Alchimia di profumi e di liquori: ecco Baldo Baldinini e i due primi gin firmati Di Baldo Spirits

Il celebre taste designer coniuga profumeria e liquoristica. Le sue nuove "creature" si chiamano Nostradamus e Paracelso: olfatto e gusto, chimica e creatività in una visione d'artista

08-03-2021
Paracelso e Nostradamus: i due nuovi gin lanciati

Paracelso e Nostradamus: i due nuovi gin lanciati da Baldo Baldinini con la sua Di Baldo Spirits

Quante volte abbiamo sentito dire che la relazione tra persone, la chimica tra innamorati, l’accordo tra elementi… è una questione di alchimia? Se ne parla per via di metafora, ma non si indaga mai veramente il significato del termine e tanto meno chi sia l’alchimista. Eppure questo antico sistema filosofico esoterico raccoglieva, tra Quattrocento e Cinquecento, il sapere di numerose discipline: filosofia, metafisica, chimica, astrologia, metallurgia… Tutte hanno nutrito e contribuito agli studi. Oggigiorno, benché il digitale e le nuove tecnologie abbiano preso il monopolio di moltissimi ambiti del quotidiano, sopravvivono ancora delle “isole felici” in cui l’intelletto umano fa la differenza e, in particolare, la genialità di uomoni come Baldo Baldinini.

Forse faticherete a credere, di primo acchito, che l’alchimia sia in grado di coniugare la profumeria e la liquoristica, ma Baldinini ha trovato una via in grado di rendere insolita l’esperienza di un classico Gin&Tonic “semplicemente” rivoluzionandone gli addendi. Si tratta di una sinestesia che unisce il mondo dell’olfatto e del gusto, la chimica e la creatività come espressioni di una visione personale di un artista. Gli odori, infatti, possono diventare un vero e proprio alfabeto per raccontare il mondo, le emozioni e le parole e per archiviarle in ricordi così come raccontano i maestri profumieri. È ciò che accade a un pittore con i suoi colori, a uno scrittore con le parole o a uno chef con i suoi ingredienti.

Baldo Baldinini

Baldo Baldinini

Se poi questi odori diventano sapori con una combinazione e un amalgama unica di spezie, fiori, frutti, bacche, erbe… Ecco che prende vita il lavoro di Baldinini, profumiere, liquorista e profondo conoscitore di tutto ciò che la natura ha creato perché diventi profumo. Il suo talento è stato indirizzato da studi approfonditi da autodidatta, che lo hanno portato a diventare uno dei liquoristi più interessanti del panorama italiano e non solo. Ogni sua creazione è un profumo per il palato, in cui si nascondono accordi complessi tra decine e decine di ingredienti che mai nessuna scheda tecnica saprà restituire.

Entrare nel mondo di Baldinini e della Di Baldo Spirits è quanto di più vicino vi possa essere al primo passo che avete sicuramente fatto in internet. La vastità e la complessità in apparenza infinite e sovrastanti sembrano sparire se accompagnate dalla ricerca. È questa la porta di accesso privilegiata per capire Di Baldo, avvicinandosi al suo laboratorio e olfattorio costruito a Tenuta Saiano – una meravigliosa azienda agricola a Montebello, tra le colline che circondano Rimini ­e voluto grazie alla collaborazione con la famiglia Maggioli. Una deliziosa sala degustazione è sormontata da un soppalco costellato da centinaia e centinaia di boccette, ognuna con la sua etichetta scritta a mano, ognuna con la responsabilità di creare armonia nelle migliaia di formule di distillati che Baldinini ha nel suo archivio.

La Tenuta Saiano

La Tenuta Saiano

Alla fine del febbraio 2021 è però stato affidato un compito importante, ossia il lancio dei primi gin a brand Di Baldo Spirits che raccontano, seppure in minima parte, il mistero della creatività di un profumiere liquorista.

Paracelso e Nostradamus, nomi non a caso evocativi di importanti alchimisti del Cinquecento, sono due gin che esprimono alla perfezione la visione, rispettivamente, dell’uomo e della donna secondo il loro creatore. Sebbene diversi, per alcune sfumature uomo e donna non possono che essere accomunati dalla stessa natura e dalle medesime radici. Complementari eppure distanti, là dove l’uomo è persistente come una colonia – ed ecco Paracelso con le sue note di testa di accordi floreali di colina, sentori mediterranei nel cuore e sfumature di cortecce alla base –, la donna invece è volubile come il vento e che in Nostradamus si ritrova in testa con accordi floreali esotici e un cuore di rosa damascena e alla base le botaniche mediterranee e i venti orientali.

Descritti come veri e propri profumi da appoggiare sul palato, anche le dosi per un Gin&Tonic sono proporzionate all’intensità aromatica dei distillati: 3,5 cl di gin sono la dose consigliata per 180/200ml di tonica neutra.

Scoprirsi Paracelso o Nostradamus non è il gioco a cui vuole sfidarci Baldinini, bensì una via per comprendere le infinite possibilità di interazione tra mondi diversi e le infinite combinazioni che ogni giorno ogni chef o barman sperimentano per creare un piatto o un drink.

La vera pietra filosofale non può che esser l’assoluta consapevolezza dei propri talenti.