50 Best lancia il suo programma di aiuto globale alla ristorazione. In Italia "premiati" gli Ambasciatori del Gusto

Scelte nove organizzazioni in tutto il mondo che riceveranno donazioni attraverso "lotti" di esperienze uniche con grandi chef, messe all'asta. Previsti anche fondi per singoli locali

16-06-2020

L’associazione italiana Ambasciatori del Gusto è stata scelta dal programma internazionale 50 Best for Recovery tra le realtà senza scopo di lucro a cui verrà destinata una donazione volta a sostenere i ristoratori e il loro personale. 

Si tratta dell’unico ente italiano senza scopo di lucro a beneficiare di questa importante iniziativa che supporterà in totale un panel di 9 associazioni in tutto il mondo (Lee Initiative's Restaurant Reboot Relief Program, Usa; Black Urban Growers, Usa; Nosso Prato, Brasile; Eat Out Restaurant Relief Fund, Sudafrica; National Restaurant Association of India's Feed the Needy campaign, India; Horeca Next, Belgio; Singapore Cocktail Bar Association, Singapore; Chefs for Spain, spin off spagnolo di World Central Kitchen, e appunto Ambasciatori del Gusto, Italia). 

«È un onore ma anche un’emozione enorme sapere di essere stati scelti da 50 Best for Recovery - commenta Cristina Bowerman, presidente degli Ambasciatori del Gusto - Mai come in questo momento il settore della ristorazione è piegato: la pandemia da Covid-19 si è abbattuta su tutti noi come una tempesta imprevista e imprevedibile. Ma come nei peggiori uragani il nostro intento è quello di rialzarci e ricostruire. Sapere di avere compiuto azioni e di lavorare a progetti che godono della fiducia della 50 Best Organization, consapevoli di essere gli unici in Italia a poter contare su questi fondi, è motivo di orgoglio e di speranza, aumenta il nostro senso di responsabilità e non possiamo che dire grazie mentre ci rimbocchiamo le maniche».

Cristina Bowerman

Cristina Bowerman

L'iniziativa di 50 Best si chiama "Bid for Recovery" e debutterà il 3 luglio e sarà una vera e propria asta; offrirà agli appassionati di cibo e viaggi l'opportunità di fare offerte per esperienze gastronomiche uniche, con i migliori chef del mondo. Sarà la prima asta gastronomica globale di sempre su questa scala, con "lotti" incredibili donati dai ristoranti e dagli chef presenti nelle ultime classifiche 50Best del mondo, nonché dai marchi partner.

I fondi raccolti forniranno un aiuto finanziario diretto e tangibile ai ristoranti di tutto il mondo alle prese con l'emergenza Covid-19. L'asta è un elemento chiave di raccolta fondi del programma 50 Best for Recovery, annunciato il mese scorso, in collaborazione con S.Pellegrino e Acqua Panna. Bid for Recovery presenterà più di 100 lotti. Tra di essi: "Un giorno con Mauro Colagreco"; "Esperienza incredibile, ospiti di Dominique Crenn"; "Scoprire Singapore: cucina, cocktail e cultura, con Odette, Burnt Ends, Atlas e altri"; "Tre giorni di safari nel cibo del Perù, con Central, Kjolle and Mil" e così via.

Un fondo di recupero, lanciato con il generoso sostegno del donatore fondatore S.Pellegrino e Acqua Panna, sarà utilizzato per contribuire al recupero globale del settore dell'ospitalità. Tutti i proventi saranno distribuiti a ristoranti, bar e organizzazioni no profit che supportano, anche attraverso sovvenzioni dirette (50 Best fornirà contributi diretti a ristoranti e bar con sovvenzioni fino a 5mila dollari per stabilimento. Le candidature saranno aperte a ristoranti e bar indipendenti di qualsiasi paese a luglio, secondo una serie di criteri che saranno pubblicati nelle prossime settimane. 50Best si impegna a garantire che i fondi vengano distribuiti alle imprese guidate da persone di diversa provenienza).


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose