Massimo Bosco a Tempio Pausania, ora ci sono anche le pizze tonde

Il pizzaiolo sardo amplia la propria proposta, oltre a grande panificazione e pizza in teglia. E ha pure ingrandito il locale...

24-02-2019 | 15:00
Massimo Bosco e una delle sue pizze, in particola

Massimo Bosco e una delle sue pizze, in particolare quella con fior di latte, peretta di Berchidda (formaggio a pasta filata locale), pancetta arrotolata e scaglie di GranAnglona

Non riesce a stare con le mani in mano, Massimo Bosco. Il bravissimo pizzaiolo sardo – che ha intrapreso la sua carriera per caso e per necessità ed è oggi uno dei migliori esponenti della pizza dell’isola, oltre che apprezzatissimo maestro di tanti aspiranti pizzaioli che vengono da tutto il mondo  a Tempio Pausania per imparare da lui – già affiancava l’attività di panificazione e la realizzazione di pizze tonde da asporto nel suo piccolo locale dedicato alla pizza in teglia. Dall’estate scorsa ha deciso di puntare invece soprattutto sulla tonda.

Così, ampliato il locale acquisendo lo spazio adiacente, ha destinato un ambiente al forno e uno all’accogliente sala con tavoli ben apparecchiati e suggestive foto alle pareti (ma in estate ci sono anche i tavoli esterni distribuiti tra il portico fiorito antistante il locale e quello dall’altro lato della strada, parte del vecchio mercato della città, che in agosto arrivano a occupare anche la strada pedonale nel mezzo).

Massimo Bosco con Gabriele Bonci

Massimo Bosco con Gabriele Bonci

Qui ci si ferma con tutta calma a godersi le sue squisite pizze tonde, dall’impasto soffice e leggero a base di grani da filiera 100% sarda e farro. I condimenti spaziano da quelli tradizionali delle Pizze Classiche a quelli più fantasiosi e ricchi delle Pizze Bosco o delle Speciali, spesso con ingredienti locali e dal carattere spiccatamente sardo come la pizza Culurgiones, il cui topping ricorda quello dei famosi ravioli isolani: patate lesse, pecorino sardo, olio alla menta ed erba cipollina e sale al timo.

Ma c’è spazio pure per la pizza fritta, condita semplicemente con pomodoro e mozzarella o per esempio nella versione con porchetta artigianale di Ploaghe, patate lesse, sale al mirto e senape. Super golosa, sì, ma senza esagerare: «Semplicità e sostanza sono le nostre parole d’ordine», ama ripetere il pizzaiolo. E gli assaggi – come pure quello della pizza con fior di latte, peretta di Berchidda (formaggio a pasta filata locale), pancetta arrotolata e scaglie di GranAnglona, formaggio pecorino che ricorda in qualche modo la consistenza e gli aromi del Grana – confermano.
 

Pizzeria panetteria Bosco
via Vittorio Veneto 4, Tempio Pausania, Sassari
tel. +39 079 632494


Rubriche

Mondo pizza

Tutte le notizie sul piatto italiano più copiato e mangiato nel pianeta