Fabio Abbattista

 Foto Brambilla-Serrani

 Foto Brambilla-Serrani

Leone Felice

L’Albereta Relais Chateaux
via Vittorio Emanuele, 23
25030 Erbusco (BS)
+39.030.7762603
leonefelice@albereta.it

 

LEGGI LA SCHEDA SULLA GUIDA 2021

Profonda conoscenza e rispetto delle materie prime per una cucina che indaga le tradizioni e si innova senza perdere il contatto con la realtà. Con questa filosofia Fabio Abbattista parte dalla concretezza per creare piatti gustosi e perfettamente equilibrati, capaci di unire i sapori della sua Puglia con progressive contaminazioni di territori più o meno lontani.

Nel suo percorso le stelle non sono mancate: ha lavorato al Rome Cavalieri, allo Square Restaurant di Londra, al Le Gavroche con Michel Roux, allo Spoon con Alain Ducasse e per 3 anni come sous chef all’Unico di Milano.
Ora ha trovato una nuova dimensione in Franciacorta, al ristorante Leone Felice dell’Albereta, il Relais Chateaux di proprietà della famiglia Moretti. Tecnico e perfezionista, non ha paura di confrontarsi con i sapori del territorio, rendendo armonici ingredienti difficili da gestire come l'anguilla, a cui prima dà un tocco deciso con un’affumicatura ai carboni e poi alleggerisce accompagnandola con cetriolo, mela verde e cerfoglio.

La sua cucina, profondamente radicata nella cultura mediterranea, è fatta di ricerca di materie prime e di attenzione ai piccoli produttori, che seleziona personalmente, per fare in modo che ciascun piatto abbia davvero un cuore e possa rappresentare il lavoro e la passione di tante persone. Tra le creazioni più rappresentative i Cappelletti di coniglio al grano arso e burro di acciughe, un piatto al confine tra terra e mare, con il profumo tostato del grano che richiama i gesti antichi dei contadini che lo recuperavano dopo aver bruciato le stoppie. Una dimostrazione che anche - e soprattutto - un cibo semplice e umile, se trattato nel modo giusto, può regalare sensazioni sublimi.

Ha partecipato a

Identità Milano


a cura di

Annalisa Cavaleri

bresciana di Erbusco, una laurea in Giurisprudenza, è giornalista professionista, critico enogastronomico e docente allo Iulm. Esperta di antropologia culturale, studia da anni il valore simbolico del cibo nelle religioni con particolare attenzione alla cultura cinese. Collabora con alcune delle più importanti testate del settore


Clicca qui per leggere il profilo dello chef
 Brambilla-Serrani

Croccante di fave bianche e cicoriella selvatica

Clicca qui per leggere il profilo dello chef
 Brambilla-Serrani

Minestra di ceci, rosmarino e zafferano

Clicca qui per leggere il profilo dello chef
 Brambilla-Serrani

Spaghetti di patate “aglio, olio e peperoncino”