Alexandre Gauthier

Auberge de la Grenouillere

La Madelaine-sous-Montreuil
Montreuil-sur-Mer
Francia
T. +33.(0)3.21060722
contact@lagrenouillere.fr

LEGGI LA SCHEDA SULLA GUIDA 2019

Classe 1979, Alexander Gauthier è uno dei cuochi più promettenti della cucina francese. Notato da Alain Ducasse e da lui invitato al Plaza Athénée di Parigi in occasione di una rassegna di cuochi giovani e di talento, dimostra da subito creatività e rigore. Ormai ex enfant prodige della nuova cucina francese, dal 2003 è al timone della Grenouillère, l’Auberge di Madelaine-sous-Montreuil - un comune di neanche 200 abitanti, nel nord della Francia - cui ha cambiato completamente connotati e ambizioni.

Due stelle Michelin (2008 e 2017), due volte chef dell’anno per l’importante guida Gault Millau (2014 e 2016), relatore a Omnivore per ben 10 volte (e per noi una volta a Identità Londra, anno 2010), l’ascesa di questo ragazzo pare destinata a non fermarsi a questi allori perché la “ranocchiaia” oggi è un indirizzo imperdibile per tutti gli appassionati che inseguono una cucina ben ancorata alle radici francesi ma anche priva di tutte le sue aprioristiche convinzioni, un compito tutt’altro che semplice in un paese con 120 anni di haute cuisine alle spalle.

Lo stile di Gauthier, peraltro gratificato Cavaliere delle arti e delle Lettere dal ministero francese della cultura, è ancorato a tutti gli aspetti, “naturali e umani” della sua Côte d’Opale, una visione molto personale del suo territorio, sempre fedele a un motto che gli è caro, copyright lo scrittore concittadino Daniel Rondeau: «Il modo migliore per preparare il futuro è dare tutto nel presente». 

Conoscenza, tecnica e spiccata sensibilità dipingono una cucina brutale, raffinata e possente, centrata sulla supremazia del gusto in tavola. Una chiave di lettura essenziale, che divampa dalle basi classiche, rivitalizzando grandi salse ed elementi grassi con spunti acidi e vegetali in sorprendente equilibrio. Preparazioni tradizionali, traghettate verso nuove frontiere gustative anche dietro alle altre due insegne che Gauthier controlla nei paraggi della GrenouillèreFroggy’s tavernrotisserie contemporanea aperta già da 12 anni e la più recente Anecdote, un finto refuso che battezza un’insegna centrata su un menu del 1979, ispirato al papà Roland Gauthier.

Ha partecipato a

Identità London


a cura di

Gabriele Zanatta

classe 1973, laurea in Filosofia, giornalista freelance, coordina i contenuti della Guida ai Ristoranti di Identità Golose dalla prima edizione (2007), collabora con varie testate e tiene lezioni di gastronomia presso istituti e università. 
twitter @gabrielezanatt
instagram @gabrielezanatt