23-05-2023

In viaggio nel Vecchio Continente, con Anantara Hotels, Resorts & Spas

Stile e personalità, storia e bellezza delle proprietà europee del gruppo. Ne parliamo con Camilla Davis, cluster director of public relations, di Anantara Europe

Una suggestiva immagine dell'Anantara Marbella

Una suggestiva immagine dell'Anantara Marbella

Mettere in contatto con luoghi, persone e storie autentiche attraverso esperienze personali, offrendo un’ospitalità sincera nelle destinazioni più emozionanti del mondo. Anantara Hotels, Resorts & Spas è una collezione di hotel e resort che si distingue per il lusso autentico e la competenza appassionata riservata a viaggiatori moderni, desiderosi di scoprire territori nuovi, grazie ad esperienze stimolanti e personalizzate, le Signature Anantara Experiences. Spaziando da città cosmopolite a destinazioni esotiche, Anantara vanta un portfolio di oltre 40 splendide proprietà in Thailandia, Indonesia, Vietnam, Cina, Cambogia, Malesia, Maldive, Sri Lanka, Mauritius, Seychelles, Mozambico, Zambia, Tunisia, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Oman ed Europa, e una strategia di sviluppo che vedrà futuri opening in Asia, Medio Oriente, Europa, Africa e Sud America. In Europa, in particolare, dove è presente con hotel in Portogallo, Spagna, Italia, Ungheria e Paesi Bassi, le strutture puntano su esperienze e benessere e si distinguono per stile e personalità, storia e bellezza. Ne abbiamo parlato con Camilla Davis, cluster director of public relations di Anantara Europe.

Deluxe Room, Anantara Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam

Deluxe Room, Anantara Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam

Partiamo da una notizia legata all’attualità. L’Anantara Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam è appena entrato nella It List: i 100 migliori nuovi hotel dell’anno secondo Travel + Leisure, cosa lo rende speciale?
«Siamo entusiasti che l’Anantara Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam sia stato inserito nella prestigiosa T+L IT List. Con una posizione privilegiata sulla rinomata Piazza Dam, una varietà di opzioni culinarie da leccarsi i baffi, tra cui The White Room, premiato con la stella Michelin, lussuose suite recentemente rinnovate con una vista impareggiabile sulla città e sui suoi punti nevralgici e, naturalmente, esperienze esclusive per gli ospiti, tra cui cene private nei campi di tulipani, tour privati dei canali in una barca ristrutturata del 1900 e tour gastronomici a piedi, sono tanti i dettagli che rendono questo hotel speciale. L’elemento veramente unico sono i membri del team che lavorano duramente per garantire a ogni ospite un soggiorno magico.

Fresco di restyling è invece l’Anantara The Marker di Dublino.
«Sì, è il più contemporaneo hotel della capitale irlandese, l’unico cinque stelle della zona, si trova nel cuore dei Docklands, una zona elegante e innovativa della città che ospita alcuni dei nomi più famosi del mondo della tecnologia, tra le più vivaci, dinamiche e moderne della città per vivere, lavorare e socializzare. Precedentemente noto come The Marker, ha completato un'importante ristrutturazione con un investimento multimilionario. Tutte le 187 camere sono state ristrutturate, mentre la hall e il bar sono stati rinnovati con nuovi arredi, mobili su misura e personalizzati».

Lo chef Gareth Mullins del ristorante Forbes Street by Gareth Mullins, all'Anantara The Marker Dublin Hotel 

Lo chef Gareth Mullins del ristorante Forbes Street by Gareth Mullins, all'Anantara The Marker Dublin Hotel 

The White Room, Anantara Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam

The White Room, Anantara Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam

Come si sviluppa invece l’esperienza gastronomica?
«La ristorazione è un pilastro fondamentale dell’esperienza Anantara e ogni hotel riflette la cucina locale con un tocco di modernità, grazie a prodotti freschi e ispirati dalla personalità e dall’esperienza di ogni chef. Per citare per esempio l’Anantara The Marker di Dublino, il nuovo ristorante Forbes Street by Gareth Mullins, punto di riferimento della città, offrirà il meglio dei prodotti di provenienza locale, rivisitati in chiave contemporanea e con un tocco unico irlandese. Con la sua architettura elegante, il suo design e la sua incredibile posizione, si caratterizza per un lusso e uno stile internazionale».

La facciata esterna dell'Anantara New York Palace Budapest Hotel, in Ungheria

La facciata esterna dell'Anantara New York Palace Budapest Hotel, in Ungheria

Anantara New York Palace Budapest Hotel

Anantara New York Palace Budapest Hotel

A quale gruppo appartiene il marchio Anantara? Quali sono gli hotel in Europa oggi e quali i loro punti di forza?
«Anantara Hotels, Resorts & Spas appartiene alla società madre Minor Hotels, un gruppo alberghiero con sede in Thailandia che possiede diversi marchi che compongono un portafoglio globale. Anantara è un marchio per viaggiatori di lusso, come lei nota, e ogni singolo Anantara si sforza di offrire un lusso autentico che connette gli ospiti alle persone e ai luoghi di ogni incredibile destinazione che chiamiamo ‘casa’. L’espansione in Europa è stata particolarmente entusiasmante per Anantara, che tradizionalmente è un marchio noto per i suoi resort in destinazioni come la Thailandia, le Maldive e l’Oman. In Europa, il portafoglio di 8 hotel è stato accuratamente selezionato per mostrare alcune delle città più dinamiche e amate d’Europa, tra cui Budapest, Roma e Nizza. Il portafoglio europeo è così vario e unico che ogni struttura si differenzia per stile e personalità. Molti degli hotel e resort Anantara Europe sono situati in storiche proprietà Grand Dame che abbiamo ristrutturato con cura e amore per riportarle al loro antico splendore. L’Anantara Plaza Nice è un hotel storico aperto per la prima volta nel 1848, che ha aperto la strada all’epoca glamour della Costa Azzurra; all’Anantara Palazzo Naiadi di Roma l’edificio stesso è sospeso sulle rovine delle Terme di Diocleziano, risalenti all’epoca romana, mentre sull’iconica Costiera Amalfitana abbiamo rinnovato ed elevato molte caratteristiche del Convento di Amalfi, costruito per la prima volta dai monaci cistercensi nel XIII secolo».

La facciata esterna dell'Anantara Plaza di Nizza

La facciata esterna dell'Anantara Plaza di Nizza

Cosa caratterizza l’esperienza del Vecchio Continente?
«Anantara Europe combina un mix di resort, per i quali il marchio è ben noto, con proprietà in città, tra cui Dublino, Amsterdam e Roma. Questo fa parte di una strategia pianificata per far sì che Anantara sia un marchio di resort e di città, anche con l’intenzione di catturare l’attenzione del pubblico locale in ogni destinazione. Conquistare la gente del posto è parte integrante del successo delle nostre attività di ristorazione e spa negli hotel di città, che è estremamente diverso dal gestire i resort in destinazioni prevalentemente inbound come le Maldive. Al di là della storia e delle storie delle singole proprietà, gli ospiti di Anantara in Europa riconosceranno lo stesso servizio personalizzato, la stessa sincera ospitalità e le stesse eccezionali offerte gastronomiche e termali per cui siamo famosi in tutto il mondo. In tema di formazione dei membri del team, per esempio, molti di essi si recano in Asia o in Medio Oriente per apprendere dai nostri hotel di riferimento a livello mondiale, e viceversa. Creare le Signature Anantara Experiences, che sono una pietra angolare del nostro marchio, ci ha permesso di scoprire gemme nascoste e di avere accesso agli archivi dei musei, per esempio».

La terrazza dell'Anantara Marbella, Spagna

La terrazza dell'Anantara Marbella, Spagna

In che modo la storia e la cultura di un luogo prendono vita negli spazi di un hotel europeo Anantara?
«Anantara cerca di mettere in contatto gli ospiti con la cultura locale di ogni destinazione in modo significativo. Incorporando il design e i tessuti locali negli interni e nelle ristrutturazioni architettoniche, offrendo attività ed esperienze che immergono gli ospiti nella cultura e nella storia della destinazione, come a Budapest, dove gli ospiti viaggiano in un VW Campervan d’epoca per esplorare angoli nascosti della città, o a Roma, dove i tour gastronomici si svolgono a bordo di iconiche Vespa e sidecar o mettendo in mostra gli artigiani locali. I concetti caratteristici come Spice Spoons immergono gli ospiti nella cucina e nel patrimonio di una destinazione con un corso di cucina che inizia con una visita a un mercato locale guidata dallo chef per scegliere gli ingredienti freschi prima di tornare in hotel per imparare a preparare i piatti tipici regionali. Sulla Costiera Amalfitana, il corso inizia negli orti del convento, che da secoli riforniscono i residenti di prodotti freschi, prima di imparare a preparare i cannelloni, che la leggenda vuole siano stati creati proprio nel convento da uno chef negli anni Venti».

Un altro punto di forza del marchio è il benessere: linee cosmetiche esclusive, programmi personalizzati, cosa differenzia l’offerta benessere di Anantara in Europa?
«Le Anantara Spa sono il cuore dell’esperienza Anantara e il portfolio europeo offre innumerevoli interpretazioni uniche dei concetti autoctoni. All’Anantara Spa di Roma, ad esempio, il Rituale dell’eroe Diocleziano si ispira alla classica sequenza di bagni degli antichi romani, che si riunivano alle Terme di Diocleziano per socializzare, rilassarsi e purificarsi utilizzando una combinazione di fango di alta qualità e olio d’oliva, che veniva raschiato con uno strumento strigile come parte di un vigoroso massaggio. Il rituale di due ore include anche varie erbe e piante medicinali che gli antichi romani usavano per le pozioni curative, tutte reperite localmente con l’aiuto dell’Associazione Donne Artigiane d’Italia. Diverse Spa in Europa, tra cui quelle di Nizza e Budapest, utilizzano un marchio francese chiamato Thalion, ricco di sostanze nutritive provenienti da alghe naturali».

L'Anantara di Amalfi

L'Anantara di Amalfi

La Terrazza del Ristorante Dei Capucc, all'Anantara Hotel di Amalfi

La Terrazza del Ristorante Dei Capucc, all'Anantara Hotel di Amalfi

Amalfi, il secondo hotel in Italia, è stato appena inaugurato. può parlarci del progetto in breve?
«Dopo un’ampia ristrutturazione, l’Anantara Grand Hotel Convento di Amalfi ha aperto ufficialmente le sue porte questa primavera, accogliendo gli ospiti con eleganti camere e suite caratterizzate da elementi originali, emozionanti concetti culinari e una spa di livello mondiale, il tutto con vista sul Mediterraneo. A soli 15 minuti a piedi dal centro di Amalfi e a 90 minuti di auto dall’aeroporto internazionale di Napoli, l’hotel rappresenta il perfetto equilibrio tra una fuga accessibile e un rifugio monastico appartato. Il restauro dell’edificio, risalente a 800 anni fa, ha preservato con cura le caratteristiche storiche, tra cui i chiostri ornati e la chiesa barocca in loco, completa di altare in marmo e pavimento in maiolica. L’attenta conservazione della facciata ha incluso il consolidamento, la riparazione e la pittura per mantenere i materiali e i colori originali. Il design degli interni prende spunto dal convento e dalla vita semplice e artigianale dei suoi abitanti originari, con materiali provenienti dalla natura - legni, pelli, fibre naturali e metalli preziosi, mescolati con i dettagli di lusso per cui Anantara è conosciuta. Le 52 camere e suite della struttura - molte delle quali costruite inizialmente come alloggi dei monaci - presentano piastrelle originali, soffitti a volta e pareti imbiancate a calce per un senso di semplice serenità, che si fonde perfettamente con tessuti ricchi, mobili scultorei, arte locale, comfort high-tech e viste sul Mediterraneo. La Suite Del Priore - che prende il nome dalla sua collocazione nel priorato del convento - vanta affreschi sopra il letto a baldacchino e viste sul chiostro, mentre la Suite Dell’Eremita offre privacy e romanticismo aromatico nella sua tranquilla limonaia. Arroccato a 80 metri sopra la città di Amalfi, l'hotel offre una vista incredibile sulla baia di Amalfi».

Avete in programma l’apertura di nuove strutture in futuro in Italia e in Europa?
«Nell’ambito dell’espansione strategica di Anantara in Europa, Anantara Royal Vila Viçosa sarà inaugurato nel 2024 come seconda struttura Anantara in Portogallo».


Hôtellerie

Radiografia, notizie e curiosità sugli hotel e le locande più importanti in Italia e nel mondo.

Elisabetta Canoro

a cura di

Elisabetta Canoro

Giornalista professionista, è consulente di Identità Golose, vice direttore di The CUBE Magazine e collaboratrice di AD Architectural Digest italia e Panorama. Autrice di guide e di libri editi da WhiteStar e Marco Polo

Consulta tutti gli articoli dell'autore