15-07-2022

Racconto de Il San Corrado di Noto, un vero gioiello d'hôtellerie con la cucina di Paolo Gionfriddo

La struttura, inaugurata lo scorso anno in quella che un tempo era la residenza del principe Nicolaci, guarda al mercato d'alta fascia e può rappresentare una svolta nella proposta turistica della Sicilia. Tavola golosa: i nostri assaggi

Il San Corrado di Noto è stato premiato lo scorso settembre agli International Travel Awards, vincendo nella categoria "Best Luxury Hideaway Resort in Italy", e la cosa ha un suo gran peso per chi come noi ama molto la Sicilia, è convinto delle sue tante potenzialità turistiche e gastronomiche ancora inespresse (o non del tutto espresse), ha assistito in passato alle troppe opportunità perse e si rallegra se osserva invece, oggi, un deciso cambio di passo.

In generale l'area netina è trainante in tal senso: in questa zona si sono moltiplicate di recente strutture dell'accoglienza e buonmangiare che qualificano l'offerta, alzano l'asticella, attirano una clientela - specie internazionale - di livello, danno insomma nuove prospettive, e promettenti, all'incoming. Noi stessi ve ne raccontiamo altre due, qui e qui.

Di certo, Il San Corrado è l'iniziativa più importante tra tutte, quella che segna la differenza. Viene in mente la vicenda di Borgo Egnazia in Puglia: che col solo fatto di esserci, e grazie al successo ottenuto, ha generato un effetto valanga, ha stimolato ulteriori investimenti, ha indotto una crescita che s'è estesa a macchia d'olio. Un parallelo con Il San Corrado è possibile solo in parte: quella di Noto è una struttura più piccola (26 camere e 8 ville), può dunque incidere in modo minore nello stimolare il mercato. Ma di certo fa da nuovo punto di riferimento; lo conferma l'affiliazione - arrivata in un batter d'occhio - al prestigioso circuito Relais&Chateaux.

Il San Corrado

Il San Corrado

Il resort, aperto nel 2021 e diretto da una veterana nell'hôtellerie di lusso, Rita Pili, è ricavato da un’antica masseria nobile, un tempo era residenza del principe Nicolaci. Il progetto architettonico di recupero - firmato Corrado Papa e Simone Paoletti - è stato particolarmente brillante: anche grazie agli ampi spazi, fa sì che ogni ospite possa godere di grande privacy, quasi la struttura fosse tutta per sé. Le ville dispongono di piscina privata; ma per tutti gli altri soggiornanti, sono a disposizioni due ulteriori piscine, magnifiche: una, gigantesca e riscaldata, nel corpo centrale, in marmo verde del Guatemala. L'altra è una lap pool lunga 100 metri, unica nel suo genere, si chiama One Hundred Blue Pool. Il San Corrado dispone anche di un proprio Beach Club, a pochi chilometri di distanza.

Camere davanti alla Green Pool

Camere davanti alla Green Pool

La One Hundred Blue Pool

La One Hundred Blue Pool

A volere Il San Corrado è stato l'imprenditore Paolo Gionfriddo, ligure di genitori siracusani; e curiosamente in cucina troviamo uno suo omonimo, Paolo Gionfriddo pure lui, siciliano di Siracusa a sua volta, classe 1980, rientrato in Italia dopo vent’anni quasi continuativi all’estero, ha iniziato a Londra (Harry’s Bar con Alberico Penati e Locanda Locatelli con Giorgio Locatelli), poi Abu Dhabi (Ferrari World), Indonesia, Mauritius, Dubai sempre sotto brand prestigiosi come Rocco Forte, Shangri-La, Palazzo Versace, Four Seasons, ma dopo l'Inghilterra aveva anche lavorato per tre anni con Antonio Guida ai tempi de Il Pellicano a Porto Ercole. Segue l'offerta di due ristoranti: il gastronomico Principe di Belludia e la più semplice Casa Pasta, stile trattoria con anche la pizza.

Lo chef ​Paolo Gionfriddo con l'head sommelier Benito Scatà e Mattia Lorenzo

Lo chef ​Paolo Gionfriddo con l'head sommelier Benito ScatàMattia Lorenzo

Non spinge più di tanto, Gionfriddo (era già qui lo scorso anno): per ora prende le misure e si mantiene in una comfort zone piacevole e professionale, «voglio una cucina comprensibile per tutti», con piatti golosi, pieni, ben eseguiti, senza troppi elementi, «vogliamo crescere poco a poco». Materia prima di qualità per una proposta legata agli standard internazionali e con un legame costante col territorio.

Da segnalare infine il servizio, giovane e particolarmente attento, si distinguono il maître e head sommelier Benito Scatà e, in sala, Lorenzo Breda.

E ora i nostri assaggi, gli scatti sono di Tanio Liotta.

Alice marinata, peperoni, mollica atturrata e ricotta

Alice marinata, peperoni, mollica atturrata e ricotta

Capasanta, salsa del suo corallo

Capasanta, salsa del suo corallo

Coni con tartare di carne e caviale

Coni con tartare di carne e caviale

Cappuccino di tenerumi, bottarga ed emulsione di vongole

Cappuccino di tenerumi, bottarga ed emulsione di vongole

Gambero affogato: gazpacho, crema di bufala, gambero rosso di Mazara del Vallo, caviale

Gambero affogato: gazpacho, crema di bufala, gambero rosso di Mazara del Vallo, caviale

Triglia ripiena di cicorietta, salsa di triglia, polpetta di pomodoro, cialda al nero di seppia

Triglia ripiena di cicorietta, salsa di triglia, polpetta di pomodoro, cialda al nero di seppia

Spaghetto in botta: spaghetto mantecato con crema di pinoli, uvetta e finocchietto, salsa alla bottarga, mollica atturrata, bottarga

Spaghetto in botta: spaghetto mantecato con crema di pinoli, uvetta e finocchietto, salsa alla bottarga, mollica atturrata, bottarga

Spigola in crosta d'acciuga, porro fondente, finocchio

Spigola in crosta d'acciuga, porro fondente, finocchio

Gelato all'ostrica, caviale

Gelato all'ostrica, caviale

Piccione, foie gras, spinaci, spuma di caffè, tartufo. La coscia del piccione è confit

Piccione, foie gras, spinaci, spuma di caffè, tartufo. La coscia del piccione è confit

Sorbetto al lampone, spugna al pistacchio e basilico, confettura di lamponi, gel di limone

Sorbetto al lampone, spugna al pistacchio e basilico, confettura di lamponi, gel di limone

Millefoglie con crema chantilly, fragole, croccante al cioccolato, croccante di zucchero

Millefoglie con crema chantilly, fragole, croccante al cioccolato, croccante di zucchero

Principe di Belludia de Il San Corrado di Noto
Contrada Belludia SP51 - Noto (Siracusa)
Tel. +39 0931 1842020
sito web
menu degustazione a 130 e 170 euro


Carlo Mangio

Gita fuoriporta o viaggio dall'altra parte del mondo?
La meta è comunque golosa, per Carlo Passera

Carlo Passera

a cura di

Carlo Passera

classe 1974, milanese orgoglioso di esserlo, giornalista professionista dal 1999, ossia un millennio fa, si è a lungo occupato di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta su viaggi e buona tavola. Coordinatore della redazione di identitagolose.it e curatore della Guida di Identità Golose alle Pizzerie e Cocktail Bar d'autore. Instagram: carlopassera

Consulta tutti gli articoli dell'autore