Sherbeth, ci facciamo 40 gusti?

A Palermo il Festival Internazionale del Gelato Artigianale: super-degustazioni fino a domenica

28-09-2016
Parte domani, giovedì 29 settembre, e prosegue fi

Parte domani, giovedì 29 settembre, e prosegue fino a domenica 2 ottobre l'ottava edizione di Sherbeth, il Festival Internazionale del Gelato Artigianale a Palermo. Tante degustazioni, poi cooking show, mostre, dibattiti e anche un concorso per il miglior gelato. Identità Golose ci sarà

Fervono i preparativi tra le vie Maqueda e Vittorio Emanuele, pieno centro storico di Palermo, per Sherbeth, il Festival Internazionale del Gelato Artigianale che giunge alla sua ottava edizione e sarà inaugurato domani, giovedì 29 settembre alle 17,30, per proseguire fino a domenica 2 ottobre.

Il cuore della kermesse sarà lo Sherbeth Village, che si estenderà appunto lungo via Maqueda, con i primi stend nella splendida piazza del Teatro Massimo fino ai Quattro Canti e su via Vittorio Emanuele fino a Piazza Bologni. Oltre quaranta maestri gelatieri, provenienti da tutta Italia e da Spagna, Portogallo, Giappone, Messico, Stati Uniti, Francia, Repubblica Ceca e Germania, serviranno gelati artigianali preparati quotidianamente con le eccellenze del territorio.

A fare da cornice all’evento sono previsti cooking show (imperdibile ad esempio quello dello chef Tony Lo Coco del ristorante I Pupi di Bagheria che venerdì 30 settembre alle 18 presenterà il gelato gastronomico alle acciughe), mostre, un’esposizione di materie prime di eccellenza, concerti, spettacoli a Piazza Bologni, mentre al Caffè del Teatro Massimo il programma prevede convegni su turismo, gastronomia e nutrizione e il “Concorso per i gelatieri Procopio de’ Coltelli” che domenica concluderà l’evento (la giuria sarà formata da Eleonora Cozzella, Clara Mannella, Santi Palazzolo e, per Identità Golose, Carlo Passera). L’ingresso è gratuito, ma per i convegni è consigliata la prenotazione su www.sherbethfestival.it dove è possibile consultare il programma completo.

Obiettivo della kermesse è quello di promuovere e valorizzare il gelato artigianale e il territorio siciliano, culla del gelato e dei più antichi gelatieri. «Nella selezione dei gusti dell’ottava edizione – ha detto il direttore tecnico Antonio Cappadonia – abbiamo pensato al gelato come interpretazione del territorio, identificando anche un omaggio all’autunno». Nel corso della conferenza stampa di presentazione il direttore tecnico ha avanzato la proposta, accolta positivamente dalle autorità presenti, di intitolare una strada a Procopio de’ Coltelli, maestro gelatiere siciliano al quale si deve l’esportazione del gelato all’estero con il suo Caffè de’ Precope ancora esistente a Parigi.

Il villaggio di degustazione in via Maqueda e via Vittorio Emanuele sarà aperto tutto il weekend dalle 16.30 fino a notte. Il ticket di degustazione avrà un costo di 6 euro e darà diritto a 3 coppette e 3 minicono. Fino a questa sera, 28 settembre, sarà possibile acquistare il ticket on line su www.sherbethfestival.it per poter avere accesso alla cassa veloce all’ingresso del villaggio in Piazza Massimo e un minicono omaggio. Quest’anno sarà inoltre disponibile un biglietto ridotto al prezzo di 2,50 euro con una coppetta e un minicono.

L’inaugurazione dello Sherbeth Village e degli oltre 40 gusti di gelato sarà domani, giovedì 29 settembre alle 17.30, seguirà una degustazione sensoriale a occhi chiusi al Caffè del Teatro Massimo alle 20 per riconoscere i segreti del gelato artigianale con i cinque sensi.

Insieme agli appuntamenti quotidiani a Piazza Bologni con la storia del gelato artigianale, i corsi sulla tecnica di gelateria e l’intrattenimento per bambini, il villaggio sarà animato da spettacoli musicali.

Uno sguardo, infine, ai gusti di Sherbeth 2016: mak-semi di papavero della Repubblica Ceca, aceto balsamico tradizionale di Modena DOP, crema all’anice e uvetta, sangria, torrone dell’altopiano ibleo, castagnaccio (con marroni IGP del Mugello), sbrisolona (dolce lombardo), moscato DOCG con riso biodinamico, gelato al profumo di lavanda delle Dolomiti Friulane, pera, oro rosso d’Abruzzo (zafferano DOP dell’Aquila), carruba e mandrola, uva, hoji cha (thè), sorbetto sannita (sorbetto al cioccolato con arancia e liquore), pinole, il grano dei Tarahumara, stracciamenta di pancalieri, fichi, birra e limone, amlou (mandorle, miele e olio di argan), nero grano (melograno e grué di cacao), la rosa della sibilla (mele rosa dei Sibillini), Sol levante, beurre noisette e crumble di noci pecan, sorbetto di more dei monti Simbruini, Terre: il meglio dei due mondi (fiori di camomilla e bottarga della costa del golfo), bianchini sardi (meringa col cuore di mandorle e limone), portivechju (vanille blanche di bourbon variegata ai frutti di Corsica) e tra i gusti più classici: caffè, nocciola di calabria, coffee break, pistacchio di bronte, liquirizia e cioccolato. Si troveranno anche molte granite: quella siciliana alla mandorla pizzuta di Avola e quella al ficodindia di San Cono DOP, la granita siciliana alla frutta, la granita siciliana al cioccolato di Modica e la cremolata mpanatigghia. Libera Terra sarà presente con il gusto miele millefiori e fior di latte e l’IPSSAR Cascino di Palermo con il gusto verdello di Sicilia.


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose