È giapponese il nuovo S.Pellegrino Young Chef

Yasuhiro Fujio lavora ad Osaka, suo mentore era il nostro Luca Fantin. Niente da fare per il concorrente italiano, Fumagalli

13-05-2018

Yasuhiro Fujio con Luca Fantin subito dopo la proclamazione

Il nipponico Yasuhiro Fujio, sous chef a La Cime di Osaka, in Giappone, mentore l'italiano Luca Fantin, è il vincitore di S.Pellegrino Young Chef 2018. La proclamazione pochi minuti fa, alla Grand Finale milanese. Il suo signature dish era Across the Sea (piatto di pesce a base di Ayu). «Grazie a tutti quelli che mi hanno supportato - ha commentato emozionatissimo - Non mi considero il migliore giovane chef del mondo, anche perché dopo aver visto all'opera gli altri finalisti, ho notato tanta bravura in tutti».

Il trio di finalisti

Il trio di finalisti

L'intervento di Massimo Bottura alla finale del S.Pellegrino Young Chef 2018. Lo chef modenese ha parlato del progetto Food for Soul

L'intervento di Massimo Bottura alla finale del S.Pellegrino Young Chef 2018. Lo chef modenese ha parlato del progetto Food for Soul

Fujio segue dunque le orme dei vincitori precedenti, l'irlandese Mark Moriarty e lo statunitense Mitch Lienhard, e sarà chiamato a intraprendere un incredibile percorso professionale, col supporto di S.Pellegrino. Ha prevalso sugli altri due che erano sopravvissuti alla "decimazione", man mano che la serata procedeva, ossia Jake Kellie, sous chef al Burnt Ends di Singapore, con il signature dish Aged Pigeon (piccione stagionato), mentore Richard Ekkebus, e Marcin Popielarz, chef del White Rabbit a Gdansk, in Polonia, con il signature dish Halibut smoked in river with Cucumber and Dill (Halibut affumicato con cetriolo e aneto), mentore l'italiano Matteo Monti (che ha sostituito all'ultimo Wojciech Modest Amaro)

Yasuhiro Fujio col suo mentore, l'italiano Luca Fantin, al momento della vittoria nell'eliminatoria giapponese

Yasuhiro Fujio col suo mentore, l'italiano Luca Fantin, al momento della vittoria nell'eliminatoria giapponese

Elizabeth Puquio Landeo, chef de partie dell'Ambrosía, Cile

Elizabeth Puquio Landeo, chef de partie dell'Ambrosía, Cile

L'Acqua Panna - Taste of Authenticity Award 2018 (premio assegnato dai 21 mentor che hanno seguito i finalisti durante tutto il percorso) è pure andato a Yasuhiro Fujio. Il Fine Dining Lovers People’s Choice Award (il nuovo premio decretato dalla tribù di foodies mondiali che hanno preso parte al voto online, terminato proprio oggi alle 15: in oltre 30mila vi hanno preso parte), è invece finito a Elizabeth Puquio Landeo, chef de partie di Ambrosía, in Cile. Il suo signature dish è stato Pescado de la Costa.

La giuria mentre valutava il piatto di Edoardo Fumagalli

La giuria mentre valutava il piatto di Edoardo Fumagalli

La finale vedeva in campo una super-giuria composta da sette grandi nomi della cucina internazionale: Annie Féolde, Virgilio Martínez, Dominique Crenn, Brett Graham, Ana Roš, Paul Pairet e Margarita Forés. Tutti impegnati a giudicare il miglior piatto proposto dai 21 finalisti. Per l'Italia c'era Edoardo Fumagalli, de La Locanda del Notaio di Pellio Intelvi (Como), con il bistellato Anthony Genovese del romano Il Pagliaccio a fargli da mentore. Il signature dish del lombardo era quello che gli aveva anche permesso di prevalere nella disfida italiana, lo scorso anno, e conquistare dunque il posto a questa finalissima: Gambero Carabiniere, animelle glassate, alga croccante e insalatina aromatica.


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose