04-07-2024

Leggerezza e riconoscibilità: che sorpresa la nuova Ripa di Vieste

Nel Gargano, per scoprire una tavola a gestione familiare di lungo corso, rinnovata nella proposta dal recente ingresso dei due giovani figli cuochi

Tra Andrea e Marcello Miacola, la madre Anna Cari

Tra Andrea e Marcello Miacola, la madre Anna Cariglia, ristorante La Ripa, Vieste (Foggia)

Il centro storico di Vieste ha un'origine medievale, e per questo è diviso in tante minuscole contrade, che si potrebbero anche definire quartieri. Uno di questi si chiama La Ripa, e comprende i vicoli tortuosi che circondano con affettuosa discrezione la "Chianca Amara", conservata per commemorare gli abitanti del borgo vittime della remota strage compiuta dai turchi. E poi, attraverso gli stessi vicoli della Ripa si raggiungono le mura esterne, dalle quali è possibile ammirare un magnifico panorama del borgo arroccato sugli scogli, e di una sconfinata distesa di azzurro.

Davvero una bella passeggiata, che non può non prevedere una sosta in un ristorante totalmente immerso nella realtà circostante, con la quale vive un evidente rapporto di simbiosi. Tanto da assumere lo stesso nome del quartiere, e da conservare al suo interno (e nel dehors antistante) l'autentica suggestione delle pietre secolari. Ed è anche una piccola impresa familiare, in quanto gestita dai fratelli Andrea e Marcello Miacola (entrambi chef), con il fondamentale supporto della loro mamma, la gentile e solare signora Anna Cariglia, la cui squisita accoglienza fa sentire tutti gli ospiti a casa propria. Andrea e Marcello hanno affrontato percorsi professionali differenti, e percorsi geografici differenti.

Il dehors e la Capasanta con carote in due consistenze

Il dehors e la Capasanta con carote in due consistenze

Troccoli ai ricci

Troccoli ai ricci

Se Marcello ha lavorato in alcune strutture alberghiere di lusso nel continente africano, Andrea si è diretto a nord, per entrare in importanti cucine stellate (soprattutto) della Danimarca. Ora tuttavia sono insieme nella loro Vieste, e nella loro Ripa, sebbene con ruoli in parte separati, perché Marcello si occupa anche del vicino Adalt, un locale che propone street food di marca pugliese. Mentre Andrea ha il merito di innestare nel solco della tradizione marinara autoctona l'impiego di raffinate tecniche di cottura. Tecniche, non tecnicismo, in quanto l'istinto naturale e la profonda conoscenza delle materie prime selezionate riescono a prevalere, e a regalare un'anima al risultato finale.

Lo dimostrano alcune memorabili soluzioni. Che si tratti del perfetto equilibrio della Razza con cetriolo e cumino; o della sontuosa Seppia con il suo nero e i limoni di mare. Un apice assoluto, da raggiungere dopo una fascinosa esperienza scandita da tante tappe intermedie. Un'esperienza che prende l'avvio con i geniali amuse bouche, quali la finta oliva che racchiude un gazpacho, la tartelletta con il baccalà, e le fragranti chips da intingere in un'emulsione all'olio di oliva da applauso. Per poi procedere con la Capasanta con carote in due consistenze; oppure con i sentori più intensi della Mozzarella di bufala con alici e salsa di rucola, e dei cremosi Troccoli alla polpa di ricci. Il tutto con il valore aggiunto della leggerezza delle esecuzioni, e dell'utilizzo di un numero limitato di ingredienti, sempre perfettamente riconoscibili.
Razza con cetriolo e cumino e Seppia con il suo nero e limoni di mare

Razza con cetriolo e cumino e Seppia con il suo nero e limoni di mare



La Ripa
via Cimaglia, 16
Vieste (Foggia)
+390884708048
Prezzo medio: 45 euro
Aperto 7 giorni su 7 a cena


Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

Vincenzo Rizzi

a cura di

Vincenzo Rizzi

docente di Italiano al liceo scientifico Scacchi di Bari, cura la rubrica “A Tavola” sul Corriere del Mezzogiorno e “Dolce Guida” su La Puglia e Dintorni

Consulta tutti gli articoli dell'autore