26-09-2023

Otto ristoranti di New York in cui tutti vogliono andare

Consigli per un viaggio gastronomico di alto livello nella Grande Mela e gli indirizzi più cool del momento

New York è pura energia. Nonostante la pandemia e il periodo post-pandemico abbiano colpito la città, con molti negozi chiusi e locali vuoti, la Grande Mela sta gradualmente riprendendo il ritmo. Ciò che non accenna a diminuire sono i prezzi, a volte un po'eccessivi, dei ristoranti di alta cucina. Non è facile cenare nei ristoranti di alta cucina di New York per meno di 400 dollari a persona. Alla considerevole spesa per cibo e bevande si aggiunge la mancia obbligatoria. La maggior parte dei ristoranti ti presenta un conto in cui puoi scegliere tra il 18%, il 20% o il 25%. Se ti rifiuti, i camerieri ti perseguiteranno, perché in realtà non si tratta di una gratificazione per la qualità del servizio, ma di una percentuale destinata al personale.

Dopo molte visite a questa città nel corso degli anni, abbiamo concluso che i migliori cuochi sono tutti stranieri. Che siano giapponesi, coreani, messicani, peruviani, francesi, svedesi o spagnoli, poco importa. È difficile trovare un cuoco americano di alto livello. Forse è dovuto alla scarsa cultura gastronomica del Paese, ma, nonostante questo, gli americani sono in grado di dettare le tendenze culinarie globali sfruttando la forza dei media anglofoni. A New York si può mangiare molto bene, ma questa cucina nasce da persone formate gastronomicamente al di fuori del Paese, che sia per le loro origini familiari o per altre ragioni. Basta dare un'occhiata ai cuochi che dirigono i ristoranti di New York che vi abbiamo elencato qui per confermarlo.

Atomix 

104 East 30th Street. Tel: +1 646-476-7217. Prezzo medio: da 400 a 600 dollari (più la mancia). Chiuso il lunedì.

La sorpresa è scattata quando Atomix è entrato, senza che nessuno lo aspettasse, all'ottavo posto della lista dei migliori The World's 50 Best Restaurant. La cucina coreana è molto popolare a New York - quando manca la cucina nativa, bisogna aggrapparsi a quella straniera - ma Atomix non è un ristorante coreano tradizionale. È piuttosto la visione contemporanea di un chef coreano stabilitosi in una grande metropoli occidentale. Junghyun Park - JP per gli amici - e sua moglie Ellia hanno saputo creare un locale dallo stile personale: raffinatamente austero. Hanno trasformato un seminterrato nella zona di Gramercy in un luogo di pellegrinaggio per tutti i foodies newyorkesi e ora anche per i turisti gastronomici che arrivano in città. È facile passarci davanti, l'ingresso è all'interno di un portone.

Al bancone, lo chef spagnolo Ruben Hernández Moscoso (ex Tickets, ex Noma, ecc.) prepara un'offerta diversa da quella della sala principale per i gruppi che prenotano l'intero spazio. In basso, nel buio, i faretti illuminano perfettamente i piatti dei 14 fortunati seduti attorno ad un bancone a forma di U. Sullo sfondo, in cucina la brigata lavora in silenzio, mentre un'elegante squadra di sala si muove tra i commensali su ai lati del bancone senza intralciarvi, senza farvi mille domande, senza recitare... Se non vuoi non ti parlano, ti lasciano godere in silenzio, ma se glielo chiedi loro rispondere con la forza della conoscenza.Il menu elenca gli ingredienti: ricci di mare, caviale, cetrioli di mare, carne di wagyu... Ma anche le verdure sono una parte importante e sono trattate in modo spettacolare. Così come le fritture di pesce e i deliziosi brodi che fanno da base a numerose ricette. Colpisce l’accostamento di consistenze e temperature nei piatti e i contrasti di sapori, alcuni dei quali molto lontani dai nostri parametri. Anche la scelta delle bevande, con o senza alcol, è unica.

 

Atomix

Atomix

The Bazaar by José Andrés

The Ritz-Carlton NoMad. Tel: +1 202-868-5088. Prezzo medio: da 180 a 350 dollari (più la mancia). Chiuso il martedì e il mercoledì.

Finalmente lo chef spagnolo più internazionale apre nella Grande Mela. José Andrés ha maturato questa proposta dopo anni di lavoro. Questo Bazaar non è come gli altri, a New York doveva essere qualcosa di speciale. Qui Spagna e Giappone si incontrano in un matrimonio gastronomico che non ha nulla a che fare con le proposte di sushi a cui siamo abituati dall'altra parte dell'Atlantico.
Ispirandosi al viaggio di Hasekura Tsunenaga, ambasciatore del Giappone in Spagna nel XVII secolo, José Andrés ha creato una serie di piatti in cui le tecniche e gli ingredienti si mescolano elegantemente per dare origine a una cucina diversa e personale. Anche la scenografia, curata dallo studio di Lázaro Rosa Violán, segue questi sentieri. Ci sono molti richiami al gusto dell'asturiano nelle ricette, ma anche uno spreco di immaginazione e abilità tecnica: ha un eccellente team guidato da Manuel Echeverri e supervisionato da Carles Tejedor, braccio destro di Andrés nella gestione quotidiana del gruppo.
Anche se la cucina è di altissimo livello, i tavoli sono pochi. Non c'è un menu degustazione e nel menu si susseguono portate con un tocco spagnolo: tortilla di gamberetti, chicharrón con paprika, ostrica, ajo blanco e caviale, insalata di aragosta, patate di Pau Gasols, pluma iberica de bellota o un magnifico socarrat trasformato in una tortilla... Ci sono anche influenze giapponesi: melanzane con miso e miele, abalone e shiitake, un sashimi spettacolare, tutti i tagli di wagyu immaginabili. Come dessert, flan o kakigori (sorbetto giapponese).
Prima o dopo la cena, puoi salire a prendere un cocktail a Nubeluz, senza dubbio il bar con le viste più spettacolari di NYC: dalla sua terrazza al piano dell'hotel The Ritz-Carlton New York, NoMad, puoi toccare l'impressionante Empire State Building. Per accompagnare le bevande, ci sono tapas creative, tra cui la preferita di José Andrés, il Jose's Taco: alga nori, iberico e caviale, o un fantastico iberico 5J tagliato al momento.

Bazaar

Bazaar

Aska

45 South 5th Street. Brooklyn. Prezzo medio: da 350 a 550 dollari (senza mancia). Tel: +1 929-337-6792. Chiuso il lunedì e il martedì.

Un pezzo di foresta a Brooklyn. Nascosto quasi sotto i pilastri del ponte di Williamsburg, perfettamente insonorizzato per evitare il rumore assordante della metropolitana, questo ristorante ci porta inevitabilmente in Svezia, la patria dello chef Fredrik Berselius. La sua cucina è ispirata alla sua infanzia nordica e ai suoi continui viaggi nella zona settentrionale dello stato di New York, un idilliaco paesaggio di montagne e laghi. Dal 2012, anno in cui è stato inaugurato, Aska ha scalato le posizioni nella classifica dei buongustai che vivono o visitano la città. Il menu degustazione è composto da 12 o 14 piatti in cui verdure e pesci sono gli elementi essenziali. Per concludere, un'anatra preparata in modo straordinario. Il locale è scuro ma accogliente: il legno e il nero la fanno da padroni. I camerieri servono e rimuovono, ma sono gli stessi chef che portano i piatti, con Barselius in prima linea: molto nordico. Porzioni piccole, leggere, ben definite, pensate perché cenare non diventi una tortura. Non c'è il servizio del pranzo, solo due turni a cena. La cena inizia con piccoli assaggi molto sofisticati, vere perle. Lungo il menu, spiccano le accattivanti salse o fondi che accompagnano l'ingrediente principale: uova di salmone, vari tipi di caviale, capesante, salmone, scampo, merluzzo. Per concludere, una serie di dessert: anche qui piccole porzioni, tutte delicate e saporite, spiegate al commensale dalla stessa pasticcera.

Aska

Aska

Chef's Table at Brooklyn Fare

431 West 37th Street. Brooklyn. Tel: +1 212-216-9700. Prezzo medio: da 400 a 650 dollari. Chiuso la domenica.

Attualmente è un fantasma. Alcune settimane fa nessuno sapeva con certezza cosa fosse successo. La versione ufficiale era che un problema tecnico li avesse costretti a chiudere per alcuni mesi. Nel settore circolava la voce che lo chef messicano César Ramírez e i suoi soci avessero avuto divergenze. Il risultato è stato un comunicato stampa in cui annunciavano la riapertura il 4 ottobre con due nuovi chef alla guida: Max Natmessnig e Marco Prins. Vedremo dove ci porterà questo nuovo percorso e quale sarà il futuro del talentuoso César Ramírez. Lo spazio è unico: un negozio di alimentari trasformato in un ristorante di alta cucina, come suggerisce il nome stesso. Un ristorante gastronomico segreto. Un bancone per pochi commensali con la cucina a vista. In precedenza, il menu ruotava attorno a una cucina ispirata al Giappone con tecniche francesi, bisognerà vedere cosa succederà in questa nuova fase. Offrono anche servizio di catering.

Chef’s Table at Brooklyn Fare

Chef’s Table at Brooklyn Fare

Jungsik

2 Harrison Street. Prezzo medio: da 300 a 475 dollari (senza mancia). Tel: +1 212-219-0900. Chiuso il lunedì.

Jung Sik Yim è uno degli chef coreani che fanno tendenza. Lo abbiamo visto a Madrid Fusión nel 2016, perché prima di aprire a New York gestiva già il suo ristorante a Seoul: Jung Sik Dang, che ha aperto nel 2009. È nato in Corea del Sud, ma si è formato in Occidente: era un studente eccezionale al Culinary Institute of America di New York. Ha vissuto e lavorato in Spagna per due anni. È passato da Zuberoa e Aquelarre e considera Donosti la migliore destinazione gastronomica del mondo. Poi, a New York, si è fermato da Aquavit e Bouley. Chef tecnico e perfezionista che ispira piatti sempre belli. Considera la cucina come qualcosa di globale e il suo contributo alla gastronomia internazionale presenta due direzioni. Da un lato ha saputo portare al palato occidentale la difficile cucina coreana (predominano acidi, amaro e piccante) utilizzando le tecniche più innovative. E dall'altro ha fatto scoprire ai suoi connazionali – soprattutto a quelli più giovani – una nuova dimensione della propria cucina, mostrando loro che la grande gastronomia non deve essere solo Occidentale. Il ristorante, spazioso e luminoso, ma austero, si trova a Tribeca, il quartiere alla moda tra i ricchi di New York.

Jungsik 

Jungsik 


Saga

70 Pine Street. Tel: +1 212-339-3963. Prezzo medio: da 350 a 600 dollari (senza mancia). Non chiude mai.

Situtato al 63° piano di un bellissimo edificio in stile art déco, il ristorante Saga è davvero un luogo unico. Lo stesso gruppo aziendale gestisce altri locali nello stesso edificio nel distretto finanziario di Manhattan, molto vicino alla famosa Wall Street. Prima di cena, è obbligatorio fare una sosta in una delle loro terrazze (ne hanno diverse) per gustare un cocktail con le migliori vedute del sud di Manhattan. Durante la cena, sarà difficile apprezzare la vista dei piatti poiché il gusto dei newyorkesi per cenare quasi al buio impedisce di vedere cosa viene servito. Una vera delusione!
In cucina c'è James Kent, un americano che ha lavorato in precedenza presso il The NoMad e l'Eleven Madison Park. La sua cucina è molto tecnica ma anche prevedibile. Nulla lo allontana da quella linea immaginaria che per alcuni separa la cucina di alta classe dal resto, forse per questo non c'è né scintilla, né emozione, anche se sembra non interessare a una clientela entusiasta che riempie il ristorante ogni sera in vari turni. La cena inizia con uno spuntino giapponese (sashimi) che nulla ha a che fare con il resto del menu... O forse non l'abbiamo capito.

Saga

Saga

Atera

77 Worth Street. Tel: +1 212-226-1444. Prezzo medio: da 400 a 600 dollari. Non chiude mai.

Senza dubbio uno dei nostri preferiti tra i ristoranti di alta cucina di NYC. Ed è anche a Tribeca. Ronny Emborg è uno chef danese che si è formato alBulli e al Mugaritz e nel 2015 ha sostituito Mathew Lightner a capo di Atera, con il quale aveva avviato il ristorante nel 2012. Emborg ha sviluppato una sua teoria personale della cucina che coinvolge la vista, l'olfatto, il tatto e il gusto in ogni piatto che crea. La leggerezza e l'estetica sono fondamentali nel suo approccio, ma è anche un appassionato dei prodotti freschi, come buon nordico sa abbinare la saggezza ancestrale della cucina del suo Paese - è un maestro delle fermentazioni - alle tecniche culinarie più avanzate. Il locale è piccolo, decorato in tonalità scure, con un bancone a U per circa 14 commensali, che dispone di una sala da pranzo adiacente, The Library, come un salotto privato. Il lavoro del maitre Matthew Abbick è impressionante, poiché è riuscito a creare uno stile proprio. Sono notevoli l'eleganza dell'intero allestimento e la precisione degli abbinamenti, ma soprattutto il servizio del tè e delle infusioni. Nella stessa strada, la stessa proprietà gestisce il wine bar Farra, con cui condivide la cantina. Lì è possibile cenare à la carte a prezzi leggermente più ragionevoli.
 

Estela

47 E Houston St 1st floor. Tel: +1 212-219-7693. Prezzo: da 90 a 150 dollari. Non chiudono.

Non ci sorprende che da anni sia uno dei preferiti dai newyorkesi, ma anche dai cuochi. Lo chef di origini uruguaiane Ignacio Mattos ha colto nel segno. La sua cucina è gustosa come poche in città e dietro un'apparenza di semplicità si nasconde molta tecnica, intuizione e soprattutto creatività. I suoi condimenti sono sensazionali e le sue combinazioni sono sempre azzeccate. È quel ristorante di quartiere in cui vuoi sempre tornare.
Il locale è semplice, l'atmosfera informale, il personale incantevole e il cibo è delizioso. Cosa si può chiedere di più? E per di più non è costoso, se confrontato con altri locali della città in cui non si mangia nemmeno la metà così bene. Il menu è composto da 10 piatti salati, tra cui un pane meraviglioso con burro, olive marinate e affettati, e quattro dessert: la torta al cioccolato è fantastica! Non manca mai il riso nero, una ricetta ottima anche per uno spagnolo. E le insalate sono sempre gustose e saporite.

Estela

Estela

Articolo a cura di Por JC Capel e Julia Pérez @jccapel @juliaplozano

Leggi la versione originale su Gastroactitude


Dal Mondo

Recensioni, segnalazioni e tendenze dai quattro angoli del pianeta, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

Identità Golose

a cura di

Identità Golose