23-11-2023

Quadrilatero in festa: che delizia il menu del Natale al 10_11 Bar, Giardino, Ristorante

Vi sveliamo in anteprima le golosità ideate dall'executive chef Luigi Cinotti e dall'executive pastry chef Cesare Murzilli per celebrare con gusto le festività al Portrait Milano, l'esclusivo hotel Lungarno Collection. E in arrivo imperdibili novità...

Cappone ripieno con castagne e salsiccia, cavolfio

Cappone ripieno con castagne e salsiccia, cavolfiore e patate: è la portata principale del menu natalizio presentato in anteprima alla stampa e ideato da Luigi Cinotti, executive chef di 10_11 Bar, Giardino, Ristorante dell' hotel 5 stelle Portrait Milano. Il menu sarà disponibile dal 21 dicembre al 6 gennaio

Un anno di successi. Dodici mesi durante i quali Portrait Milano e il suo 10_11 Bar, Giardino, Ristorante sono diventati luoghi iconici dell’offerta di ospitalità e convivialità in città. Un amore a prima vista quello sbocciato fra l’hotel del quadrilatero della catena Lungarno Collection di proprietà della famiglia Ferragamo, i milanesi e la clientela straniera, pronta a scoprire questo angolo di pace e serenità nel bel mezzo della metropoli.

La Piazza del Quadrilatero di Portrait Milano

La Piazza del Quadrilatero di Portrait Milano

La piazza riaperta con i suoi eventi e le installazioni, il passaggio da corso Venezia 10 a via Sant’Andrea 11 – da qui il naming 10_11 del ristorante con giardino - diventato un nuovo percorso per passeggiare in centro. L’offerta dining e cocktail con Beefbar Milano e l’ultimo arrivato, il cocktail bar Rumore. Insomma, tante tessere che hanno concorso alla trionfale entrata del gruppo fiorentino nel capoluogo lombardo. E per celebrare questa importante, ricorrenza, Valeriano Antonioli - CEO di Lungarno Collection – ha voluto riunire la stampa e raccontare questo primo anno di attività e presentare le novità per le imminenti festività.

Sono stati mesi vissuti tutto d’un fiato, con tanti nuovi primi passi, uno dopo l’altro, scandendo la nascita e l’evoluzione del progetto. È stata fatta esperienza, si sono inaugurati locali per completare l’offerta gastronomica e sono state ospitate molte iniziative. Ci si è confrontati, giorno dopo giorno, per poter essere sempre vicini agli ospiti e rendere la loro permanenza a Portrait una tappa indimenticabile. Ora si guarda avanti con la determinazione di voler portare la bellezza e il fascino di questo luogo nel centro di Milano, all’attenzione della città e del mondo intero.

A partire proprio dalle prossime settimane, quando la meravigliosa piazza di Portrait sarà allestita con i colori, i suoni e le emozioni del Natale e vivrà, sotto il porticato, di tanti momenti suggestivi.

Si potranno gustare le dolci chicche proposte dall’executive pastry chef Cesare Murzilli: la cioccolata calda classica o alcolica, la barbajada, tipica bevanda milanese a base di cioccolata calda, caffè e panna. E ancora, vin brulé da accompagnare alle classiche caldarroste o la selezione di torroni.

Fino al primo panettone artigianale firmato Portrait Milano, che sarà disponibile anche per l’acquisto.

All’interno, dal 21 dicembre al 6 gennaio, il giovane executive xhef Luigi Cinotti proporrà un menu natalizio con i piatti della tradizione, quelli capaci di deliziare il palato e far tornare alla mente le immagini e la memoria delle cene e dei pranzi delle feste in famiglia.

A sinistra, Luigi Cinotti e a destra Cesare Murzilli, rispettivamente Executive Chef ed Executive Pastry Chef di 10_11 Bar, Giardino, Ristorante di Portrait Milano, l'hotel Lungarno Collection, proprietà della famiglia Ferragamo

A sinistra, Luigi Cinotti e a destra Cesare Murzilli, rispettivamente Executive Chef ed Executive Pastry Chef di 10_11 Bar, Giardino, Ristorante di Portrait Milano, l'hotel Lungarno Collection, proprietà della famiglia Ferragamo

Abbiamo avuto il piacere di assaggiare in anteprima alcuni delle sue creazioni a partire dai Crostini con fegatini, cipolla rossa e gel di lamponi, serviti in apertura insieme a un Hummus di ceci e zucca e al classico Vitello Tonnato - correttamente proposto (finalmente) senza spume sifonate e carni impalpabili ma con la densa, ricca, vellutata e squisita salsa tonnata a ricoprire il vitello tagliato al coltello, con il giusto spessore, per apprezzare le diverse consistenze.

Gli antipasti delle festività: in primo piano, Tagliatella di seppia con broccolo e, in alto a sinistra, Crostini con fegatini, cipolla rossa e gel di lamponi

Gli antipasti delle festività: in primo piano, Tagliatella di seppia con broccolo e, in alto a sinistra, Crostini con fegatini, cipolla rossa e gel di lamponi

Dopo una fresca Tagliatella di seppia con broccolo, guarnita con chicchi di melograno a “metro” zero (la pianta è nel giardino del ristorante appena fuori la veranda), spazio ai classici Tortellini in brodo di cappone, imprescindibili protagonisti dei pranzi e delle cene sotto l’albero e serviti nella iconiche zuppiere in porcellana; qui vengono preparati con un impasto croccante e un ripieno delicato.

I Tortellini di carne in brodo

I Tortellini di carne in brodo

Lo stesso cappone entra nella preparazione della portata principale. Presentato in rollè, ripieno di castagne e salsiccia, è accompagnato da patate e cavolfiore.

Fra i vini abbinati abbiamo particolarmente apprezzato il Verdicchio di Matelica “Grillì” 2021 di Villa Collepere, una chicca enologica scovata e raccontata con maestria dall’ottimo sommelier Dennis Cereda. Gran finale con le castagne ancora protagoniste del dessert di Cesare Murzilli, in una reinterpretazione del Montblanc abbinato a un gelato al Cassis.

La proposta invernale di 10_11 di Portait porta la firma di Luigi Cinotti, trentunenne di San Prisco, paesino dell’entroterra casertano, arrivato dopo importanti esperienze all’estero – a Londra e nel Regno Unito – a guidare, dall’autunno di quest’anno, la brigata di 10_11, Bar, Giardino, Ristorante. Legato alla sua terra, alle olive, al profumo del pane appena sfornato, Luigi ama la cucina che definisce della “vecchia scuola”.

La pasta in bianco del 10_11

La pasta in bianco del 10_11

Nel suo primo menu entrano piatti concreti, riconoscibili, schietti come la Vellutata di zucca, crostini al rosmarino, semi e olio di zucca, i Tagliolini ai ricci di mare, il Branzino all’amo cotto al sale e le Mezze maniche con ragù della domenica, pecorino e “la sua scarpetta”, un piatto prestato dal Caffè dell'Oro, il ristorante del Portrait Firenze. Restano in carta gli ormai evergreen di 10_11: Mondeghili, Pasta in bianco, Riso al salto con ragù di ossobuco in gremolada.

Un tripudio di gusto e sapori per pranzi e cene da sogno che accompagneranno gli ospiti di Portrait Milano sino alle Feste e poi al cenone di Capodanno. E presto, dal mese di dicembre, altra novità: apriranno gli ambienti della Longevity SPA, un nuovo luogo di relax studiato appositamente per l’hotel milanese della catena Lungarno Collection dal noto marchio di cliniche per il benessere, la biohacking e l’antiage.


Hôtellerie

Radiografia, notizie e curiosità sugli hotel e le locande più importanti in Italia e nel mondo.

Maurizio Trezzi

a cura di

Maurizio Trezzi

giornalista, classe 1966 con una laurea in Fisica e oggi un lavoro da comunicatore. Ha raccontato due Olimpiadi e 5 Mondiali di atletica leggera su Eurosport. Super appassionato di buona cucina, rhum caraibici e golf

Consulta tutti gli articoli dell'autore