Birra Moretti Grand Cru: ecco la giuria

Conferme e volti nuovi tra i giurati del Premio per giovani cuochi. Prossima scadenza: 22 luglio

02-07-2013
Da sinistra, Claudio Sadler, il vincitore della se

Da sinistra, Claudio Sadler, il vincitore della seconda edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru Christian Milone e Alfredo Pratolongo di Heineken Italia. Il primo e il terzo saranno giurati anche della prossima edizione. Con loro, Paolo Marchi, Giuseppe Palmieri, Simone PadoanChicco Cerea, Francesco Apreda, Antonella Ricci, Fabio Barbaglini, Giuseppe Vaccarini e Marco Reitano. Giovani cuochi, attenzione: per partecipare al concorso occorre spedire una ricetta salata entro il 22 luglio. Nell'articolo, tutti i dettagli

A più di un mese dall'inizio del concorso e a tre settimane dalla consegna della ricetta salata per la prima fase di selezione del Premio Birra Moretti Grand Cru 2013, manca ancora un particolare: la composizione della giuria. Saranno undici professionisti d’eccezione e avranno il piacevole compito di assaggiare e giudicare i dieci mini-menu di altrettanti finalisti, come nelle passate edizioni. 

I giovani chef e sous-chef under 35 quest’anno dovranno elaborare dei piatti che esaltino la birra “cucinata” e bevuta utilizzando una delle referenze della famiglia Moretti Birra Moretti, Birra Moretti La Rossa, Birra Moretti Baffo d’Oro, Birra Moretti Doppio Malto, Birra Moretti Grand Cru e Birra Moretti Zero. A differenza però del 2012, dovranno esplorare il nuovo territorio delle spezie ed erbe aromatiche (elencate nel regolamento) e del miglior accordo con le note delle birre e degli ingredienti prescelti.

Chicco Cerea del ristorante Da Vittorio di Brusaporto a Bergamo, nuovo giurato del Premio Birra Moretti Grand Cru

Chicco Cerea del ristorante Da Vittorio di Brusaporto a Bergamo, nuovo giurato del Premio Birra Moretti Grand Cru

Su questo tema, particolare attenzione dovrà essere fatta da una giuria ricca di importanti conferme ma anche di “nuove entrate” di rilievo. Paolo Marchi, fondatore e curatore di Identità Golose e Alfredo Pratolongo, direttore Comunicazione e Affari istituzionali di Heineken Italia, sono i punti fermi tra i giurati insieme al presidente di giuria, Claudio Sadler, al sommelier dell’Osteria Francescana (Modena) Giuseppe Palmieri e a Simone Padoan, de I Tigli (S. Bonifacio, VR) nonché esponente di quella pizza gastronomica che da alcuni anni ha preso piede nel panorama della cucina d’autore nazionale.

Il pool di “veterani” del concorso sarà affiancato da Chicco Cerea, chef tre stelle Michelin del ristorante Da Vittorio (Brusaporto, Bergamo), Francesco Apreda dell’Imàgo dell’Hotel Hassler (Roma), Antonella Ricci de Al fornello da Ricci di Ceglie Messapica (Brindisi) e Fabio Barbaglini de L’Antica Osteria del Ponte (Cassinetta di Lugagnano, Milano), premiato sul palco di Identità Golose 2013 per l’utilizzo della birra in cucina nonché giurato delle due fasi eliminatorie dell’edizione 2012 del concorso.

Antonella Ricci, altra new entry tra i giurati. In foto con lei, il marito Vinod Sookar. Lavorano entrambi al ristorante Al Fornello da Ricci di Ceglie Messapica (Brindisi) 

Antonella Ricci, altra new entry tra i giurati. In foto con lei, il marito Vinod Sookar. Lavorano entrambi al ristorante Al Fornello da Ricci di Ceglie Messapica (Brindisi) 

Accanto all’esperienza di grandi chef, il ruolo della sommelerie già rappresentata da Giuseppe Palmieri, acquisterà ancora più rilievo grazie a Giuseppe Vaccarini – presidente Aspi - e Marco Reitano de La Pergola del Rome Cavalieri e gradito ritorno in giuria dopo l’esperienza della prima edizione. Tutti nomi che avranno il compito di assegnare il premio del valore di 10mila euro a uno dei dieci finalisti, colui che riuscirà a strappare il miglior punteggio con un mini-menu che esalti il binomio fin qui inedito birra – spezie/erbe aromatiche.

L’appuntamento con i finalisti è per il 18 novembre prossimo, ma ricordiamo ora a chi volesse partecipare che mancano ancora un po' di giorni per studiare una ricetta salata – antipasto, primo piatto, secondo piatto o piatto unico e pizza- da inviare entro il 22 luglio, alla segreteria del Premio ossia all’indirizzo claudia.orlandi@magentabureau.it. La documentazione, che potrà essere spedita anche tramite posta ordinaria e in forma anonima (ossia separatamente dai dati anagrafici) all’indirizzo “Magenta Srl – Premio Birra Moretti Grand Cru, corso Magenta 46 – 20123 Milano”, dovrà comprendere:
1. La ricetta con ingredienti e descrizione delle fasi di preparazione
2. Abbinamento spezia/birra
3. Abbinamento piatto/birra
4. Massimo 3 foto del piatto
5. Scheda con i dati personali
6. CV con esperienza professionale e titoli di studio conseguiti.
Qui il regolamento completo della terza edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru.


Rubriche

Primo piano

Gli appuntamenti da non perdere e tutto ciò che è attuale nel pianeta gola