Identità Golose Milano sta per riaprire le sue porte

Il programma con cui l'Hub di via Romagnosi ripartirà dopo l'estate. Con Léveillé, Pascucci, Giacomello, Velasco, Caceres...

26-08-2019
Mercoledì 4 settembre riprende il programma di ch

Mercoledì 4 settembre riprende il programma di chef ospiti in via Romagnosi: ecco gli appuntamenti del mese prossimo, con anche una piccola anticipazione per ottobre, di Identità Golose Milano

Pronti a ripartire: dopo una manciata di giorni di meritato e rigenerante riposo, la squadra di Identità Golose Milano si sta preparando per la seconda stagione dell'Hub Internazionale della Gastronomia di via Romagnosi al 3. Con un calendario che ne confermerà le caratteristiche di centro polifunzionale per eventi gastronomici e culturali, di vetrina della nostra cucina e di finestra su quella degli altri Paesi. 

Le cucine si avvarranno come sempre del prezioso coordinamento di Andrea Ribaldone e della guida sicura del resident chef Alessandro Rinaldi, che oltre a firmare la carta del business lunch dal lunedì al venerdì e delle cene del lunedì e martedì, avranno il compito di accogliere i tantissimi chef ospiti, italiani e stranieri, di questi ultimi mesi del 2019. 

La nuova stagione si aprirà, mercoledì 4 e giovedì 5 settembre, con un appuntamento di prestigio in compagnia di Philippe Léveillé: un esponente della grande cucina francese che ha trovato in Italia, e in particolare al Miramonti l’Altro di Concesio (Brescia), una casa professionale e, poco dopo, anche familiare, grazie al legame instaurato con Daniela Piscini, già elegante e premurosa padrona di casa assieme al fratello Mauro. Così questo ristorante, vera eccellenza della nostra scena gastronomica, trova nei momenti di incontro tra Francia e Italia buona parte della sua identità più vera e stimolante. Queste due cene speciali saranno l’occasione per presentare in anteprima alcuni dei nuovi piatti che caratterizzeranno i nuovi menu del ristorante bresciano. 

Per il primo weekend della nuova stagione in via Romagnosi 3, venerdì 6 e sabato 7 settembre, vi aspetta invece un menu speciale, giustamente intitolato "Bentornati a Milano, con cui il coordinatore delle cucine dell’Hub, Andrea Ribaldone, e il resident chef Alessandro Rinaldi, saluteranno il pubblico di Identità Golose Milano al rientro dalle vacanze. 

Paolo Rovellini

Paolo Rovellini

Lunedì 9 settembre ci sarà il primo appuntamento di un nuovo ciclo di cene che arricchiranno mensilmente il programma di Identità Golose Milano, e in cui esploreremo il mondo della mixology e degli spirits, accostandoli alla cucina del coordinatore gastronomico dell’Hub Andrea Ribaldone e del resident chef Alessandro Rinaldi. All’esordio, in collaborazione con Pernod Ricard, sarà protagonista il gin, che apprezzeremo grazie a tre cocktail firmati dal barman dell’Hub Luigi Barberis e da Paolo Rovellini, Brand Expert Pernod Ricard e Bar Manager RTB - Raisethebar. I cocktail saranno abbinati a tre portate realizzate da Ribaldone e Rinaldi. Il costo della cena è di 60€ a persona, abbinamenti inclusi.

Da mercoledì 11 a sabato 14 settembre sarà ospite delle cucine di via Romagnosi Gianfranco Pascucci, chef e patron di Pascucci al Porticciolo, che in molti considerano essere uno dei migliori indirizzi di pesce d’Italia. La sua ricerca sulla materia prima si sposa a una declinazione mai banale, guidata da gusto, armonia e creatività. Lo chef è anche da sempre impegnato nel rispettare tanto questa materia prima - lavorando per abbattere gli sprechi e usare tutto del pesce che arriva nelle sue cucine - quanto il mare da cui essa proviene. Un impegno che lo ha portato anche a diventare testimonial dell’Oasi WWF di Macchiagrande, a pochi km dal suo ristorante. Siamo felici di poter avere con noi a Milano un grande professionista che sa distinguersi anche per il suo senso di responsabilità civica.

Dal 18 al 21 settembre presenteremo con orgoglio al pubblico milanese la cucina di Terry Giacomello, ovvero è uno dei più internazionali e creativi tra gli chef nostrani: gli anni passati in Francia con Marc Veyrat e Michel Bras, ma soprattutto le quattro stagioni a elBulli con Ferran Adrià, e ancora al Mugaritz con Andoni Luis Aduriz, al Noma, e da Alex Atala in Brasile, fanno di lui un concentrato di conoscenza e tecnica. Da quattro anni la sua grande esperienza e la sua sensibilità creativa hanno trovato casa a Parma, dove con il suo Inkiostro disegna menu sempre originali, capaci di stupire e al tempo stesso di sedurre con golosità il palato di chi siede a uno dei suoi tavoli. Le cene che lo vedranno protagonista a Milano saranno un’occasione da non perdere per conoscere il lavoro di uno chef davvero straordinario.

Arriverà dalla Spagna invece lo chef che sarà in via Romagnosi da mercoledì 25 a sabato 28 settembre. Parliamo di Óscar Velasco, che è stato l’allievo prediletto di Santi Santamaria, celeberrimo cuoco catalano originario di Sant Celoni, che ha portato il suo Can Fabes a essere per molti anni uno tra i migliori ristoranti di Spagna. Dopo tre anni di esperienza al Can Fabes, nel 2001 Velasco venne mandato da Santamaria a Madrid, per guidare l’apertura di un’altra insegna, a cui aveva dato il nome della sua cittadina natale. Da allora Óscar Velasco, portando avanti il lavoro del maestro scomparso nel 2011, con la sua cucina raccoglie l'essenza e il classicismo della tradizione gastronomica catalana, per poi reinventarli attraverso ricette innovative in cui il rispetto massimo della materia prima resta una priorità irrinunciabile. 

Ha un accento spagnolo, anche se è in Italia e a Roma in particolare da molti anni, Roy Caceres, che sarà a Identità Golose Milano da mercoledì 2 a sabato 5 ottobre. Una delle caratteristiche principali dello chef colombiano ormai adottato dall'Italia, è il sorriso contagioso, capace di infondere allegria in un istante. La stessa allegria, la stessa gioia curiosa e creativa, la si ritrova nei piatti che hanno fatto del suo Metamorfosi uno degli indirizzi migliori di Roma. Mille le influenze che si danno appuntamento nella cucina di Caceres: c’è tanta Italia, tanto Sud America, ma anche la Siria, da cui proveniva il nonno, cuoco, di Roy. E la Spagna, terra natale della nonna. Contaminazioni fruttuose, che portano colori e sapori a cui vi consigliamo di abbandonarvi, quando parteciperete a una delle quattro cene che lo chef ci regalerà in via Romagnosi.

A breve sveleremo anche i prossimi appuntamenti: entro pochi giorni conoscerete il programma dell'Hub fino a fine dicembre  2019. Però già da ora vogliamo anticiparvi una data, perché non prendiate impegni per la sera dell'8 ottobre. Sarà infatti la serata perfetta per una grande festa gourmet che celebrerà il primo anno di Identità Golose Milano. Un appuntamento da non perdere per brindare insieme alla squadra di via Romagnosi e per assaggiare i piatti che saranno creati per l’occasione. Tra poco vi racconteremo chi saranno gli ospiti di questa serata.

Non dimenticate poi che tutti i lunedì e i martedì sera il resident chef Alessandro Rinaldi, con la supervisione del coordinatore delle cucine Andrea Ribaldone, vi aspetta per farvi scoprire la sua cucina, con una carta che va dai classici di Identità Golose Milano, come lo Spaghettone Monograno Felicetti nelle varie declinazioni e la Milanese Identità, alle pizze di Franco Pepe, per concludere in dolcezza con i dessert. In più ogni settimana gli chef proporranno piatti inediti e speciali che arricchiranno ulteriormente l'offerta. E tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, la carta di Rinaldi Ribaldone vi aspetta anche a pranzo, con diverse formule adatte per un business lunch. 

Ora non vi resta che visitare la pagina dedicata al programma delle prossime settimane sul sito ufficiale di Identità Golose Milano. Da dove, grazie al supporto prezioso di TheFork, potrete prenotare direttamente il vostro tavolo per la cena (o le cene!) che desiderate. 


Rubriche

Identità Golose Milano

Racconti, storie e immagini dal primo Hub Internazionale della Gastronomia, in via Romagnosi 3 a Milano