Mosbet
Library zlibrary project
Scopri come Everix Edge sta rivoluzionando il trading di Bitcoin con sicurezza ed efficienza.
Imbarcati in un viaggio di gioco unico con Pin-up Casino! Connettiti con noi attraverso il nostro link su ক্যাসিনো e immergiti in una varietà di giochi avvincenti e incredibili bonus. Inizia la tua avventura di gioco ora!
Top 10 best online casino sites from Outlookindia
Immediate Core: Canada's prime choice for investment learning

04-02-2024

Storia del ragazzo dallo Sri Lanka che è diventato chef di gran cucina napoletana

Dilip Lakmal Roche, dall'ex-Ceylon alla tavola partenopea (col papà sous chef). La propone al Classico di Napoli, è una bella vicenda di integrazione ben riuscita. Lui ha la leggerezza di divagare dai soliti temi della tradizione

Dilip Lakmal Roche al lavoro. Classe 1994, è im

Dilip Lakmal Roche al lavoro. Classe 1994, è immigrato dallo Sri Lanka nel 2012 e ora è arrivato a guidare i fornelli del ristorante Classico di Napoli, che propone una cucina partenopea. Ovviamente, lo chef le conferisce una nota diversa, legata alle sue origini asiatiche. Esito: da applausi

Classico ha aperto a Napoli nel 2016, precisamente a Chiaia, il famoso quartiere del lungomare. propone da sempre una cucina napoletana vissuta con raffinatezza, oggi lo ritroviamo ulteriormente rinnovato, in una fusione di culture gastronomiche che, assaggi alla mano, convive con armonia. Il merito è dell’affinità elettiva tra Gianpiero Arria e Dilip Lakmal Roche, rispettivamente restaurant manager e chef. Nessuno dei due è napoletano, così raccontano la città senza stereotipi, dimostrando parecchia personalità. Arria ha origini siciliane, invece Roche, classe ‘94, è arrivato dallo Sri Lanka nel 2012. Lo osserviamo beato, ma attento nella direzione della cucina che è stata la sua scuola e adesso, finalmente, un importante banco di prova. Tra l’altro, ci ha confidato che il fuoco sacro del cibo gli ardeva dentro fin da bambino, quando osservava la madre ai fornelli oppure accompagnava suo padre in barca per pescare. Senza contare la collaborazione che era richiesta a ciascun componente della sua famiglia nella cura dell’orto. Insomma, senza saperlo, Roche ha iniziato con le basi giuste. Le sfodera oggi con grazia e sicurezza, proponendo piatti che raccontano Napoli con modernità, ma anche divagando senza inciampi tra abbinamenti ed ingredienti dei suoi ricordi.

La sala

La sala

«Sono arrivato a Napoli come ultima tappa di un destino già scritto - ci racconta - Napoli somiglia tantissimo alla mia terra di origine: c’è lo stesso clima, l’approccio della gente è identico... Sono stato accolto, il che non so se definirla fortuna, ma per me è andata così. E la fiducia che ricevo dalla proprietà mi riempie di gratitudine e senso del dovere. Ho studiato a fondo la tavola locale, la rispetto ma amo aggiungere qualcosa di mio».

Ha le idee chiare, Roche, ed una capacità di sintesi che disarma, soprattutto quando ci ricorda che la reale grandezza della cucina italiana sia nella possibilità di utilizzare anche pochissimi ingredienti per volta, il sapore sarà comunque immediato. Classico ha ben mescolato tutte le sue carte, creando un intreccio magico di contaminazioni, a favore di un’unicità che fa rima con personalità.

Dilip Lakmal Roche con il padre che gli fa da sous chef. Tra di loro il restaurant manager (siciliano) Gianpiero Arria

Dilip Lakmal Roche con il padre che gli fa da sous chef. Tra di loro il restaurant manager (siciliano) Gianpiero Arria

Spazio alle spezie, quindi, argomento sul quale lo chef vince facile perché molto è impresso nel suo dna. Cardamomo e oltre, in una Napoli finalmente più curiosa a tavola, disposta ad arricchirsi di novità. Le spezie hanno viaggiato nel cuore e nella mente insieme a Roche, ma l’utilizzo sapiente che ne fa arriva a tavola scanzonato e leggero.

La direzione di Gianpiero Arria fa il resto, garbata nei modi e scoppiettante nei contenuti. Vignaioli da scovare, artisti da esporre in giro per il ristorante, Classico è vicinisimo a piazza dei Martiri, poco distante da Castel dell’Ovo e dal lungomare stesso. Oltre a due sale interne dallo stile moderno ed elegante, dispone di un dehors, ubicato nel cortile dell’ex convento di Santa Maria a Cappella Vecchia, insomma, qualcuno direbbe “la Napoli bene”.


I nostri assaggi
La cucina propone due menu degustazione, uno da cinque, l’altro da sette portate, rispettivamente al costo di 60 e 70 euro. Oppure si mangia scegliendo à la carte.

Polpetta di friarielli con passion fruit

Polpetta di friarielli con passion fruit

Calamaro con crema di castagne, cicoria e croccante di castagna

Calamaro con crema di castagne, cicoria e croccante di castagna

Tra i piatti per noi più significativi, segnaliamo la Polpetta di friarielli con passion fruit, una caramella volendo sintetizzare, e proseguiamo con il Calamaro con crema di castagne, cicoria e croccante di castagna: un calamaro divertente, con la parte tentacolare fritta e croccantissima, piacevole l’armonia dolce-amara per un piatto della tradizione partenopea che lo chef ha avuto il coraggio di sfidare, ma solo perché ne è prima diventato amico (Roche si è guadagnato la fiducia della città, i clienti lo adorano e cercano ogni volta quelle piccole novità a cui sono stati abituati).

Cappellacci alla “genovese” con cipolla in agrodolce e carne

Cappellacci alla “genovese” con cipolla in agrodolce e carne

Anatra con mela annurca al rosmarino, salsa barbecue e tamarindo

Anatra con mela annurca al rosmarino, salsa barbecue e tamarindo

Proseguiamo con la pasta fresca del ristorante, dunque Cappellacci alla “genovese” con cipolla in agrodolce e carne che è parte del ragù e anche servita in tartare, a rinfrescare il morso. Ci è piaciuta anche l’Anatra con mela annurca al rosmarino, salsa barbecue e tamarindo: intrigante farci conquistare dalla succulenza di un piatto che schiude vecchio e nuovo, tipicità ed esterofilia.

Crostatina con cremoso di cioccolato bianco e mango candito

Crostatina con cremoso di cioccolato bianco e mango candito

Consigliamo di riservare un po’ di spazio per i dolci, in particolare segnaliamo la Spuma di roccocò e, a pari merito, la Crostatina con cremoso di cioccolato bianco e mango candito.

In conclusione, Classico ci è apparso estremamente in forma. Fresco e ben centrato. Ed a proposito di sentimentalismi, il sous-chef di Roche è suo padre. Guardarli all’opera, simultanei e silenziosi, è una scena foriera di pace. Quindi, grazie.

 

Classico
Vicolo Santa Maria Cappella Vecchia, 46
Napoli
tel. +39 081 2451144
Giorno di chiusura: lunedì
Aperto a cena dal martedì al sabato, a pranzo e a cena dal venerdì alla domenica
Menu degustazione a 60 e 70 euro


Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

a cura di

Nadia Taglialatela

classe 1977. Nata ad Ischia, gli ultimi quindici anni li trascorre a Roma collaborando con le più note scuole di cucina della capitale. Esperta food&wine, collabora con riviste del settore scrivendo di ristoranti, grandi alberghi, prodotti di nicchia ed eroici produttori. Sommelier Ais, attualmente si divide tra Ischia, Napoli e Roma, sempre a caccia di nuove storie da raccontare

Consulta tutti gli articoli dell'autore