La Hechicera, dalla Colombia il rum dell'Incantatrice

In una bottiglia il racconto della famiglia Riascos e del "paese dell'abbondanza": «L'obiettivo è la massima qualità»

24-02-2022
a cura di Raffaele Foglia
La Hechicera, rum realizzato in Colombia con il me

La Hechicera, rum realizzato in Colombia con il metodo Solera

L’incanto della Colombia, terra dell’abbondanza, narrato appunto da un’incantatrice, La Hechicera.

Questo rum ci porta idealmente in una zona dell’America del Sud particolarmente rigogliosa, dove c’è tutto: spiagge caraibiche, un microclima fantastico per tutto l’anno, una grande biodiversità, ma anche storia e cultura.

Paolo Guasco, brand ambassador, e Miguel Riascos di La Hechicera

Paolo Guasco, brand ambassador, e Miguel Riascos di La Hechicera

La Hechicera è prodotto dall’unica azienda di rum artigianale di proprietà privata della Colombia, a Barranquilla, nel nord del paese. «È un prodotto serenamente saggio – sottolinea Paolo Guasco di Pernod Ricard, brand manager di La Hechicera – Siamo trasparenti, questa vuole essere una produzione di qualità, puntando a fare il massimo».

Alla presentazione avvenuta a Milano al Sixième Bistrò, non si è parlato solo di La Hechicera, ma anche della storia della famiglia Riascos, da due secoli impegnata nella produzione del rum. Proprio Miguel Riascos ha voluto spiegare il massimo impegno per realizzare un prodotto non banale, con la volontà di dare complessità senza essere eccessivamente impegnativo.

Questo rum viene realizzato con il metodo Solera: nella bottiglia finale viene portato un blend dei migliori rum con un affinamento che va da un minimo di 12 anni fino a 21 anni, il tutto sotto l’attento controllo del maestro ronero Giraldo Mituoka. Ma non facciamoci ingannare dal colore e dai profumi iniziali. «Anche se si potrebbe pensare che sia un rum un po’ ruffiano, invece non è affatto vero – spiega ancora Paolo Guasco - Abbiamo la fortuna di un affinamento in botti ex bourbon che danno un profilo molto forte e distinto nel nostro rum, molto lontano da quel sapore vaniglioso e dolce, che appunto noi non abbiamo. Non viene aggiunto alcun additivo, nessun colorante, nessun caramello, ma c’è un sapore intenso che arriva dall’affumicatura del legno. È una produzione di qualità dedicata alla degustazione in purezza, ma anche ai grandi cocktail classici, come un daiquiri». Proprio il Sixième Bistrot ha realizzato tre ottimi cocktail che hanno esaltato questo prodotto.

Rum ottimo liscio, ma perfetto anche per la miscelazione

Rum ottimo liscio, ma perfetto anche per la miscelazione

Si tratta di un rum dalla grande complessità, con al naso chiari sentori di caffè e vaniglia, che interagiscono con note più delicate di cioccolato e cannella e con un tocco speziato molto accattivante di pepe. In bocca è estremamente secco, ma anche pieno e ricco, con un piacevole finale da cioccolato fondente. Ma soprattutto è un rum che continua a richiamare l’assaggio.

Distribuito in Italia da Pernod Ricard, che l’anno scorso ha acquisito una quota di maggioranza del brand, è venduto a un prezzo consigliato di 45 euro a bottiglia.


Rubriche

In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo