03-08-2022

Bucolica Wine Garden: riscoprire i sapori della campagna di Romagna

Un pop-up di aperitivi e una piccola cucina fatta bene. È l’interessante proposta estiva della Tenuta Saiano di Santarcangelo, Rimini

I ragazzi di Bucolica-Sangiovesa Wine Garden, la p

I ragazzi di Bucolica-Sangiovesa Wine Garden, la proposta estiva e campagnola della Tenuta Saiano di Santarcangelo (Rimini), nata da un’idea di Olivia Lucchi e Alex Fulvi

Run to the hills – “correre in collina” - è lo slogan di Bucolica Wine Garden, un invito a fuggire dalla frenesia delle città per abbandonarsi ai piaceri della campagna. Nel 2020, Olivia Lucchi - nipote di Manlio Maggioli, proprietario della Sangiovesa a Santarcangelo (ne abbiamo parlato qui) - e il suo fidanzato, Alex Fulvi, entrambi laureati all’università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, idearono Bucolica - Sangiovesa Wine Garden - la proposta estiva e campagnola della Tenuta Saiano di Santarcangelo.

Il podere si trova all’ombra della rocca di Montebello, tra le colline della Valmarecchia, dove sapori d’altri tempi spaziano in un’atmosfera unica, e dove essere agricoltori e ristoratori diventa un gesto politico, nel totale rispetto della natura. L’idea di Bucolica ha preso vita in piena pandemia, per supportare l’attività della tenuta in un momento di crisi: da qui la creazione di tavoli rotondi, per poter riunire le persone mantenendo il distanziamento di un metro, attorno al piacere condiviso di un ottimo cibo.

Bucolica nasce così nel giardino della Tenuta Saiano, l’azienda agricola della Sangiovesa, evolutasi da qualche anno in un paradisiaco resort di campagna. È in questo contesto che Alex e Olivia riallacciano il filo che unisce la tavola alla campagna, proponendo un’esperienza di autenticità e purezza centrata sullo stretto legame tra il cibo e il luogo in cui questo è prodotto. Da qui la proposta di un menu semplice, genuino e naturale, legato alle produzioni dell’azienda agricola e in costante cambiamento.

I piatti sono affidati a Federico Terenzi, Lorenzo Torresi e Federico Cipolla che, dalle 18, propongono sfiziosità da condividere, con protagonisti carni e salumi da animali allevati in armonia con la natura. Le proposte della carta variano in base alle disponibilità, ma non mancano mai in menu le Costolette di maiale con patate, gli abbondanti taglieri a base di formaggi, tigelle romagnole e affettati della casa, e dolci artigianali come il Salame al cioccolato e il Gelato allo squacquerone. Inoltre, un ampio spazio è riservato alle verdure dell’orto, impiegate per la realizzazione di portate semplici e genuine come quiche, vellutate e giardiniere.

I vini, prodotti dalla coltivazione di uve Sangiovese, Merlot e Cabernet Sauvignon, sono naturali ed esprimono la genuinità del territorio. Le uve sono raccolte ancora rigorosamente a mano e vinificate in cantina, così da preservarne gli aromi e la qualità, e le bottiglie si distinguono per le originalissime etichette disegnate da Roberta Piscaglia, che dona loro una nota artistica inconfondibile.

Protagonisti, i vini della Tenuta Saiano

Protagonisti, i vini della Tenuta Saiano

Ma non è tutto, oltre agli aperitivi e alla piccola cucina, Bucolica offre la possibilità di degustare un menu a più portate in una posizione panoramica esclusiva: una casa sull’albero, affacciata sulle prime colline dietro Santarcangelo, accoglie ogni sera una coppia desiderosa di intingersi nei colori e nei sapori della Romagna dell’entroterra, in un paesaggio bucolico che fa silenziosamente da sfondo. Un calice di benvenuto, a cui seguono 4 portate, apre le danze della cena tra le note di una brezza leggera, in un tempo sospeso tra infanzia, gioco, e nostalgia.


Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

Anna Gentili

a cura di

Anna Gentili

Milanese, nata il 24 marzo 2002, è studentessa presso l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, appassionata di gastronomia e ristoranti

Consulta tutti gli articoli dell'autore