15-09-2023

La sfida pisana di Gianni Moscardini: «Vino, mettiamo al bando le ricette»

Da agronomo consulente a Bolgheri, a "casa sua": «Ho preso in mano le redini dell’azienda di famiglia nel 2008. Per fare qualcosa di diverso».

Gianni Moscardini e la sua sfida pisana

Gianni Moscardini e la sua sfida pisana

Ricercando il giusto equilibrio e la corretta combinazione tra terreno, portainnesto e varietà, esaltando le peculiarità dell’Alta Maremma, Gianni Moscardini, attraverso le sue 10 etichette, racconta la storia dei vitigni autoctoni, l’impronta dei vitigni internazionali e l’evoluzione dei vitigni di areali diversi.

L’azienda, di proprietà della famiglia Moscardini, per oltre cent’anni si è dedicata alla coltivazione di cereali ed ulivi, ma è con l’arrivo di Gianni Moscardini, agronomo e in passato consulente per altre realtà vitivinicole, che nei primi anni 2000 si converte unicamente alla viticoltura. «È stata fondata da mio nonno, a sud di Pisa, a circa 8 chilometri in linea d’area dal mare – spiega Gianni Moscardini - Dopo la laurea in agronomia, ho avuto la fortuna di essere chiamato a Bolgheri: qui è iniziato il mio lavoro nel mondo del vino per gli altri, come consulente. Ma poi volevofare qualcosa di mio e così ho preso in mano le redini dell’azienda di famiglia nel 2008. Per fare qualcosa di diverso».

La posizione dell’azienda, che si trova a Pomaia in provincia di Pisa, gode di un terroir singolare, frutto del processo di sedimentazione conseguente al ritiro delle acque verso gli attuali confini avvenuto milioni di anni fa. Si compone infatti di tre diverse composizioni, che vanno dal calcareo di natura sedimentaria e origine marina, al pietroso e arido di origine magmatico-vulcanica, fino a zone con argille di natura sedimentaria di mare profondo. Le tre tipologie non si intersecano mai, bensì si susseguono secondo fasce parallele distinte, sia in superficie che in profondità, favorendo una parcellizzazione precisa ed efficace dei vigneti. In totale Gianni Moscardini può contare su 13,5 ettari produttivi, con la proiezioni di arrivare nel 2025 a 20 ettari, per una produzione di  70mila bottiglie, con l’obiettivo di arrivare ai centomila.

La diversa composizione del terreno, lascia spazio a vitigni differenti: in primis gli autoctoni toscani, come il Sangiovese e il Vermentino, ma anche gli internazionali danno un ottimo riscontro, e infatti Merlot e Cabernet Franc entrano nella produzione dell’Azienda. In secondo luogo, lo stesso Gianni Moscardini, si rende conto della versatilità dei suoi terreni e azzarda vitigni di Teroldego, Fiano e Verdicchio, scardinando così il tradizionale concetto di areale.

Gianni Moscardini: «Voglio fare qualcosa di diverso»

Gianni Moscardini: «Voglio fare qualcosa di diverso»

I diversi terroir consentono a Gianni Moscardini di differenziare i suoi vini in tre diverse linee:  Selezione, Monovarietali e Terroir. La linea Selezione è composta da tre etichette, tutte sotto il nome di Penteo. Una versione rosé, per esaltare le peculiarità del ciliegiolo; un bianco che unisce Vermentino (85%) e il Fiano (15%) in perfetto equilibrio, che portano note tropicali, freschezza e sapidità; un rosso, frutto dell’unione tra Sangiovese (85%) e Teroldego (15%), prodotto che ben si addice a giochi di temperature per abbinarsi a molteplici piatti.

L’obiettivo della linea Monovarietali è dare piena espressione ai singoli vitigni attraverso l’etichetta Sileno che si declina in versione 100% Sangiovese, Merlot o Ciliegiolo. L’ultimo nato è il Verdicchio Costa Toscana IGT 2022, racconto delle brezze marine che percorrono i pendii di questo vigneto.

La linea Terroir è la più pregiata, dove l’Artume e l’Atteone fanno da padroni. Il primo è un bianco nato dall’assemblaggio di Fiano di Avellino (85%) e il Vermentino (15%) che, grazie ai terreni magmatico-vulcanici sui quali sono coltivate le vigne, oltre ad una grande freschezza, riporta sapidità e mineralità. L’Atteone è invece piena espressione del Cabernet Franc, elegante e avvolgente, le sue note di tabacco e frutti maturi, lo rendono persistente e di buona struttura. Perfetto per un’evoluzione in bottiglia. La terza e ultima etichetta di questa linea è l’Operaundici, nato dalla combinazione di Sangiovese (50%), Ciliegiolo (25%) e Teroldego (25%). La combinazione di note di frutti rossi e liquirizia, dona equilibrio e raffinatezza.

La linea Selezioni, con i vini chiamati Penteo

La linea Selezioni, con i vini chiamati Penteo

La filosofia di Gianni Moscardini, declinata in cantina dove lavora con l’enologo Emiliano Falsini, è semplice: «Mettiamo al bando le ricette. Ogni anno valutiamo la soluzione migliore».

Dedizione, territorio e altruismo sono i tre capisaldi dell’azienda Gianni Moscardini, gli stessi che produttore pisano desidera condividere e promuovere attraverso la nuova iniziativa solidale Progetto 111.

Il Progetto 111, con finalità benefiche

Il Progetto 111, con finalità benefiche

In occasione del centenario dell’azienda, sono state realizzate 111 Magnum numerate della migliore barrique monovarietale; l’acquirente avrà la possibilità di scegliere la bottiglia del numero che preferisce così come l’ente no-profit al quale l’azienda devolverà circa il 50% del ricavato della vendita, sostenendo in modo tangibile e condiviso chi ne ha più bisogno.

«Con Progetto 111 desidero rendere omaggio alla storia della mia famiglia, segnata dalla dedizione per il lavoro agricolo e dal rispetto per gli equilibri della natura – spiega Gianni Moscardini -, una sensibilità che ho ereditato e cercato di declinare secondo i miei studi e obiettivi enologici, sintetizzati nel principio cardine del mio stile produttivo: la ricerca del miglior rapporto tra terreno, portainnesto e varietà. Al contempo ho voluto rivolgere un piccolo pensiero a chi è meno fortunato di noi, creando una sinergia tra territorio e altruismo».


In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo

Stefania Oggioni e Raffaele Foglia

a cura di

Stefania Oggioni e Raffaele Foglia

Lei è triestina di nascita, ma milanese di adozione. Lui è comasco. In comune hanno la passione per il vino e per le belle storie da raccontare

Consulta tutti gli articoli dell'autore