Vi raccontiamo aVista-Gusti nomadi, la proposta di ristorazione itinerante in cui il gelato è protagonista

Siamo stati al Grand Hotel Timeo di Taormina per gli aperitivi Twist & Ice, pop up nato dalla collaborazione tra Belmond e appunto aVista, marchio creato da due fuoriclasse del gelato come Giovanna Musumeci e Ida Di Biaggio. I nostri assaggi

09-08-2022
a cura di Davide Visiello
Ida Di Biaggio e Giovanna Musumeci impegnate (e so

Ida Di Biaggio e Giovanna Musumeci impegnate (e sorridenti) durante gli aperitivi Twist & Ice, nati dalla collaborazione tra aVista-Gusti nomadi e Belmond Grand Hotel Timeo

L’atmosfera che si respira è da picnic degli anni ’60, i mitici anni ‘60, quelli in cui «ci batteva il cuore», come diceva Virna Lisi nel finale del film Sapore di mare. L’elegante e misurato sottofondo musicale ricorda ancora quell’epoca suonando Guarda come dondolo, Tintarella di luna e Twist And Shout e il luogo è uno delle meraviglie di Sicilia, platea privilegiata sullo Ionio e sull’Etna fumante, il giardino del Belmond Grand Hotel Timeo di Taormina, rigoglioso, verde e, al momento, denso di installazioni colorate di arte contemporanea realizzate dall’artista camerunense Pascale Marthine Tayou.

In questa parentesi di magia, Twist & Ice, pop up nato dalla collaborazione tra la direzione del più antico hotel taorminese e il brand aVista – Gusti  Nomadi, ha ravvivato per tutto il mese di luglio l’orario dell’aperitivo agli ospiti dell’esclusivo albergo siciliano del bouquet Belmond.

Il Belmond Grand Hotel Timeo di Taormina

Il Belmond Grand Hotel Timeo di Taormina

aVista è un marchio creato da due fuoriclasse del panorama gelatiero nazionale, più volte protagoniste negli ultimi anni a Identità Milano, ossia Giovanna Musumeci, titolare della Pasticceria Santo Musumeci di Randazzo, portavoce della nuova generazione di gelatieri siciliani e vincitrice di prestigiosi premi dedicati al gelato artigianale tra cui il Premio Caviezel nel 2016; e Ida Di Biaggio, maestra gelatiera per metà siciliana e per metà abruzzese, ambasciatrice del Gelato in Expo 2015. «C’è anche un terzo socio» puntualizza la Musumeci. Si tratta di Paolo Cossu, noto architetto siciliano che vive a Londra «e che ha progettato il banco di lavoro su nostre indicazioni tecniche».

Un banco di lavoro all pink, da dove Ida e Giovanna stanno proponendo una nuova visione di gelato. «In realtà noi l’abbiamo pensato come un vero chef’s table – prosegue la gelatiera etnea – Mantechiamo a vista, facciamo le preparazioni a vista, cose impossibili da mostrare in gelateria, tutto rigorosamente a vista perché vogliamo che sia un’esperienza coinvolgente e multisensoriale».

Di Biaggio e Musumeci con il loro banco di lavoro all pink,. Il “motore” tecnologico di Twist & Ice (e di aVista – Gusti Nomadi) si chiama Principessa Combo, la macchina firmata MotorPower che combina la stazione di mantecazione Principessa con i pozzetti di conservazione Neviera. Un mix di tecnologia, sostenibilità e versatilità, tutto nella stessa struttura

Di Biaggio e Musumeci con il loro banco di lavoro all pink,. Il “motore” tecnologico di Twist & Ice (e di aVista – Gusti Nomadi) si chiama Principessa Combo, la macchina firmata MotorPower che combina la stazione di mantecazione Principessa con i pozzetti di conservazione Neviera. Un mix di tecnologia, sostenibilità e versatilità, tutto nella stessa struttura

«È un’esperienza gastronomica centrata sul gelato e sulla sua versatilità», spiega Ida Di Biaggio, pescarese, da marzo domiciliata in Sicilia. Aggiunge: «È un modo divertente per far conoscere ai nostri ospiti i mondi diversi che ruotano intorno al gelato, che non è sempre e soltanto dolce, ma può essere proposto in versione gastronomica, alcolica, base latte, sorbetto o granita. Ovviamente questo format, per essere apprezzato, ha bisogno di un contesto giusto e diverso dalla gelateria tradizionale».

E il giusto contesto pare proprio questo, tra musica retrò e tappeti sull’erba, tra l’azzurro del mare e i profumi del giardino. L’aperitivo ha inizio con un calice di Champagne Veuve Clicquot Rich, floreale, leggermente agrumato, dalle sensazioni cremose, nato per la mixologia, perfetto da servire con ghiaccio, frutta e verdura, abbinamento ideale per la serie di tapas che seguiranno, a base di gelato.

S'assaggia e si degusta

S'assaggia e si degusta

Inizio fresco e morbido è la granita dello stesso Veuve Clicquot Rich, un “assoluto” perché non ci sono aggiunzioni, a parte una quota minima di zucchero per conferire struttura; il Crostino di pane tostato con gelato al burro, acciughe del Cantabrico e zest di limone è un assaggio di grande intensità e di goloso contrasto tra la parte aromatica e sapida delle alici e la parte grassa del burro nel gelato a base latte. Si passa poi al Gambero rosso marinato con granita di fragole, salicornia e mollica di pane abbrustolita (in Sicilia pane atturrato): è un gioco che parte dalle dolcezze del crostaceo e della granita, prosegue nell’acidità della fragola e nelle sfumature piccanti della salicornia e si completa nella croccantezza amarognola del pane abbrustolito.

Gelati fuori dal comune

Gelati fuori dal comune

Giusta parentesi spiritosa in questo viaggio nel gelato gastronomico è la Granita al Gin Tonic; il Sandwich con sorbetto al salmone affumicato e maionese al lime è un capolavoro di sapori e sapidità, un’idea ripresa dalla cultura inglese del tè delle 5, dove è possibile trovare merende dolci e salate, tra cui l’immancabile sandwich al salmone affumicato. Dopo l’omaggio d’oltremanica, il ritorno in Italia celebra la parmigiana: Melanzana con granita al pomodoro, ricotta salata e basilico, idea interessante dai sapori decisi. Dalla terra al mare, con una Tartare di tonno, granita di cetriolo e lime, e ritorno con un Sandwich di prosciutto nero dei Nebrodi piastrato (una sorta di bacon siciliano), sorbetto di birra, lattuga iceberg e cipolla caramellata, due assaggi molto decisi dove la granita e il sorbetto alleggeriscono le preparazioni rinfrescando il palato. La chiusura di classe è un Sorbetto al Negroni.

Un aperitivo diverso

Un aperitivo diverso

Il sodalizio tra il Timeo e aVista nasce dalla lungimiranza di Alessandra Lo Re, pr manager area Sicilia di Belmond, che ha subito intravisto nell’idea di Ida e Giovanna la possibilità di offrire agli ospiti dell’hotel un’esperienza divertente e insolita. È bastata una telefonata e il progetto è diventato esecutivo. «L’avevamo immaginato proprio così, tappeti, colori pastello, musica e ambiente – concludono le due gelatiere – Un giardino come questo era quello che sognavamo per il nostro format ed è stato naturale proporlo ad Alessandra che ha accolto subito l’idea con entusiasmo».

L’entusiasmo di vivere un viaggio nuovo, singolare, inconsueto alle frontiere del gelato, probabilmente il cameo più interessante dell’estate 2022 in Sicilia, in un’atmosfera di relax e di eleganza, su una cartolina con uno sfondo da sogno. Sarà forse per tutto questo che effettivamente «ci batteva il cuore».


Rubriche

Passione Gelato

Storie dal mondo del gelato di qualità