Birra Moretti leggi le news
S.Pellegrino leggi le news
Monograno Felicetti leggi le news
Petra leggi le news
Lavazza leggi le news
Grana Padano leggi le news
Guida 2014 - Acquista ora
Enzo Coccia Nino Di Costanzo Jordi Roca Massimo Gatti Simone Salvini Mehmet  Gürs Christian Milone
Josep Roca Identità  Golose - i protagonisti della cucina Oliver Glowig
Luciano Monosilio Eugenio Boer
Jonny Lake Lorenzo Cogo
Nadia, Antonio e Giovanni Santini Gianluca Esposito Wicky Priyan Christian Puglisi Marco Reitano James Petrie Andrea Aprea
18-04-2014

Alfredo Russo apre a Dubai (e oltre)

Alfredo Russo, chef del Dolce Stil Novo alla Reggia di Venaria (Torino), ha inaugurato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, il ristorante Vivaldi by Alfredo Russo. "Il progetto", leggiamo nel comunicato stampa, "si inserisce come progetto pilota per future nuove operazioni in Medio Oriente e in nuove aree geografiche". L'apertura si aggiunge ai già presentio ristoranti Cafe Torino, dei trattoria-concept già attivi in un altro continente ancora: Città del Messico

17-04-2014

Delmonte al timone di Via Settembrini

Già cuoco del Vicolo del Curato di Fano e prima ancora da Pinchiorri, al Magnolia, alla Locanda del Povero Diavolo e al Pagliaccio, Federico Del Monte riparte da Roma, quartiere Prati per l'esattezza. Guiderà la brigata del Via Settembrini, in via Settembrini 27 a Roma, telefono +39.06.3232617. Prende il posto di Luigi Nastri, trasferitosi a La Gazzetta di Parigi, a sua volta rimasto orfano di Petter Nilsson, tornato in Svezia allo Spritmuseum

16-04-2014

Premio Francesco Arrigoni 2014

Domenica 4 maggio prossimo, presso il Monastero San Pietro in Lamosa di Provaglio d'Iseo (Brescia), sarà assegnato il Premio Francesco Arrigoni 2014, riconoscimento che intende onorare la memoria del giornalista bergamasco. La giuria, presieduta da Antonella Colleoni, moglie di Francesco, assegnerà il premio da 5mila euro e tre simboli che ricordano lo scrittore prematuramente scomparso

15-04-2014

Birra Expo a Piacenza

Una finestra sull'universo della birra artigianale italiana: microbirrifici, aziende di macchinari, attrezzature di produzione e forniture per le birrerie. Si aprirà a Piacenza Expo dall'8 all'11 maggio, in occasione di Birra Expo, Salone nazionale della birra artigianale. Nutrito il calendario di conferenze, incontri, degustazioni e corsi con i grandi esperti italiani. Apertura da giovedì a sabato, dalle 16 alle 2. Domenica dalle 10 a mezzanotte

14-04-2014

Il 1° piano del Mercato Centrale Firenze

C’è grande attesa per la riapertura imminente del primo piano del Mercato Centrale Firenze. Il taglio del nastro è fissato per mercoledì 23 aprile, mentre il giorno successivo, giovedì 24, aprirà al pubblico. Gli spazi verranno restituiti alla città completamente rinnovati con 12 botteghe artiginali e di qualità, inclusi ristorante, enoteca, pizzeria, birreria, scuola di cucina, enoscuola, banca, libreria... per un totale di 500 posti a sedere

11-04-2014

I Costardi e Le Toque Blanches

L’associazione francese Le Toques Blanches du Monde, oltre 6mila cuochi affiliati da tutto il mondo, ha scelto Christian e Manuel Costardi del ristorante omonimo di Vercelli come testimonial per iniziare a vendere online prodotti rappresentativi di un certo paese. Si inizia con l’Italia: i fratelli Costardi hanno selezionato una serie di eccellenze dall’Aceto Balsamico di Modena di Leonardi al Grissino di Cigliano fino al riso Carnaroli a loro marchio

10-04-2014

Henderson, premio alla carriera

E' stato assegnato al britannico Fergus Henderson il riconoscimento alla carriera della World's 50Best 2014, classifica sui migliori ristoranti del mondo che verrà ufficializzata alla Guildhall di Londra il 28 aprile prossimo. Maestro dei tagli di carne e fondatore del marchio St. John, con più punti vendita a Londra, Henderson è stato premiato per aver promosso e diffuso la cucina nose-to-tail, dal naso alla coda: di ogni animle si può cucinare tutto

09-04-2014

Fish & Chef, 1-6 maggio sul Garda

Torna, dall'1 al 6 maggio, in diverse località della sponda veronese del lago di Garda, Fish & Chef, rassegna giunta alla quinta edizione che coinvolge grandi nomi della cucina italiana, alle prese con il pesce di lago. Nel cartellone di quest'anno, cuochi del calibro di Luigi Taglienti, Mauro Uliassi, Felice Lo Basso, Alberto Tonizzo, Anthony Genovese, Leandro Luppi, Giuseppe D’Aquino, Stefano BaioccoGionata Bignotti...

07-04-2014

La Torre: Renato Bosco a Verona

Si chiama La Torre il nuovo locale del pizzaiolo Renato Bosco a Verona, apertura mercoledì prossimo in stradone Scipione Maffei 1, telefono +39.045.2525464 e pizzacaffelatorre@gmail.com. La proposta prevede i "classici" crunch e doppio crunch di pizza, mozzarella di pane, club sandwich, lievitati dolci, biscotti con caffetteria di qualità e una selezione di birre artigianali, alla spina e in bottiglia 

06-04-2014

Lunelli e Bisol, gli sposi delle bollicine

Il Gruppo Lunelli, una realtà per tutte: le Cantine Ferrari a Ravina di Trento, è entrato al 50% nella Bisol Desiderio & Figli, storica cantine di Valdobbiadene Prosecco Superiore; protagonisti dell’operazione, molto importante in chiave mercati mondiali, Matteo Lunelli, amministratore delegato del Gruppo Lunelli, e Gianluca Bisol, presidente della Bisol. Una curiosità: derby stellato a tavola tra i due produttori, tra la Locanda Margon a Trento e il Venissa a Venezia

05-04-2014

Cuoco maldiviano vince il Festival Loiseau

E’ Dammika Sarath, cuoco al Constance Halaveli Maldives, il vincitore della nona edizione del Festival culinarie Bernard Loiseau al resort Belle Mare Plage sull’isola di Mauritius. Preparatosi assieme con il giapponese Masashi Ijichi, chef a La Cachette di Valence, Francia, lacachette.restaurant@ gmail.com, Dammika ha proposto una Zuppa di cocco e fagioli bianchi (antipasto vegetariano) e un Petto d’anatra marinato (piatto principale a tema fisso), davvero perfetto

05-04-2014

Mangia come parli, a Milano

"Mangia come parli – Com’è cambiato il vocabolario del cibo". E' il titolo di un libro e di un convegno organizzato da Slow Food che avrà luogo giovedì 10 aprile, ore 18.30, nella sede di Frigoriferi Milanesi di via Piranesi 10 a Milano. Oltre all'autrice Cinzia Scaffidi, intervengono il filosofo Francesco M. Cataluccio, il giornalista Stefano BartezzaghiMarco Bolasco, direttore Slow Food Editore. Ingresso libero fino a esaurimento posti

04-04-2014

The Cook trasloca ad Arenzano

Da metà maggio, il ristorante The Cook di Ivano Ricchebono ed Elisa Arduini trasloca da Genova Nervi al Comune di Arenzano, sempre in provincia di Genova. Sarà inserito all'interno dell'hotel Poggio e raddoppierà la sua offerta: oltre al ristorante gourmet da 25-30 coperti ci sarà un'insegna di cucina più easy. Con il trasloco del Cook, Genova città perde l'unica stella presente nella Guida Michelin 2014 

03-04-2014

Stoccolma si prepara per il Bocuse d'Or

A Stoccolma (Svezia) è iniziato il conto alla rovescia per la finale europea del Bocuse d’Or il 7 e 8 maggio, presidente di giuria lo chef Mathias Dahlgren, vincitore assoluto nel 1997. Con lui anche i suoi colleghi Eléna Arzak e Bjorn Frantzen. Venti le nazioni in gara, le prime 12 si qualificheranno per la finale assoluta, il 27/28 gennaio al Sirha 2015 di Lione (Francia). Per l’Italia in lizza Diego Rigotti

03-04-2014

Larte e il Capri Palace

È stata presentata al Larte di Milano la nuova stagione del Capri Palace Hotel, albergo lusso di Anacapri che include due ristoranti con stella Michelin, L’Olivo e Il Riccio. Tra le novità 2014, 5 nuove suite in linea con Capritouch, marchio legato all’artigianato locale, oltre a nuovi trattamenti benessere. Sul fronte ristorazione, due i progetti per il 2015: un nuovo Olivo e un nuovo Riccio in Turchia

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15

I 10 anni di Identità Golose (Video Brambilla - Serrani - Cicogna, durata 5'31")

Eventi e protagonisti
Grana Padano leggi le news
S.Pellegrino leggi le news
Monograno Felicetti leggi le news
Lavazza leggi le news
Birra Moretti leggi le news
Petra leggi le news
Food&Wine Festival - I prossimi appuntamenti
Home page
Congresso
Guida
Cena con noi
Altri eventi
Dicono di noi
EnglishItaliano

Beck, vent'anni di Pergola

Il tedesco arrivò a Roma nell'agosto '94. I grandi della terra erano già suoi clienti a Berlino

Modena secondo Massimo Bottura / 2

Torniamo nella capitale degli Este con il grande chef. Tra trattorie, caseifici e... il Balsamico

Foto

Lo chef dell'Osteria Francescana (+39.059.210118), qui ritratto da Brambilla Serrani durante la sua lezione a Identià Golose 2014, dice di essere un uomo nel cui sangue scorre aceto balsamico! Chi meglio di lui per raccontarci il meglio di Modena?


Lopriore torna a casa

Apre Kitchen, la nuova avventura del grande cuoco comasco. Pesce di lago e creatività

Foto

Bresaola, erbe spontanee e patè di agone, uno dei nuovi piatti in carta al Kitchen del Grand Hotel di Como, telefono +39.031.5160460, la nuova casa di Paolo Lopriore, cuoco 40enne originario di Appiano Gentile, reduce da 10 anni al Canto della Certosa di Maggiano, Siena


Modena secondo Massimo Bottura / 1

Con questo racconto in due parti lo chef ci fa conoscere gli indirizzi e i posti preferiti della sua città natale

Oggi ripubblichiamo la prima parte dell'articolo sulla sua Modena del cuore scritto da Massimo Bottura per la Guida ai ristoranti di Identità Golose, edizione 2014, editore Mondadori. Trattorie, caseifici, pasticcerie, bar, ma anche spirito e anima: lo chef dell'Osteria Francescana (+39.059.210118) ci racconta la capitale estense (foto Brambilla Serrani)

Per me Modena non è la città natale, non è la città in cui sono cresciuto e in cui sono nato. Modena è la città dove ho fortemente voluto vivere e dove ho voluto basare tutto il mio lavoro. Modena è il mio immaginario, il mio passato e il mio futuro, una delle fonti d’ispirazione più importanti per i miei piatti, ma anche il solido sostentamento delle mie materie prime. Credo, infatti, che mai come in un periodo di crisi sia fondamentale per un territorio fare sistema, sostenendosi e supportandosi, cercando di comprare locale e di esportare all’estero l’amore per la propria terra. Non ritengo esista un altro modo se non accorciare la filiera di acquisto e andare a conoscere i produttori, gli allevatori, i casari locali, ma non solo. Trovo che tutte le aziende del territorio debbano fare riferimento le une alle altre, per sostenersi e stimolarsi a vicenda. Questo a Modena succede quasi sempre.

Nuovamente Unico

Da Selva di Valgardena a Milano: lo chef pugliese Felice Lo Basso scala il grattacielo del World Join Center

Carpaccio di cervo, funghi misti di montagna e spuma allo speck, uno dei piatti del pugliese Felice Lo Basso, da pochissimo all'Unico di Milano nel ruolo di chef che fu di Fabio Baldassarre (ora al Carlyle). Dopo una lunga esperienza in Valgardena all'Alpenroyal, Lo Basso e il sous chef Nicola Popolizio sbarcano all'ultimo piano dello skyscraper milanese, telefono +39.02.39261025

Alle altezze ci è abituato e non rischia le vertigini Felice Lo Basso, lo chef pugliese di Molfetta che dal 15 maggio prossimo inaugurerà il nuovo corso di Unico, il ristorante in cima al grattacielo del World Join Center a Milano. La sfida resta lo stesso da capogiro. Dopo undici anni ai fornelli dell'Alpenroyal di Selva di Valgardena, dove nel 2011 ha conquistato la prima stella Michelin, al ventesimo piano dello skyscraper meneghino non è solo il panorama che cambia. Certamente è più prossimo l’olimpo gourmet dai 3mila e passa metri sopra il mare delle Dolomiti, che dal ventesimo piano di viale Achille Papa: e Lo Basso lo sa. Come sa che il cielo sopra Milano di stellati ne conta dodici, tutti dotati, blasonati e con un certo appeal mediatico, che non guasta. Ma il cuoco pugliese non è di quelli che si lasciano intimidire.

Il Refettorio Ambrosiano

Expo: Bottura convoca a Milano i più grandi cuochi del mondo. Cucineranno gli scarti per i poveri

Da destra, Davide Rampello e Massimo Bottura, questa mattina all'Arcidiocesi di Milano del cardinale Angelo Scola (quarto da destra) per presentare il progetto del Refettorio Ambrosiano, una cucina permanente che a maggio 2015 sfamerà studenti e poveri nel teatro accanto alla parrocchia di San Martino, quartiere periferico di Greco a Milano. A cucinare, ogni giorno, un grande cuoco, da Ferran Adrià a Renè Redzepi, da Alain Ducasse a Gualtiero Marchesi

Un Refettorio Ambrosiano, costruito nella sede dell’ex teatro annesso alla parrocchia di San Martino, quartiere periferico di Greco a Milano. Una sala degli anni Trenta, caduta in disuso, che verrà completamente ristrutturata e ridisegnata da grandi artisti, designer, artigiani e architetti. Uno spazio in cui i più grandi cuochi d’Italia e del mondo cucineranno - per ognuno 30 giorni a maggio 2015 – il cibo avanzato dei padiglioni dell’Expo, per gli studenti a pranzo e per i poveri alla sera.

L'inafferrabile fascino di Eneko

Le diverse anime dell'Azurmendi di Atxa.
Tra provocazione e rassicurazione, creatività e solidità

Eneko Atxa si è distinto per il successo ottenuto rapidissimamente. Il suo Azurmendi, nella piccola Larrabetzu, in Biscaglia, telefono +34.944.558.866, in cinque anni ha ottenuto il massimo riconoscimento dalla Michelin ed è diventato un punto di riferimento per la ristorazione basca. Anche per la sua attenzione alla bellezza eco-sostenibile

«Eccezionale Bloody “Mar”…». «Note pazzesche di cacao…». «Un’esplosione armonica…». Rileggo gli appunti vergati durante un pranzo da Azurmendi, qualche settimana fa coccolato in una struttura eco-sostenibile, imponente e bellissima, cristallo-ferro-legno-pietra. Complice forse alcuni bicchieri iniziali di “42” - lo txakoli maison nobilitato sei mesi in botti di rovere francese, piccola produzione di 2mila bottiglie - il profilo di Eneko Atxa emergeva ancora sfocato.

Da Vinci: il genio di Eataly Firenze

Il ristorante gourmet della nuova sede fiorentina da gennaio è stato affidato al giovane chef piemontese Enrico Panero

Dopo aver portato al successo il Marin, il ristoro del Porto Antico a Eataly Genova, Enrico Panero, 27 anni, è stato chiamato a dirigere la cucina del nuovo ristorante di Eataly Firenze (+39.055.0153603). Compito che il giovane chef sta interpretando con una ricerca ispirata ai concetti di leggerezza e armonia

A fine gennaio e senza troppi clamori mediatici il Da Vinci, risto-gourmet di Eataly, ha spalancato le porte al pubblico fiorentino. Ai comandi della cucina ai piani alti del nobile palazzo a un passo dal Duomo c’è Enrico Panero, talentuoso chef classe 1987. Gli spazi sono raccolti, con tavoli spaziosi e ben distanziati. L’ambiente è essenziale, ma i pregevoli affreschi dei soffitti ci ricordano che siamo nel cuore storico della città. La tavola è minimale, accesa solo dai sottopiatti dal decoro ottocentesco che rimandano al binomio arredi/soffitti. Le proposte in carta, quattro per portata - sfiziose e misuratamente creative - celebrano quanto la natura mette a disposizione. Di sicuro molto contemporanee, se con questo intendiamo il minimo utilizzo di grassi e il principio, sempre rispettato, che un buon pasto si vede anche dopo che ci si è alzati da tavola. Due i menu degustazione, mare o terra, per assaporare tutto il repertorio. Carta dei vini che interpreta a pieno titolo lo spirito Eataliano del vino libero, espressione di produzioni ecocompatibili senza concimi, diserbanti e solfiti.

Tre mesi alla corte di Redzepi

Il giovane chef Matteo Aloe ci racconta i novanta giorni con René Redzepi in cui ha scoperto l'amore per le materie prime

Matteo Aloe, classe 1986, è cuoco e manager assieme al fratello Salvatore di Berberè e AlceNero-Berberè a Bologna e dintorni. Il recente stage al Noma di Copenhagen gli ha permesso di fare delle straordinarie esperienze e di dedicarsi alla scoperta di nuovi sapori e nuovi approcci alla cultura del cibo 

Gennaio, febbraio, marzo. Dal cuore dell'inverno all'inizio della primavera. La mia esperienza al Noma di René Redzepi si è consumata negli stessi giorni in cui la vita dal letargo invernale è rinata nelle campagne danesi. A gennaio sono rimasto spiazzato da una cucina in cui anche il sacco dell’immondizia ha un odore invitante. Tante, tantissime fermentazioni che, come nel caso del fermented black garlic, ti portano con la mente in un viaggio lontano mille anni a immaginare i sapori dei vichinghi. Gli stessi che calpestavano il muschio nelle foreste svedesi, e che oggi il Noma serve fritto assieme a una polvere di porcini e creme fraiche. Più passavano le ore in cucina, più toccavo gli ingredienti e più capivo che quella del Noma non è solo una cucina del territorio, ma è una cucina della terra. Soprattutto in inverno i piatti sono composti dalla vita sotterranea e sommersa: barbabietole, radici di sedano, patate, formiche, alghe, porri.

Parigi e un grande sabato italiano

Gianluca De Simone è il primo finalista del mondiale di pesto 2016, bravo a domare la forza dell'aglio

Non poteva mancare la foto ricordo della giuria del primo Concours du meilleur pesto de Paris, scattata davanti all’ingresso de Le Purgatoire al 54 di rue de Paradis. Da sinistra verso destra, in prima fila: Benedetto Chierici di Qualitalia, il motore di tutto Alessandra Pierini, il vincitore Gianluca De Simone, unico con il grembiule verde, Sergio Di Paolo dell’Associazione dei Palatifini, Stefano Palombari di L’Italie à Paris (con gli occhiali) e infine il critico Périco Légasse. In seconda fila, sempre da sinistra, ecco il vulcanico Filippo Giarolo, il pasticciere Benoit Castel, lo chef Maurizio Pinto e, seminascosto, il padrone di casa Alain Cirelli. Paolo Marchi era al di qua dell’obiettivo

Un sabato intero quello di ieri, sabato 12 aprile, senza avere incrociato una faccia immusonita. Intanto, da parte mia e di chi arrivava direttamente dall’Italia, conta molto il fatto che si era a Parigi e per chi a Parigi vive tutto l’anno ha pesato il fatto che fosse una splendida giornata di sole. “Quindi è sempre grigio e piove quasi sempre”, che non è vero ma nella capitale dell’esagono è così, cielo azzurro e aria fresco-caldina il giusto, da almeno due settimane. Perché non sorridere allora?

Il motivo che ha concentrato diversi italiani al 54 di rue de Paradis, al Purgatoire, la galleria con cucina di Alain Cirelli, è subito detto: il...

Su quel ramo del lago di Garda

Leggerezza e semplicità al ristorante La Grande Limonaia nello splendido hotel di Gargnano, che si distingue per l'attenzione all'ambiente

Incastonato con grazia nel verde della costa lombarda del Lago di Garda, il Lefay Resort è un'oasi di pace e lusso ad alta eco-compatibilità. La cucina dei due ristoranti dell'hotel, La Grande Limonaia (+39.0365.241800) e la Trattoria La Vigna, è curata dal giovane chef Matteo Maenza con la supervisione di Fabio Baldassarre

C’è un luogo magico sulla sponda occidentale del lago di Garda che gode di un microclima unico a questa latitudine. Qui, sopra Gargnano, sorge un eco-resort di rara bellezza perfettamente inserito nell’ecosistema locale - quasi mimetizzato nella natura - che in pochi anni si è imposto ai vertici mondiali dell’hotellerie con una SPA da sogno che ha vinto tutti i più importanti riconoscimenti europei del settore. L’hotel, di proprietà della famiglia Leali, è una delle massime espressioni di eco-resort sostenibile. L’intero complesso sembra essere stato concepito e progettato nel 2050, dalla produzione e dall'utilizzo dell’energia alla raccolta delle acque piovane, dal trattamento dei rifiuti alla scelta dei materiali di costruzione.

I 18 anni del Birrificio Italiano

Agostino Arioli è il birraio che ha sognato e creato l'Officina alchemica di Lurago Marinone, in provincia di Como, arrivata con successo alla maggiore età

L'importante compleanno del Birrificio Italiano di Lurago Marinone (CO) celebra una storia di passione e naturale puntigliosità. Sono queste le qualità su cui il birraio Agostino Airoli ha fondato una produzione che oggi conta quasi venti birre artigianali diverse, servite anche nel locale di via Castello 51, telefono +39.031.895450
 

Le emozioni, tante volte, non si leggono nelle parole. Ma negli occhi. E questa volta gli occhi non sono di Agostino Arioli, mastro birraio e uno dei fondatori del Birrificio Italiano, o del fratello Stefano, che lo ha accompagnato dall’inizio di questa avventura, 18 anni fa. Gli occhi, lucidi e commossi, sono di Teresa e Vittorio Arioli, i genitori, che dall’inizio hanno sempre creduto nel progetto birra artigianale, nonostante i figli potessero apparire come dei don Chisciotte all’attacco dei mulini a vento.

Vicenza cala un altro asso

Alessio Longhini della Stube di Asiago, una nuova promessa nella già fortunata provincia veneta

Il ristorante Stube dell'Hotel Europa di Asiago (Vicenza), chef Alessio Longhini, 25 anni, importante promessa della cucina vicentina. Oltre alla Stube, l'offerta enogastronomica dell'Europa conta anche sull'Osteria e sul ristorante Saint Hubertus (foto Renato Vettorato)

Nonostante la crisi, che morde sempre, la provincia di Vicenza dimostra un’invidiabile effervescenza gastronomica: nuovi locali, nuove filosofie e diversi giovani cuochi. In pochi anni, agli storici ristoranti che hanno dato lustro alla provincia berica come La Peca, il Casin del Gamba, La Locanda di Piero e l’Appaloosa del mitico Pippo in quel di Gallio sono stati affiancati da locali come El Coq di Lorenzo Cogo a Marano Vicentino, La Tana di Alessandro Dal Degan ad Asiago, il recentissimo Aqua Crua di Giuliano Baldessari a Barbarano Vicentino, senza contare il gran ritorno di Corrado Fasolato nella sua Schio con lo Spinechile Resort.

Bye bye Vinitaly

Si è chiusa la 48ma edizione della rassegna scaligera. Con molte luci e qualche ombra

Si è chiusa ieri la quarantottesima edizione di Vinitaly, 4 giorni con 155mila visitatori (+6% rispetto al 2013%). Appuntamento al 22-25 marzo 2015 (foto Vinitaly.com)

Ci sono molti detrattori del Vinitaly, che preferiscono le contromanifestazioni che si sommano negli stessi giorni della fiera di Verona. Per questo, facendo un bilancio di 4 giorni di manifestazione per un totale di 36 ore, è necessario fare una premessa: quali altre fiere riescono a radunare oltre 4mila espositori del mondo dell’enologia? Alla fine, se in 48 edizioni Vinitaly è arrivata a numeri da capogiro, vuol dire che la forza di questa manifestazione è proprio nei numeri. E ai detrattori è possibile chiedere solo rispetto per i tanti, tantissimi produttori seri che si sono affacciati, nuovamente, alla quattro giorni scaligera.

Grana Padano Home
S.Pellegrino Home sopra indice
Birra Moretti Home
Lavazza Home
Monograno Felicetti Home
Petra Molino Quaglia Home
Host home
Clicca qui per vedere l'elenco completo degli chef e dei protagonisti
 
Gastón Acurio
Massimiliano e Raffaele Alajmo
Josean Alija
Corrado Assenza
Enrico Bartolini
Lidia e Joe Bastianich
Jeremy Bearman
Heinz Beck
Beniamino Bilali
Angelo Biscotti
Renato Bosco
Massimo Bottura
Cristina Bowerman
Thierry Bridron
Antonino Cannavacciuolo
Moreno Cedroni
Daniela Cicioni
Luca Pardini, Edoardo Grassi e Marco Civitelli
Christian e Manuel Costardi
Carlo Cracco
Enrico Crippa
Pino Cuttaia
Enrique Dacosta
Gian Pietro e Giorgio Damini
Kobe Desraumaults
Loretta Fanella
Gianluca Fusto
Roberto e Fiorella Ghisolfi
Giuseppe Iannotti
Chumpol Jangprai
Bo Songvisava e Dylan Jones
Jeff Katz
Antonia Klugmann
Marco Mancini
Christian Milone
Luciano Monosilio
Alessandro Negrini e Fabio Pisani
Beniamino  Nespor ed Eugenio Roncoroni
Norbert Niederkofler
Julien Ochando
Davide Oldani
Rodrigo Oliveira
Simone Padoan
Giuseppe Palmieri
Giovanni Passerini
Pierpaolo Pavan
Franco Pepe
Roberta Pezzella
Paolo Piantoni
Fulvio Pierangelini
Jean-François Piège
Alessandro Pipero
Prin Polsuk
Federica Racinelli
Lello Ravagnan
Marco Reitano
Niko Romito
Alessandro  Roscioli
Luigi Salomone
Simone Salvini
Ciro Salvo
Nadia, Antonio e Giovanni Santini
Yasuhiro Sasajima
Andrea Sbrizzo
Davide Scabin
Emanuele Scarello
Bruno Scavo
Julia Scavo
Massimo Spigaroli
Silvio Spinelli
Yoshiaki Takazawa
Mauro Uliassi
Daniele Usai
Henrik Yde
 
Clicca qui per vedere l'elenco completo degli chef e dei protagonisti
 
 
Loading
Scuola di Ceglie
Facebook new
Twitter new
Youtube new
Pinterest new
Seguici su Instagram
Google+ new
Primo piano
Identità Golose Eataly Smeraldo, ci siamo
Ancora pochi giorni e aprirà a Milano l'attesissimo store di cose buone. La nostra anteprima

leggi | di Identità Golose
Affari di Gola di Paolo Marchi
Festival Loiseau: signori, vince il gusto
Oggi la gara: 6 cuochi, 12 piatti e un imperativo: scordare la tecnica e pensare a fare piatti buoni

leggi | di Paolo Marchi
Cibi Divini
Esprì, la cucina naturale è servita
A Colonnella nel Teramano la modernità della Tommolini: dall'antipasto vegano alla carne bio

leggi | di Paolo Marchi
Dall'Italia
Identità Golose La patatina e l'alta cucina
Carlo Cracco e 12 ricette che regalano una nuova collocazione alla celebre Rustica San Carlo

leggi | di Identità Golose
Dal Mondo
Identità Golose Parigi in cinque mosse
Vivere la Ville Lumière attraverso un'itinerario insolito. Per godere da colazione a cena

leggi | di Lisa Marchesi
Zanattamente buono
Il risorgimento di Baronetto
Anteprima sul Cambio di Torino, la nuova ambiziosa avventura del grande cuoco ex Cracco

leggi | di Gabriele Zanatta
Ricette illustrate
Pillole di Klugmann
Alchimie e ingredienti illustrati della cuoca triestina nella laguna incantata del Venissa

leggi | di Gianluca Biscalchin
Carlo Mangio
Talento Bastard
A Santander in Cantabria per scoprire una delle più scintillanti promesse della cucina spagnola

leggi | di Carlo Passera
De Cesars Palace
Dieci volte Gioia
Lo chef della Posta Vecchia celebra il decennale al timone del Cesar. Con una cena da ricordare

leggi | di Federico De Cesare Viola
Spotti e mangiati
I restauri di Piazza Duomo
Il ristorante di Enrico Crippa diventa ancora più accogliente e funzionale. Mentre la cucina...

leggi | di Gualtiero Spotti
A tutta birra
Identità Golose Semplicemente La Rossa
La ricetta dolce di Luigi Salomone, vincitore della terza edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru

leggi | di Luigi Salomone
Balcanicious
Identità Golose Il primo ćevapčić non si scorda mai
Sarajevo: i migliori indirizzi per gustare le deliziose salsicce di carne di manzo e agnello

leggi | di Serena Guidobaldi
China Grill
Identità Golose L'Italia di Jean-Georges è a Shanghai
Lo stano caso dell'insegna italiana del noto chef alsaziano, con una giovane coreana al timone

leggi | di Claudio Grillenzoni
Cibografando
Dieci anni, un congresso
Brambilla, Serrani e Cicogna e un video che riassume i momenti più belli del decennale

leggi | di Francesca Brambilla e Serena Serrani
Dolcezze
Identità Golose Tutte le magie di Duytsche
Il grande pasticciere francese di Valrhona stupisce Milano con quattro minicapolavori

leggi | di Annalisa Cavaleri
Frantoio Squadrilli
Giro d'Italia in 22 cultivar
Un volume interessante per conoscere l'Italia attraverso le varietà autoctone di olivo

leggi | di Luciana Squadrilli
Giovanna a Capo-tavola
La cucina Cape Malay
Alla scoperta di un'importante tradizione gastronomica che unisce felicemente due mondi

leggi | di Giovanna Sartor
In cantina
Vinitaly, e sono 48
Domenica 6 aprile si apre a Verona la kermesse vinicola cui è più difficile rinunciare

leggi | di Raffaele Foglia
In libreria
Il vocabolario di Alex Atala
Nel nuovo volume edito da Phaidon, 65 ricette riassumono l'universo del grande cuoco paulista

leggi | di Cinzia Benzi
In sala
Identità Golose In sala per amore
Ludovica Rubbini, da Bologna a Cortina per alimentare il talento del marito Riccardo

leggi | di Ludovica Rubbini
Le nostre cene
Identità Golose La domenica della Cassoeula
Appuntamento il 10 con la Mora Romagnola di Zivieri cucinata da Battisti. Fusto al dessert

leggi | di Identità Golose
Mare Aperto
Saranno tutte capesante?
Il mollusco dal nome nobile attira le frodi. Leggere sempre attentamente le etichette

leggi | di Antonio Vasile
Naturalmente
Roma-Bombay mix
La combinazione di due farine dà luogo a un piatto vegano ricco e dal sapore intenso

leggi | di Simone Salvini
Nordic Food Lab
Identità Golose La sinfonia dell'amaro
Tecniche e applicazioni per imparare a trattare e apprezzare un gusto in ascesa. Non solo al nord

leggi | di Ben Reade
Parigi a tutto Tondo
Nel nome del pane
Storia di Christophe Vasseur, manager diventato boulanger. Per assecondare il suo sacro fuoco

leggi | di Simone Tondo
Penna al cuoco
Identità Golose Mettersi in gioco in Norvegia
L'esperienza della giovane Lucia Tellone al Maeemo di Oslo. Un'insegna dietro cui imparare

leggi | di Lucia Tellone
Pensa Tè
In Cina con Baldassarre
Il cuoco abruzzese dell'Unico esprime una grande predilezione per i più eleganti tè asiatici

leggi | di Francesca Natali
Piatti all'ingiù
L'uomo che sussurrava alla Terra
Storia di Jim O’Gorman, produttore biologico tra i più stimati (e ascoltati) di Nuova Zelanda

leggi | di Cinzia Piatti
Südtirol amore mio
Identità Golose Felice sulle montagne
Come Lo Basso, cuoco di Molfetta, ha stregato tutti all'Alpenroyal di Selva di Val Gardena

leggi | di Angelo Carrillo
Fantamarchi new
Italian gourmet
Chef di cucina magazine
marchi di gola
nuova cucina italiana
News food
ADConvivio
Identità Golose - i protagonisti della cucina
copyright Identità Web S.r.l. - Tutti i diritti sono riservati
Home | Chi Siamo | Contatti | International cooking convention
Presentazione congresso
Con noi a Milano
Cartella stampa
Chi siamo
Sede
Rassegna stampa
Edizioni passate
Albo d'oro premiati
Edizione 2014
Presentazione 2014
Programma 2014
Il racconto finale
Ristoranti fuori congresso
Presentazione della Guida
Albo d'oro premiati
EDIZIONE 2014
Prefazione di Oscar Farinetti
Prefazione dolce di Carlo Cracco
Introduzione di Paolo Marchi
Premi alle Giovani Stelle
Acquista guida cartacea
Milano FOOD&WINE Festival
Roma FOOD&WINE Festival
Identità London
Identità New York
Grandi cuochi all'Opera
Identità Golose a Host
Tutti a Tavola!! #spesaalmercato
Identità di libertà
Qoco
Un risotto per Milano
Shanghai
Rassegna stampa
Rassegna video
chiudi
Programma cene 2014 EATALY