Retroscena, bella novità marchigiana

Pierpaolo Ferracuti e Audrey Croccel, coinquilini per caso a Roma, titolari di un bistrot a Porto San Giorgio. Bottura ci cova

10-08-2018

La squadra del Retroscena, la bella novità ristorativa a Porto San Giorgio nello scatto di Simone Pegoli. Da sinistra verso destra si riconoscono, sul palcoscenico del Teatro Comunale, Davide Minicucci, Marco Mariani, Angelica Gonzales, Federica Marzetti, Audrey Croccel e Pierpaolo Ferracuti

Il Teatro Comunale di Porto San Giorgio nelle Marche, provincia di Fermo, data 1817, il Retroscena lì accanto 2018, 27 maggio per la precisione, una domenica. Pierpaolo Ferracuti, chef, e sua moglie Audrey Croccel, già pasticciera e adesso donna di sala, lo hanno inaugurato nemmeno tre mesi fa e a lei si deve il nome, un omaggio al teatro accanto e alle esperienze di Pierpaolo in Norvegia, in ristoranti con cucina a vista. Nel retroscena mettono in scena il loro mondo gastronomico.

Audrey Croccel e Pierpaolo Ferracuti, moglie e marito alla guida del Retroscena a Porto San Giorgio

Audrey Croccel e Pierpaolo Ferracuti, moglie e marito alla guida del Retroscena a Porto San Giorgio

Belle persone e bella storia, lucida e solida ma anche figlia del caso o del destino. Scegliete voi. Lui, 32 anni compiuti a gennaio, natali a San Benedetto del Tronto, è figlio di ristoratori per via dello Chalet Sombrero lì a Porto San Giorgio. Genitori intelligenti perché lo fanno studiare seriamente, liceo scientifico e zero istituto alberghiero. Poi eccolo ventenne a Roma, gavetta in trattoria e studi per diventare logopedista. Audrey invece segue il programma Erasmus, arriva a Roma e studia e si laurea in design, però vira sulla pasticceria.

Mentre si raccontavano, ho subito pensato che si fossero conosciuti in qualche insegna. Errore: erano coinquilini. Ancora meglio visto che i sentimenti li hanno portati a sposarsi sei anni fa, fare due figli e ritrovarsi anche a lavorare all’Osteria Francescana a Modena. Da Bottura prima lei in sala e poi lui in cucina, quattro mesi a inizio 2017.

L’aspetto che mi ha colpito di più, ben prima della qualità dei piatti, sta a monte del bistrot vero e proprio. Quando hanno deciso che avrebbero aperto un posto tutto loro, prima hanno formato la squadra e poi cercato la struttura. In pratica hanno fatto tesoro dell’esperienza di Pierpaolo come sous chef di Enrico Mazzaroni, prima al Tiglio di Montemonaco, reso inagibile dal terremoto del 2016, e poi nell’attuale sede a Recanati. Lì lavoravano Davide Minicucci e Marco Mariano, cuochi, nonché Federica Marzetti, sommelier. Li ritroviamo tutti e tre a Porto San Giorgio, in un ambiente che un tempo ospitava una banca.

Cucina a vista, come se fosse un secondo teatro rispetto a quello accanto e tanta

Polpo, finocchio e capperi

Polpo, finocchio e capperi

voglia di procedere con i piedi a terra, piatti curiosi e golosi, una offerta stringata come è giusto che sia quando si è partiti da poco, 11 proposte salate e tre dolci, ma anche due menu degustazione che non pescano ogni proposta dalla carta. Non accade ovunque, anzi.

E dire che, l’ultimo lunedì di luglio, mi ero presentato stanco per il lavoro degli ultimi mesi e stufo per un viaggio pomeridiano in treno. In genere, meglio evitare visite, appunti e giudizi quando a una tavola uno preferirebbe un letto, ma in assenza di altre date ho raccolto le ultime energie e ho fatto bene. Ho conosciuto un nuovo indirizzo sicuro in una regione, le Marche, dove i giovani

Le radici di Porto San Giorgio, "Brodetto di pesce"

Le radici di Porto San Giorgio, "Brodetto di pesce"

talenti non abbondano. Ben venga uno come Pierpaolo insomma.

Benvenuti a parte, una decina di portate: Spaghetto Italia – Perù / Pomodoro – Ceviche; Polipo, finocchio e capperi; Pasta “tributo all’estate”, fusilli con stracciatella; Guancia “cheek to cheek, pensando a Frank Sinatra”, e non Franck come in menù…; Raviolo “Gamberi, pane, cuor di bue, mozzarella”; Le radici di Porto San Giorgio, “Brodetto di pesce”; Cappasanta, beurre blanc e caviale; Cervo in salsa, dolce, acida, amara, piccante, il piatto più complesso, da prestarvi l’attenzione che verso mezzanotte non avevo più. Quindi i dessert: Cheesecake 2018… Evviva evviva.

RETROSCENA
Piazza del Teatro, 3
63822 Porto San Giorgio (Fermo)
Telefono: +39.0734.302138
E-mail: info@retroscena-ristorante.com
Chiusura: martedì, aperto solo la sera.
Prezzi medi: i piatti alla carta da un minimo di 14 a un massimo di 20 euro; dessert 7 euro.
Menù degustazione: due, 40 e 60 euro, abbinamento vino rispettivamente 13 (tre calici) e 20 euro (cinque calici)


Rubriche

Cibi Divini

I ristoranti di tutto il mondo raccontati nel Giornale da Paolo Marchi dal febbraio 1994 all’inverno 2011. E dalla primavera per i lettori del sito identitagolose.it