Identità di Gelato: a Senigallia il 27 luglio la prima edizione

Sette grandi interpreti di questa specialità, chef, gelatieri e pasticcieri, si daranno appuntamento alla Rotonda a mare della città marchigiana

01-07-2020
I magnifici sette della prima di Identità Gelato

I magnifici sette della prima di Identità Gelato a Senigallia. Da sinistra: Iginio Ventura, Marco Pedron, Moreno Cedroni, Paolo Brunelli, Mauro Uliassi, Corrado Assenza e Stefano Guizzetti

Finalmente possiamo annunciare la data della prima edizione di Identità di Gelato a Senigallia: grazie all'interesse e alla preziosa collaborazione con il sindaco della città marchigiana Maurizio Mangialardi, con il quale è stato stretto un accordo triennale, questo appuntamento porterà alla Rotonda a mare alcuni tra i migliori interpreti del gelato, offrendo momenti di discussione, approfondimento, confronto su una delle golosità più italiane che ci siano. Sarà inoltre, a tutti gli effetti, un'anteprima della 16ª edizione di Identità Golose - congresso internazionale di cucina d’autore, pasticceria e servizio di sala - da sabato 24 a lunedì 26 ottobre, sempre al Mi.Co. di Milano.

Partner essenziale di Identità di Gelato (e anche della Newsletter dedicata a cui potete iscrivervi da qui) è Motor Power Company - azienda emiliana fondata nel 1989, benchmark nel campo dell’automazione industriale - con la sua macchina mantecatrice Principessa. La prima macchina per gelato e granite siciliane a impiegare la tecnologia direct drive sul sistema di agitazione, consentendo la lavorazione del prodotto direttamente in carapina standard. Il movimento, variabile e controllabile, riproduce il lavoro delle sapienti braccia dell’artigiano, che può così ridurre i tempi di lavorazione e scegliere il grado di programmazione della macchina per realizzare le proprie ricette. Principessa è stata realizzata con la tecnologia del moto più innovativa e sostenibile; non necessita di acqua per il funzionamento ed il risparmio energetico è superiore rispetto ai tradizionali sistemi.

Identità di Gelato esce dalle sale di Identità Golose a Milano e raddoppia. Al programma che dal 2016 arricchisce il congresso milanese, e sarà così anche il prossimo ottobre in occasione dell’edizione numero 16, si aggiunge quello di un convegno autonomo lunedì 27 luglio a Senigallia nelle Marche. Tutto anticipato a fine estate scorsa.

Domenica 8 settembre infatti, a Senigallia presentammo Identità di Gelato in un pomeriggio che vide noi di Identità dialogare, presentati dal sindaco Maurizio Mangialardi, con Paolo BrunelliMoreno Cedroni e Mauro Uliassi. Prendeva così corpo un evento che avevamo fissato per maggio 2020 e che gli eventi ci hanno imposto di spostare in avanti, a fine luglio, sempre a Senigallia, sempre alla Rotonda a mare.

La Rotonda a Mare di Senigallia

La Rotonda a Mare di Senigallia

Luogo simbolo della città marchigiana, inaugurata dove è ora nel luglio 1933, leggenda vuole che ispirò la celebre canzone di Fred Bongusto, una Rotonda sul mare. Restaurata nel 2006, ospiterà la prima edizione di un seminario che trae forza e ispirazione da quanto sviluppato a livello di gelato durante le 15 edizioni di Identità Golose Milano.

Tutto ebbe inizio nel segno di Corrado Assenza che a Identità Milano 2006 stregò con una Granita di mandorle fresche, ostriche e peperoncino. Ricordo benissimo quella lezione, un viaggio che rivivremo a Senigallia. E ancora l’italo-spagnolo Angelo Corvitto e uno speciale dedicato al Gelato nella ristorazione nel 2009, molto vario e originale, ma un po’ prematuro perché ancora non si aveva piena coscienza di quanto sia forte la necessità di ripensare l’universo di coni e coppette, ma anche di gusti pensati per la ristorazione anche in forma di ingredienti.

Gli anni Dieci hanno svuotato sempre più di significato, riducendolo a puro slogan, il parlare di gelato artigianale contrapponendolo, non sempre a ragione, al prodotto industriale. In mancanza di un disciplinare che metta dei paletti, che crei un recinto perché si possa definire artigianale un gelato, tutto ha valore verbale. Un po’ come tutti pensano che qualsiasi pizza è buona se cotta nel forno a legna. Legna che arde sta al mondo di Margherite e calzoni come l’aggettivo artigianale a quello di coppe e coppette ripiene di creme e sorbetti. Basta la parola perché in troppi abbocchino.

Con gli appuntamenti al congresso di Milano, e adesso anche con il convegno di Senigallia - che parte non come iniziativa estemporanea, ma come un progetto triennale - contiamo di mettere un certo ordine. Accadrà non solo con le tre bandiere citate prima ma nel pomeriggio pure con Corrado AssenzaStefano GuizzettiMarco Pedron e Iginio Ventura. Arrivano rispettivamente da Noto in Sicilia, Parma, Milano e Peschici sul Gargano. In totale sette professionisti di assoluto valore, due chef (Cedroni e Uliassi), tre gelatieri (BrunelliGuizzetti e Ventura) e due pasticcieri, Assenza e Pedron.

Il tema? Nuove frontiere della gelateria contemporanea.


Rubriche

Passione Gelato

Storie dal mondo del gelato di qualità