La Pergola, Marina e Plavi Podrum: vacanze istriane

Circumnavigare la penisola croata da Zambratija ad Abbazia, a caccia di posti buoni, davanti al mare. Tre nuove schede nella guida di Identità Golose 2022

16-07-2022
a cura di Giuseppe Cordioli
Fabricio Veznaver, cuoco e titolare del ristorante

Fabricio Veznaver, cuoco e titolare del ristorante La Pergola di Zambratija, in Istria poco oltre il confine con la Slovenia

La Pergola
Suncana 2, Zambratija, +38552759685
E' una gemma dell'emergente offerta gastronomica istriana, a poco più di un'ora di strada da Trieste. La pergola di antica memoria che ricopre la veranda dà il nome al locale in cui Fabricio Veznaver e la moglie Ljiljana accolgono l'affezionata clientela come fosse casa loro. Lo chef è il degno erede di una tradizione che si tramanda da padre in figlio, e custode di un patrimonio genetico fatto di passione, competenza e anche di coraggio. Entusiasta del suo lavoro, Fabricio trasforma i suoi piatti in continuazione, con risultati piacevolissimi ed emozionanti per il palato e belli anche alla vista.

A farla da padrone è il pesce (ma la carne non manca mai nel menu): sogliole, branzini, conchiglie e scampi sono selezionati personalmente dal cuoco. Il pescato viene reinterpretato con mano capace senza mai alterarne l'anima e i sapori, aggiungendo solo olio (di produzione istriana in particolare l'olio Mate) e talvolta erbe di stagione. Non manca mai il Risotto di scampi e lime, oppure con canestrelli e zucchine. Leggi l'intera recensione

Marina
Sv Antona 38, Novigrad/Cittanova, +38552726691
Mai nome di ristorante è così appropriato: Marina è il nome della chef/proprietaria, il locale si trova di fronte alla marina di Cittanova. Al primo piano di un edificio facilmente riconoscibile per il colore giallo intenso c'è un romantico terrazzo e una una sala che si affaccia sul mare blu. Il marito di Marina Gaši è Davor Buršič: oltre a occuparsi della cantina, si aggira tra i tavoli a dispensare consigli e a presentare i piatti elaborati dalla talentuosa chef.

E' il mercato del pesce che quotidianamente scrive (anzi, recita, perché non viene stampato) il menu: la cucina serve quello che il mare propone. Davor con grande competenza descrive i piatti e racconta ogni segreto dei vini in abbinamento, di rigorosa produzione locale. A pranzo vengono proposti due tipi di degustazione, uno a 4 e l'altro a 6 portate, rispettivamente a 520 e 680 kune (circa 60 e 90 euro), mentre la sera per cena i menu sono composti da 6 o 8 portate (90 e 108 euro circa). Leggi l'intera recensione

La veranda del Plavi Podrum di Opatija/Abbazia

La veranda del Plavi Podrum di Opatija/Abbazia

Plavi Podrum
Obala Frana Supila 6, 51410, Opatija/Abbazia, +38551701223
E' il ristorante più antico della riviera di Opatija ("Abbazia" in italiano), con una storia ultracentenaria. Dal 1997 è Daniela Kramaric a guidare lo staff: ha trasformato il locale che un tempo era uno dei tanto della riviera in uno dei migliori ristoranti della Croazia. La nomea ha varcato i confni e attrae una clientela di intenditori, i quali apprezzano non solo dalla qualità della proposta gastronomica, ma anche per l'accompagnamento dei vini.

Per due anni di seguito, lLa proprietaria è stata nominata miglior sommelier croata, e riesce a sorprendere sempre per l'offerta di etichette di gran pregio con un giusto prezzo. Il menu di stagione si basa, ovviamente su ingredienti freschissimi con il pescato del Golfo del Quarnero, in particolare gli scampi. Ma non manca mai il tartufo bianco istriano. Affacciato direttamente sul mare consente di vivere un'esperienza indimenticabile sotto ogni punto di vista, degustando piatti che fondono tradizione e modernità. Leggi l'intera recensione