Una domenica all'OSF

Le immagini del pranzo organizzato all'Opera di San Francesco. Una giornata di bontà e sorrisi

25-10-2015
Una foto che illustra bene lo spirito di

Una foto che illustra bene lo spirito di "Grandi cuochi all'opera" pranzo benefico concertato da Identità Golose domenica 18 ottobre scorsa all'Opera di San Francesco di Milano. Da sinistra, il cuoco Domenico Della Salandra, il giornalista Carlo Casti, cameriere per un giorno, lo chef dell'Opera Francesco Bonacci, il cuoco Juan Lema e Alberto Galimberti di Europarty catering (foto e fotogallery di Tiziana Ballabio)

Galleria fotografica

"Grandi cuochi all'opera" è la quinta edizione di un evento benefico concepito da Identità Golose. Il tema di fondo cambia ogni anno: quest'anno era "Il mondo a tavola a Milano"
 
Cesare Battisti del Ratanà, unico chef italiano presente
Il pane di Massimo Grazioli: avanzato, imbustato e regalato agli ospiti
Victoire Goulubi, cuoca congolese da anni a Milano

Pubblichiamo oggi, a una settimana esatta di distanza dall'evento, le foto della quinta edizione di “Grandi Cuochi all’Opera”, il pranzo benefico organizzato da Opera San Francesco in collaborazione con Identità Golose. Una splendida domenica per ricordare a 190 commensali paganti (100 euro ognuno, offerta minima) che in corso Concordia l'Expo si fa da sempre: ogni giorno, la mensa gestita da Padre Maurizio sforna una media di 2.500 pasti, tra pranzo e cena. Pasti diretti a indigenti di 140 nazionalità da tutto il mondo. Cioè, di fatto, "si nutre il pianeta". Se poi consideriamo che, dal pranzo alla sera, i due chef dell'Opera Francesco Bonacci Fabrizio Bonfanti fanno di tutto per reimpiegare gli ingredienti inutilizzati, anche solo un pomodoro che rimane nella pentola, allora capiamo che anche la seconda direttiva di Expo, "scarti zero", è pienamente assolta.

Padre Maurizio e Cesare Battisti danno il via alle danze

Padre Maurizio e Cesare Battisti danno il via alle danze

Il pranzo è scorso tra i sorrisi dei commensali, felici di cadere sotto i colpi golosi delle pietanze di chef da tutto il mondo, convocati da Identità. Si è partiti con l'aperitivo nel chiostro, firmato da Cesare Battisti del Ratanà, l'unico cuoco italiano della giornata. Buonissime le sue Focaccia, mortadella e mela e le Lenticchie alle erbe e pane, anche perchè si incrociavano con le goduriose Frittelline di cicoria e Pancetta arrostita su cialda di pane dell'uruguaiano Juan Lema, un cuoco che lavora egregiamente e in silenzio a Milano da tanti anni (Trattoria Mirta a Lambrate). Poi sono arrivati in serie il Mais batéké (Crema di mais allo zenzero con baccalà essiccato e fagioli neri al curry rosso) della congolese Victoire Goulubi dal Congo Brazaville, una cuoca che ha chiuso da poco la sua insegna ma forse più impegnata ora in cene a 4 mani ed eventi che prima.

Sono seguiti un Riso Agropiccante di Guoqing Zhang e Chiara Wang Pei del ristorante cinese Bon Wei, buono e complicato per noi italiani da tirar su con le bacchette. Dalla Cina abbiamo attraversato il mare per finire al Giappone di Haruo IchikawaMichele Biassoni di Iyo, un classico Gindara (cn un pregiatissimo Carbonaro nero d'Alaska in salsa di miso) così dolce che tanti avrebbero chiesto il bis senza vergogna. Il sipario si è chiuso con Lady Couscous, Alice Delcourt dell'Erba Brusca, capace di trasferire il piatto unico per eccellenza della tradizione mediterranea in fondo come dessert. Magie di una giornata  splendida, cui hanno contribuito, oltre a tanti cuochi che hanno lavorato nel giorno di ferie, anche giornalisti improvvisatisi camerieri, società di banqueting, simpatizzanti vari, volontari.

Gli ospiti in sala

Gli ospiti in sala

E Massimo Grazioli, panettiere di Legnano che ha chiuso imbustando il pane avanzato in sacchetti di carta: che nulla si debba sprecare è un messaggio che tutte le due centinaia di persone accorse hanno appreso perfettamente.


Rubriche

Primo piano

Gli appuntamenti da non perdere e tutto ciò che è attuale nel pianeta gola


Galleria fotografica

"Grandi cuochi all'opera" è la quinta edizione di un evento benefico concepito da Identità Golose. Il tema di fondo cambia ogni anno: quest'anno era "Il mondo a tavola a Milano"
 
Cesare Battisti del Ratanà, unico chef italiano presente
Il pane di Massimo Grazioli: avanzato, imbustato e regalato agli ospiti
Victoire Goulubi, cuoca congolese da anni a Milano
Juan Lema, Trattoria Mirta, cuoco uruguaiano che lavora nel silenzio 
Focaccia mortadella e mela di Battisti
Battisti con Samuele Maio
Battisti, Goulubi, Ichikawa
Haruo Ichikawa di Iyo
Guoqing Zhang, Bon Wei