Imbarcati in un viaggio di gioco unico con Pin-up Casino! Connettiti con noi attraverso il nostro link su ক্যাসিনো e immergiti in una varietà di giochi avvincenti e incredibili bonus. Inizia la tua avventura di gioco ora! Scopri come Everix Edge sta rivoluzionando il trading di Bitcoin con sicurezza ed efficienza. Library zlibrary project Mosbet
Top 10 best online casino sites from Outlookindia OLX88 Immediate Core: Canada's prime choice for investment learning

20-06-2023

Zero compromessi, visione imprenditoriale e classe intramontabile al Per me di Giulio Terrinoni

A distanza di anni, l'insegna romana continua a stupire tra grandi classici e creazioni contemporanee...e lo fa sette giorni su sette, a pranzo e a cena

Lo chef Giulio Terrinoni

Lo chef Giulio Terrinoni

Andare a cena da soli è un’esperienza che si apprezza con il tempo. Ci sono attimi, momenti e pause di un servizio che quando si è soli, riusciamo meglio a percepire e assorbire. Il nostro essere commensali si raddoppia nella figura di un osservatore, ascoltatore, ricercatore di informazioni, dettagli, colori, profumi, odori. Il tempo della cena è scandito solo da noi, dal ritmo che ci diamo per terminare un piatto, guardare fuori, spezzare un grissino, bere un sorso d’acqua. Per me: il nome che Giulio Terrinoni ha scelto per il suo ristorante a Roma sembra essere la risposta a ciò che stiamo cercando: un ritaglio di tempo parallelo al nostro quotidiano che, quando finalmente cediamo, ci regaliamo. Il tempo di una cena.

L'ingresso del ristorante Per me di Giulio Terrinoni, a Roma

L'ingresso del ristorante Per me di Giulio Terrinoni, a Roma

Dopo anni di militanza nella ristorazione capitolina sembra che Terrinoni non si faccia più sorprendere, né spaventare da nulla e da nessuno. Uno dritto, come è giusto definirlo, senza troppi fronzoli, con il senso della praticità in testa e allo stesso tempo quella voglia di esprimersi sempre al meglio delle opportunità di giornata. «Il pesce che arriva ogni giorno è quello: se la triglia non mi arriva, non posso certo fabbricarla. Quel giorno non ci sarà e ovviamente si rimpiazza quella ricetta con qualcosa di altrettanto fresco, coerente e in linea con il periodo».  Il cliente lo capirà? Non possiamo esserne certi, ma sicuramente dovrà accettare lo stato di fatto, interpretando la cosa come un’opportunità e non una mancanza.

Un macaron della Rossa appuntato al petto, aperto sette giorni su sette con doppio turno a pranzo e a cena. Quando si parla di offrire un servizio, eccoci qui: «Ci siamo resi conto che la domenica e il lunedì sono due giornate in cui pochissimi colleghi sono aperti in città e con la nostra apertura siamo andati a colmare una richiesta. Lavoriamo particolarmente bene su entrambi i turni – non scontato per i locali di questa tipologia – anche se non vi nego che si tratta di una scelta piuttosto impegnativa per quel che riguarda l’organizzazione del personale e del lavoro in senso ampio».

Perché Terrinoni è a tutti gli effetti uno chef imprenditore ancor prima che un creativo. La sua visione del ristorante è quella di un’azienda che deve operare in maniera sana e performante attenendosi a determinate regole. Un punto di vista sempre più urgente anche tra gli altri colleghi e sempre più difficile da tenere in equilibrio.

Pertanto, lo chef è in prima linea, operativo con i suoi ragazzi e sempre vigile; senza estro funambolico, ma con il genuino desiderio di divertisti e far divertire il cliente, intrattenerlo, viziarlo, stimolarlo. Per esempio, con quei piatti che hanno fatto la storia di Terrinoni e che, anche a distanza di anni, è possibile ritrovare alla tavola di Per me; creazioni leggermente variate nella presentazione, con un’allure diversa, eppure rappresentative e coerenti.

Tagliatella di seppia con fragole e lime

Tagliatella di seppia con fragole e lime

Pensiamo alla Tagliatella di seppia con fragole e lime, o all’imperdibile Carpaccio di gamberi, cipolla sott’aceto e foie-gras marinato alla soia, finemente grattugiato sopra.

Ma Per Me parla soprattutto la lingua del mare, in una chiave leggera, fresca, fatta di grandi acidità – un marchio di fabbrica – che cercano nella materia prima una dolcezza più sofisticata e mai stucchevole.

Allo stesso tempo non mancano alcuni passaggi particolarmente incisivi, attuali, umami, consistenze inaspettate come il piatto che unisce Lumache di mare, lardo di colonnata, pane e ‘nduja, aglio nero, topinambur e katsuobushi: un’esplosione funky di matrice italiana che lascia felicemente spiazzati.

A seguire, tra un Plin di cacio e pepe con alici e bottarga e un Tortello di merluzzo con verdure alla scapece arriva anche la Pappardella al ragù di lepre.

Plin di cacio e pepe con alici e bottarga

Plin di cacio e pepe con alici e bottarga

Tortello di merluzzo con verdure alla scapece

Tortello di merluzzo con verdure alla scapece

Qui però si lavora sulle note amare, di tecnica e di nuovo sulla masticazione: la pasta è scorzonera, un tubero di colore scuro, cotto come una pasta dopo aver subito una leggera marinatura e poi condito con un sugo di lepre marinato al vino rosso. A guarnire, una costoletta di lepre e del pecorino affumicato.

Lo stile Terrinoni accompagna dall’inizio alla fine senza lasciarti mai da solo; la sala sorride timida al turista straniero così come ai clienti in solitaria, ma è rodata, mai invadente e molto preparata sul racconto di ogni singola portata. Per chi cerca un rifugio di sobria eleganza e buon gusto, Per Me è il giusto compromesso: defilato rispetto alla Trastevere chiassosa e protetto dal verde, tutto luci soffuse e romantici tavoli all’aperto.


Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

a cura di

Chiara Buzzi

piemontese di ferro, classe 1986, laurea in Economia per i beni culturali, dopo anni di militanza nei locali milanesi, è co-titolare insieme a Edoardo Nono del Rita & Cocktails - storico American bar di MIlano e del Rita’s Tiki Room, spin-off caraibico polinesiano aperto nel 2019. Viaggia per passione, lavora per passione, mangia con passione

Consulta tutti gli articoli dell'autore