Multisensoriale ed esclusiva: l'esperienza immersiva di Maison Ruinart a Identità Golose Milano

La cucina raffinata di Valérie Radou, chef di casa Ruinart per tre cene a tutto Champagne. Con lei, le bontà delle toque del Ruinart Assemblage 1729, Denis Pedron e Giuseppe Mancino

11-11-2021
Dal 19 al 21 novembre Identità Golose Milano ospi

Dal 19 al 21 novembre Identità Golose Milano ospiterà l'appuntamento esclusivo, Ruinart Immersive Experience: la più antica Maison de Champagne, Ruinart, farà vivere agli ospiti dell'Hub un viaggio onirico realizzato attraverso un videomapping in 3D con le immagini dell'artista giapponese Kanako Kuno che prendono vita sulla tavola. Proprio lì dove sarà presentata la raffinata cucina di Valérie Radou, chef della Maison Ruinart: un menu composto da cinque portate, in abbinamento a una degustazione unica di champagne Ruinart.

Per info e prenotazioni consultare il sito dell'Hub o il sito TheFork

L'inconfondibile perlage di una bollicina luminosa, il piacere della convivialità si combinano con la preziosità dell’arte, con estrema naturalezza, in uno spazio in cui, un istinto creativo altro, la cucina, regala di per sé, uno spettro di stimoli sensoriali e di colori che, a partire da venerdì 19 novembre ( fino al 21 novembre), si intensifica nel segno della Maison di Champagne più antica al mondo.

Per la prima volta, a Identità Golose Milano, la storia secolare del savoir-faire Ruinart, concentrato di tradizione familiare ed esperienza vitivinicola, offrirà agli stimatori del buon bere l’opportunità di vivere un’esperienza multisensoriale, combinata alla maestria culinaria della chef di Maison Ruinart, Valérie Radou che, per la prima volta, lascia la sede di Reims e raggiunge l’Italia.

La chef di Maison Ruinart, Valérie Radou

La chef di Maison Ruinart, Valérie Radou

Sarà il tocco di eleganza dell’universo gastronomico di Valérie, in chiave Ruinart, ad allietare gli ospiti della Ruinart Immersive Experience, riproposizione di un’esperienza virtuale, la Petit R, confinata usualmente entro la cittadina della Champagne: il raffinato menu, composto da cinque portate, sarà accompagnato da una degustazione di champagne Ruinart, per una danza festosa sul palato, trasportata nella dimensione sospesa di un racconto immersivo e innovativo, quasi onirico.

Musica, luci e illustrazioni attraverso lo spettacolare allestimento della Sala Ovale in Via Romagnosi, riservata a 12 ospiti: i disegni dell'artista giapponese Kanako Kuno prendono vita sulla tavola della Sala, mettendo in scena la storia e il ricchissimo patrimonio di Maison Ruinart. D'altronde, un legame profondo congiunge il regno della bollicina fondato da Nicolas Ruinart all’arte, da quando - nel 1896 - venne commissionato all'artista ceco Alphonse Mucha un manifesto pubblicitario che all'epoca suscitò grande scalpore. Arte visiva, sonora, ma soprattutto arte da assaporare e degustare, ma questa è opera di Valérie.

Piatti bilanciati, armoniosi, specchi di stagionalità e ricercatezza, con l'abbinamento delle cuvèe Ruinart pensato per le serate: dal Rombo di Bertrand Mure, omaggio a uno dei Fondatori di Maison Ruinart, con crema di cavolfiore, nelle sue varianti verde, arancio e bianco, ai contrasti intriganti della Faraona con zucca, finferli e succo di liquirizia abbinato alla tanto attesa cuvée, l'etichetta Vintage 2011, da quest’anno finalmente distribuita anche sul mercato italiano. Ancora un Vintage si sposerà allo Chaource, tipicità casearia della regione dello Champagne, servita con uva e granola. Per concludere, Pera infusa con ibisco, pompelmo e rosa, tonalità aromatiche che ritroviamo anche nel Ruinart Rosé che lo accompagna.

Denis Pedron, Corporate Executive Chef del gruppo Langosteria. Chef del Ruinart Assemblage 1729,il circuito esclusivo di ristoranti italiani selezionati da Ruinart, parteciperà rappresentando Langosteria Bistrot Milano la sera del 19 novembre 

Denis Pedron, Corporate Executive Chef del gruppo Langosteria. Chef del Ruinart Assemblage 1729,il circuito esclusivo di ristoranti italiani selezionati da Ruinart, parteciperà rappresentando Langosteria Bistrot Milano la sera del 19 novembre 

Il ristorante di Identità Golose Milano non brillerà certo di meno: contestualmente alle cene Ruinart Immersive Experience, gli ospiti dell’Hub avranno modo di conoscere la cucina di due degli Chef del Ruinart Assemblage 1729 – il prestigioso circuito di ristoranti italiani selezionati da Ruinart – quindi, venerdì 19 novembreDenis Pedron, Corporate Executive Chef del gruppo Langosteria (che partecipa rappresentando Langosteria Bistrot Milano), mentre sabato 20 e domenica 21 novembre, sarà la volta di Giuseppe Mancino, chef de Il Piccolo Principe, ristorante 2 stelle Michelin a Viareggio.

Giuseppe Mancino, chef de Il Piccolo Principe di Viareggio, ristorante 2 stelle Michelin, delizierà gli ospiti dell'Hub sabato 20 e domenica 21 novembre

Giuseppe Mancino, chef de Il Piccolo Principe di Viareggio, ristorante 2 stelle Michelin, delizierà gli ospiti dell'Hub sabato 20 e domenica 21 novembre

Grande ouverture dei menu di Pedron e Mancino con il piatto signature per la stagione autunnale di Valérie Radou, il Branzino con sedano e olio di levistico e, a seguire, nel primo caso, il mare suggestivo e di qualità firmato Langosteria; mentre con il cuoco salernitano, si avvicendano piatti che tendono a sapori pieni, non minimalisti, ma bilanciati e deliziosi.

In abbinamento tutta la grandiosità dei nettari Ruinart.

Per info e prenotazioni consultare il sito dell’Hub o il sito di TheFork


Rubriche

Identità Golose Milano

Racconti, storie e immagini dal primo Hub Internazionale della Gastronomia, in via Romagnosi 3 a Milano