appuntamento per il tradizionale pranzo benefico organizzato alla mensa dei poveri. Protagonisti quest'anno, 5 super-chef d'hotel

Il team al completo della dodicesima edizione de

Il team al completo della dodicesima edizione de “I grandi cuochi all’opera”, pranzo organizzato all'Opera San Francesco di Milano, in collaborazione con Identità Golose, domenica 8 ottobre scorso

Domenica 8 ottobre, Opera San Francesco, in collaborazione con Identità Golose, ha celebrato la dodicesima edizione de “I grandi cuochi all’opera”. La mensa ha registrato il tutto esaurito - 200 posti totali, offerta minima 130 euro – grazie anche alla complicità degli autori del pranzo, tutti chef d’hotel importanti di Milano. Una piccola somma che però porterà una grande contributo alla mensa che riutilizzerà i fondi per garantire un piatto fumante, una doccia calda e vestiti puliti a chiunque ne abbia bisogno.

Opera San Francesco esiste dal 1959: da più di 60 anni rappresenta per il territorio milanese un luogo di accoglienza e sostegno per migliaia di persone. Negli ultimi tempi la fila di persone in cerca di aiuto materiale o conforto spirituale è in continuo aumento e OSF non si è mai tirata indietro.

A dare il benvenuto nel chiostro della struttura di viale Piave, ha pensato Francesco Mascheroni del ristorante Armani: con “Michetta”, pasta di salame, rapanelli in agrodolce; sciatt, grano saraceno, bitto e polvere di verza; sgombro marinato e affumicato, burrata, confettura di limone di Amalfi. Il tutto accompagnato dalle scaglie di Parmigiano Reggiano 24 mesi.

I tavoli apparecchiati

I tavoli apparecchiati

Da sinistra a destra, Fabrizio Borraccino, Cesare Murzilli, Michele Cobuzzi, Guido Paternollo, Francesco Mascheroni

Da sinistra a destra, Fabrizio Borraccino, Cesare Murzilli, Michele Cobuzzi, Guido Paternollo, Francesco Mascheroni

Da lì ci si è trasferiti in mensa, con l’antipasto servito da Guido Paternollo del Pellico 3, il ristorante contenuto nel Park Hyatt hotel: per lui Spuma di Patate, ragù di seppia e bietole, prezzemolo. A seguire, Michele Cobuzzi del ristorante Anima del Milano Verticale Una Experience: ha servito un Eisotto al limone bruciato, crescione e sugo d’arrosto vegetale. Un tripudio di sapori ben bilanciati, tra l’aspro del limone, la morbidezza del crescione e la dolcezza del sugo d’arrosto vegetale.

Fabrizio Borraccino (Zelo del Four Seasons) ha poi aggiunto un’ulteriore chicca tutta gustosa: Guancia di vitello, topinambur, sedano rapa ed erbe selvatiche; così morbida da sciogliersi in bocca. Il tutto è stato accompagnato dal pane, da sempre simbolo di condivisione, donato dal Laboratorio di Niko Romito.

A conclusione Cesare Murzilli del 10_11, ristorante del Portrait Milano: ci ha addolcito con un dolce perfetto, a cavallo tra l’estate e l’autunno: Nocciola, cioccolato bianco e pralinato. Un connubio tra note di freschezza e richiami alla stagione appena cominciata.

«Come buoni fratelli, questi grandi chef hanno collaborato alla miglior riuscita del pranzo, incarnando il perfetto spirito della fratellanza dell’Opera San Francesco» queste le parole a conclusione di Fra Marcello, degnissimo padrone di casa. È possibile fare una donazione in ogni momento, a partire dal sito operasanfrancesco.it (clicca su “Dona Ora”).

I PIATTI DEL MENU

Il benvenuto composto di Francesco Mascheroni

Il benvenuto composto di Francesco Mascheroni

Spuma di patate, ragù di seppia e bietole, prezzemolo, Guido Paternollo

Spuma di patate, ragù di seppia e bietole, prezzemolo, Guido Paternollo

Risotto al limone bruciato, crescione e sugo d’arrosto vegetale, Michele Cobuzzi

Risotto al limone bruciato, crescione e sugo d’arrosto vegetale, Michele Cobuzzi

Guancia di vitello, topinambur, sedano rapa ed erbe selvatiche, Fabrizio Borraccino

Guancia di vitello, topinambur, sedano rapa ed erbe selvatiche, Fabrizio Borraccino

Nocciola, cioccolato bianco e pralinato, Cesare Murzilli

Nocciola, cioccolato bianco e pralinato, Cesare Murzilli

Il Pane del Laboratorio di Niko Romito

Il Pane del Laboratorio di Niko Romito


Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

Laura Lapidari

a cura di

Laura Lapidari

Classe 1995, cresciuta sulle sponde del Lago d’Orta. Figlia di farmacisti, è convinta che la salute passi prima da un buon piatto e un buon bicchiere di vino; per questo ha frequentato il master in Food & Wine Communication allo Iulm, che le ha aperto le porte al mondo tutto da gustare

Consulta tutti gli articoli dell'autore