A Identità Golose Milano tornano gli chef ospiti: il programma di maggio

L'altra Modena di Massimo Bottura, Philippe Léveillé, Lorenzo Cogo, Francesco Sodano, Eugenio Boer, Federico Gallo, Giancarlo Tavani e Gianpietro Stancari, Cosimo Russo e Emanuele Frisenda: un mese da vivere golosamente

27-04-2021
Il déhors di via Romagnosi 3, con la pergola bioc

Il déhors di via Romagnosi 3, con la pergola bioclimatica interamente apribile

Come avevamo annunciato pochi giorni fa, raccontandovi della riapertura al pubblico degli spazi dell'Hub di Identità Golose Milano, in via Romagnosi 3, vi presentiamo oggi il programma di maggio degli chef ospiti. Dopo mesi lunghissimi di pausa forzata, il teatro degli chef nel centro di Milano torna ad alzare il sipario. Con un palcoscenico elegante e sicuro: lo splendido cortile milanese, impreziosito da un glicine centenario, su cui affaccia la nostra sala ristorante, dove potremo accogliervi in tutta sicurezza, grazie alla pergola bioclimatica modulabile.

Identità Golose Milano sarà aperta dal martedì al venerdì a pranzo e a cena. A pranzo con la carta firmata da Andrea Ribaldone ed Edoardo Traverso, la sera (con l'unica eccezione dell'11 maggio) con i menu degli chef ospiti. Il sabato saremo aperti solo a cena e la domenica invece solo a pranzo, sempre con le proposte dei nostri ospiti. Vi consigliamo di non attendere fino all'ultimo momento per prenotare il vostro tavolo: i posti sono evidentemente ridotti rispetto al normale e dunque potreste non riuscire a partecipare alle cene che vi interessano. Per prenotare andate sul sito ufficiale dell'Hub

E ora non perdiamo altro tempo! Ecco il programma che Paolo Marchi ha preparato per il mese di maggio. 

Martedì 4 maggio
L’altra Modena di Massimo Bottura
Jessica Rosval - Casa Maria Luigia, Modena

Per ripartire con il programma degli chef ospiti di Identità Golose Milano non potevamo desiderare di meglio. Massimo Bottura, il più apprezzato e amato chef italiano nel mondo, sarà al fianco di Identità anche in questa occasione, con due serate speciali che illumineranno il déhors di via Romagnosi 3 con le cucine delle due insegne modenesi targate Bottura che non sono l’Osteria Francescana. Si parte con Casa Maria Luigia, un luogo meraviglioso al limite sud di Modena: è un albergo di charme, una galleria d’arte contemporanea, oltre a un ristorante in cui vengono offerti alcuni dei grandi piatti che hanno fatto la storia della Francescana. Jessica Rosval, per diversi anni una delle colonne della cucina di via Stella, ne è la responsabile e sarà lei a presentare un menu unico al pubblico dell’Hub.

Mercoledì 5 maggio
L’altra Modena di Massimo Bottura
Francesco Vincenzi Franceschetta 58, Modena

La seconda serata ci porterà a scoprire le creazioni del talentuoso Francesco Vincenzi, che ha il compito di dare forma alla cucina di quella che viene definita “la sorella minore della Francescana”. Piatti pop, a loro modo informali, con basi italiane ed emiliane in particolare, ma pieni anche di quella cultura gastronomica raffinata, curiosa e cosmopolita, che è marchio di fabbrica della “scuola Bottura”.

Giovedì 6 – domenica 9 maggio
La giovane Langa di Federico Gallo
Locanda del Pilone, Alba (Cuneo)

Federico Gallo è artefice di una cucina pulita, elegante, personale senza mai essere eccessiva: è per questo stato in grado in pochi anni di affascinare e conquistare sia chi cerca tajarin e bagna cauda sia chi ambisce a trovare nel piatto la creatività di uno chef contemporaneo. Per tre cene e un pranzo della domenica lascerà la bella Locanda (una stella Michelin) di proprietà della famiglia Boroli per regalare al pubblico milanese almeno un po’ della sua giovane e intensa Langa.

Martedì 11 maggio
La carta di Identità Golose

La carta firmata dagli chef Andrea Ribaldone ed Edoardo Traverso propone un’articolata scelta che va dai classici di Identità Golose Milano ai nuovi piatti studiati dalla cucina, fino alle pizze di Franco Pepe.

Mercoledì 12 – venerdì 14 maggio
La trattoria d’autore di Giancarlo Tavani e Gianpietro Stancari
Ai Due Platani, Parma

Si fa un gran parlare di “trattoria contemporanea” da qualche anno a questa parte: quello che un patron come Giancarlo Tavani è riuscito a fare con il suo Ai Due Platani, insieme al cuoco Gianpietro Stancari, è certamente un esempio perfetto di incontro tra i capisaldi della cucina di tradizione e una sensibilità contemporanea sia nella costruzione dei piatti che nell’accoglienza. Non a caso quest’insegna è una delle più amate della zona di Parma, con spesso una lunga lista d’attesa per conquistarsi un tavolo. Non perdete l’occasione di accaparrarvi il vostro in via Romagnosi!

Sabato 15 – domenica 16 maggio
I nuovi piatti di Eugenio Boer
Bu:r, Milano

In attesa di poter tornare ad accogliere i suoi affezionati clienti nel ristorante milanese di via Mercalli, Eugenio Boer sarà per una cena ed un pranzo ospite nel nostro Hub. Porterà con sé per l’occasione una piccola anteprima delle idee che ha messo a punto in questi mesi di chiusura. Quello appena trascorso è stato però un periodo che l’ha visto - insieme alla compagna Carlotta Perilli, responsabile di sala - sempre molto attivo, grazie a un servizio di delivery impostato con cura e intelligenza già dal primo lockdown, che si è dimostrato uno dei più amati in città.

Martedì 18 – mercoledì 19 maggio
Il ritorno all’Hub di Philippe Léveillé
Miramonti l’Altro, Concesio (Brescia)

Philippe Léveillé torna a deliziare il pubblico di Identità Golose Milano con la sua straordinaria cucina a due stelle Michelin: sarà la terza volta che il bretone arriverà in via Romagnosi e sarà anche in questa occasione un appuntamento da non perdere. Léveillé è un esponente della grande cucina francese che ha trovato in Italia una casa professionale e, poco dopo, anche familiare, grazie al legame instaurato con Daniela Piscini, già elegante e premurosa padrona di casa assieme al fratello Mauro. Così il Miramonti l’Altro di Concesio trova nei momenti di incontro tra Francia e Italia buona parte della sua identità più vera e stimolante.

Giovedì 20 – domenica 23 maggio
La Cucinanuova di Francesco Sodano
Il Faro di Capo d'Orso, Maiori (Salerno)

Francesco Sodano - classe 1988 da Somma Vesuviana - ha al suo attivo esperienze prestigiose: con Oliver Glowig a Roma, in diversi locali importanti di Londra e Los Angeles, uno stage da Heston Blumenthal, quindi di nuovo in Italia al Quattro Passi. Ma soprattutto formativo è stato il periodo da quello che considera il suo vero maestro, Anthony Genovese. Fa parte di quella new wave di cuochi che stanno plasmando la Nuova Cucina Mediterranea, connubio felice - e dalle potenzialità straordinarie - tra radice territoriale/tradizionale e contaminazione. Ne è consapevole, e per questo forse è anche uno dei fondatori di Cucinanuova, promettente gruppo di giovani protagonisti della nuova cucina nazionale. Siamo molto curiosi di scoprire cosa proporrà al pubblico di Identità Golose Milano.

Martedì 25 – mercoledì 26 maggio
Le nuove identità di Lorenzo Cogo
Bistrò Dal Cogo e ristorante El Coq, Thiene (Vicenza)

Lorenzo Cogo è stato per diversi anni una delle grandi promesse della cucina d’autore italiana. Giovane, creativo, volitivo e sicuro di sé: con il suo El Coq è riuscito a esprimere tutti questi lati del suo carattere, portando poi quel progetto in Piazza Signoria a Vicenza e erilevando anche la gestione dello storico Caffè Garibaldi. Dopo quattro anni vissuti intensamente, con il Covid a fare da acceleratore, Cogo ha deciso di fermarsi, di riflettere. E per farlo è tornato a lavorare nella cucina del Bistrò dal Cogo, l’attività trentennale di famiglia a Thiene, tornando a cucinare piatti di tradizione al fianco del padre. Ma il richiamo del fine dining lo sente sicuramente e queste sue due cene a Identità Golose Milano saranno senza dubbio un modo per avere qualche indizio sul suo futuro.

Mercoledì 27 – domenica 30 maggio
Il mare di Lecce con Cosimo Russo e Emanuele Frisenda
Cosimo Russo Ristorante, Leverano (Lecce) - Ristorante Aqua del Le Dune Suite Hotel di Porto Cesareo (Lecce)

Una settimana di cene (e un pranzo della domenica) a quattro mani con due giovani e ispirati interpreti del Salento in cucina: Cosimo Russo, originario di Massafra, classe ’84, ha trascorso 5 anni nella brigata di Sergio Mei al Four Seasons Hotel di Milano, prima di diventare chef del ristorante Aqua del Le Dune Suite Hotel di Porto Cesareo (Lecce). Poi ha coronato il sogno di molti cuochi, aprendo il Cosimo Russo Ristorante a Leverano (Lecce), continuando a proporre la sua cucina territoriale, raffinata, personale. All’Aqua ha raccolto il suo testimone Emanuele Frisenda, classe ‘95, cresciuto con Russo fino a meritarsi il primo ruolo da chef. Nel suo stile la mediterraneità è un tratto distintivo, soprattutto nell’interpretazione dei vegetali, del pesce, delle erbe spontanee. Insieme porteranno a Milano un menu salentino al 100%.

E ora mancate solo voi: prenotate al più presto le cene che più vi attirano. Per perfezionare la prenotazione, visitate il sito dell'Hub oppure scrivete a prenotazioni@identitagolosemilano.it o telefonate al +39.02.23668900.


Rubriche

Identità Golose Milano

Racconti, storie e immagini dal primo Hub Internazionale della Gastronomia, in via Romagnosi 3 a Milano