PerchÚ ha vinto l'Ungheria

Dietro al trionfo del Bocuse d'Or c'Ŕ un sistema compatto e fondi statali. Quel che manca all'Italia

Budapest, 12 maggio scorso: dopo due giorni di intensa competizione,┬álo chef Tam├ís Sz├ęll del ristorante┬áOnyx┬á(secondo da sinistra) celebra in casa con i compagni la vittoria nella finale europea┬ádel prestigioso┬áBocuse d'Or. Alle finali mondiali,┬áLione 24-25┬ágennaio 2017, parteciperanno 11 squadre europee, ma non l'Italia

Budapest, 12 maggio scorso: dopo due giorni di intensa competizione, lo chef Tamás Széll del ristorante Onyx (secondo da sinistra) celebra in casa con i compagni la vittoria nella finale europea del prestigioso Bocuse d'Or. Alle finali mondiali, Lione 24-25 gennaio 2017, parteciperanno 11 squadre europee, ma non l'Italia

L’Italia, si sa, non ha mai brillato al Bocuse d’Or. Eppure le aspettative erano alte anche quest’anno, per la partecipazione di Marco Acquaroli alle selezioni europee a Budapest. Purtroppo anche stavolta è andata male: l’Italia non si è qualificata per la finale (vuol dire non essere arrivati nemmeno tra i primi 11) e la gara è stata vinta da uno chef ungherese di nome Tamás Széll. Sarà stata mera fortuna, il giusto riconoscimento di un genio della cucina oppure sono altri i motivi che portano a una simile vittoria?

a cura di Tunde Pecsvari

Leggi | 27-05-2016 | 06:00 | Dal Mondo

Chef per il futuro, Alajmo finalista

Il padovano tra i top 20 del Basque Culinary World Prize. E ci sono anche cinque "italiani all'estero"

Massimiliano Alajmo con il fratello Raffaele. Lo chef de Le Calandre ├Ę tra i 20 finalisti del premio indetto dal Basque Culinary Center tra i cuochi di tutto il mondo che portano avanti progetti per la societ├á e il fuuro

Massimiliano Alajmo con il fratello Raffaele. Lo chef de Le Calandre è tra i 20 finalisti del premio indetto dal Basque Culinary Center tra i cuochi di tutto il mondo che portano avanti progetti per la società e il fuuro

C'è tanta, anzi tantissima Italia tra i 20 finalisti del Basque Culinary World Prize, iniziativa ideata per rendere omaggio agli chef di tutto il mondo che si sono distinti per aver migliorato la società grazie ai loro progetti nel settore della gastronomia. Tra di loro spicca infatti il nome di Massimiliano Alajmo, forse il più celebre in assoluto (con Ángel León e Rodolfo Guzmán), chef de Le Calandre a Rubano (Padova). Ma hanno sangue italiano - tutti figli di emigrati - anche cinque altri candidati alla vittoria: Alberto Crisci (Regno Unito), Alicia Gironella (Messico), Manoela Buffara (Brasile), Maria Fernanda Di Giacobbe (Venezuela) e l'italo-venezuelano Michelangelo Cestari (quest'ultimo in coppia con la danese Kamilla Seidler).

Leggi | 26-05-2016 | 18:00 | Dal Mondo

Ruinart: arte e champagne

Si rinnova anche quest'anno un felice binomio, che porta alla realizzazione di un'opera speciale

In una esclusiva anteprima per Identità Golose, ecco il nuovo cofanetto Ruinart, disponibile in edizione limitata da ottobre 2016

In una esclusiva anteprima per Identità Golose, ecco il nuovo cofanetto Ruinart, disponibile in edizione limitata da ottobre 2016

Ruinart, ovvero la più antica Maison di Champagne, partecipa ormai da tempo alle più prestigiose fiere d’arte contemporanee internazionali, e ogni anno collabora con un artista diverso il quale, ispirandosi alla Maison, realizzano un Masterpiece e un cofanetto, in edizione limitata, disponibile dall’autunno 2016.

a cura di Cinzia Benzi

Leggi | 26-05-2016 | 12:00 | In cantina

Aimo: in pensione, ma felice

Lo chef ci racconta il passaggio generazionale. E la figlia Stefania: come non amare quest'uomo?

Come gestire un ricambio generazionale in un grande ristorante? Ce lo raccontano Aimo Moroni (nella foto, con la moglie Nadia) e la figlia Stefania in questa intervista. Nei prossimi giorni la seconda parte

Come gestire un ricambio generazionale in un grande ristorante? Ce lo raccontano Aimo Moroni (nella foto, con la moglie Nadia) e la figlia Stefania in questa intervista. Nei prossimi giorni la seconda parte

Il Luogo è sacro: insieme sintesi e anima. Chi scrive parla distrattamente del “ristorante Aimo e Nadia” e subito Stefania Moroni, cortesissima ma solerte, col padre Aimo al fianco, interrompe: «Vorrei fare una riflessione: non “Aimo e Nadia”, ma “Il Luogo di Aimo e Nadia”. E’ un disallineamento importante». Certo che lo è: tanto da diventare l’oggetto di questa intervista a uno dei mostri sacri della nostra migliore ristorazione, classe 1934, l’età che avanza ma è portata benissimo. Aimo Moroni è il suo Luogo, ma Il Luogo non è più solo Aimo Moroni.

a cura di Carlo Passera

Leggi | 26-05-2016 | 06:00 | Dall'Italia

Barman: una passione travolgente

Conversazione con Dario Comini del Nottingham Forest, vero punto di riferimento per la mixologia

Dario Comini, a destra, con Fabio Amodeo

Dario Comini, a destra, con Fabio Amodeo

Dario Comini è nato nel 1962, dal 1981 è alla guida del cocktail bar di famiglia, il mitico Nottingham Forest di Milano, in viale Piave, 1, che aprì nel 1970. Incontrarlo è un'occasione per conoscere meglio uno dei più creativi e appassionati mixologist italiani.

a cura di Fabiano Omodeo

Leggi | 25-05-2016 | 18:00 | Shake & shock

Sarma, declino di una star vegana

La parabola della chef di Pure Food and Wine, ora in carcere a New York con 24 capi di imputazione

Sarma Melngailis, celebrit├á della cucina vegana statunitense, prima e dopo l'arresto avvenuto in Tennessee pochi giorni fa. Fondatrice e patron del ristorante┬áPure Food and Wine di New York,nel 2013 ├Ę finita nelle grinfie di┬áAnthony Strangis, criminale e ludopatico che l'ha trascinata nel baratro. Sulla┬áMelngailis pendono 24 capi di imputazione tra┬áfurto, frode┬ásul lavoro e crimini fiscali. Rischia fino a 15 anni di galera (fonte servizio,┬áNew York Post)

Sarma Melngailis, celebrità della cucina vegana statunitense, prima e dopo l'arresto avvenuto in Tennessee pochi giorni fa. Fondatrice e patron del ristorante Pure Food and Wine di New York,nel 2013 è finita nelle grinfie di Anthony Strangis, criminale e ludopatico che l'ha trascinata nel baratro. Sulla Melngailis pendono 24 capi di imputazione tra furto, frode sul lavoro e crimini fiscali. Rischia fino a 15 anni di galera (fonte servizio, New York Post)

Sarma Melngailis aveva tutto: una laurea Ivi League (diploma che accomuna le 8 più prestigiose università degli Stati Uniti, ndr), un look da modella e un ristorante vegano molto hot a New York, Pure Food and Wine, amato da Alec Baldwin e Bill Clinton (e per tre edizioni nella Guida ai Ristoranti di Identità Golose). Ora di lei rimane una foto segnaletica, una cauzione da 350mila dollari, il marito Anthony Strangis - un signore ludopatico con un passato da criminale - e un figlio di 11 anni che non vede da un decennio.

Leggi | 25-05-2016 | 12:00 | Dal Mondo

Il coniglio con la pelle di pollo

In Slovenia da Ana RoÜ, per conoscere i dettagli di un secondo piatto senza frontiere. E transgender

Il Coniglio che voleva diventare un pollo, piatto appena entrato in carta al ristorante sloveno Hiša Franko di Caporetto, un secondo che racconta il talento di Ana Roš, cuoca che sta facendo puntare i riflettori sulla gastronomia di un paese spesso trascurato (foto Zanatta)

Il Coniglio che voleva diventare un pollo, piatto appena entrato in carta al ristorante sloveno Hiša Franko di Caporetto, un secondo che racconta il talento di Ana Roš, cuoca che sta facendo puntare i riflettori sulla gastronomia di un paese spesso trascurato (foto Zanatta)

Che stagione magnifica per battere i sentieri umidi e verdissimi, scontornati dai fiumi Isonzo e Natisone in Slovenia, a pochi chilometri dal confine italiano. E che gioia regala la sosta da Hiša Franko, la tana di Valter Kramar e Ana Roš, marito e moglie, sommelier e cuoca di pari valori.

a cura di Gabriele Zanatta

Leggi | 25-05-2016 | 06:00 | Ricette dĺautore

Escargot, la tavola si tinge di blu

La scommessa sarda di Stefano Carta e Fabio Groppi a Costa Rei, dove il mare Ŕ di una bellezza unica

Zero filtri per gli scatti fatti a Costa Rei, localit├á del comune di Muravera nel Cagliaritano dove sorge il ristorante Escargot, titolare Stefano Carta. La sua famiglia ├Ę anche proprietaria, nella stessa realt├á, dell'Eos Village

Zero filtri per gli scatti fatti a Costa Rei, località del comune di Muravera nel Cagliaritano dove sorge il ristorante Escargot, titolare Stefano Carta. La sua famiglia è anche proprietaria, nella stessa realtà, dell'Eos Village

Il pianeta Terra è costellato di posti splendidi e l’Italia non ne ha certo il monopolio anche se i gioielli abbondano tanto da non poterli contare. Quando però ti vengono a prendere in auto all’aeroporto di Cagliari, e dopo tre quarti d’ora ti fanno scendere nel parcheggio del ristorante Escargot, tempo due secondi hai il Tirreno negli occhi e rimani senza fiato. «Qui non servono filtri e photoshop», commenta Camilla Rocca e ha perfettamente ragione. Mare e cielo vestiti con ogni sfumatura di azzurro e di blu, spiaggia di sabbia fine, un paio di scogli sulla battigia, quindi perfetti per tuffarsi, un grosso tronco insabbiato prima di un terrapieno su cui sorge il miglior ristorante della zona, l’Escargot appunto, telefono +39.070.9947206.

a cura di Paolo Marchi

Leggi | 24-05-2016 | 20:00 | Affari di Gola di Paolo Marchi

La Torta Kiev e altre delizie

Sempre pi¨ vivace la scena gastronomica della cittÓ ucraina. Il nostro racconto, con una ricetta

La Torta Kiev del ristorante Klukva i Brukva, nella capitale ucraina, città dalla scena gastronomica sempre più vivace

La Torta Kiev del ristorante Klukva i Brukva, nella capitale ucraina, città dalla scena gastronomica sempre più vivace

Kiev in cucina? La prima cosa che mi viene in mente è il famoso Pollo alla Kiev, ma di sicuro non tutto qui sa di pollo. Quando il mercato (bazar) è pieno di prodotti freschi dai villaggi circostanti, si va a prendere il borsch verde con l’acetosella e le ortiche (niente rape, niente pomodori), i formaggi freschi, il pesce d’acqua dolce, le aringhe del Danubio. È vero però che aggiungiamo la panna acida dappertutto, dall’insalata al borsch ai varenyky (pierogi) dolci con le ciliege, alle frittelle di formaggio o ai “pigri” gnocchi di formaggio. Fatta con latte dai pascoli verdi, fa la differenza.

a cura di Marina Mayevska

Leggi | 24-05-2016 | 12:00 | Dal Mondo

Memorie da El Bulli

Lo chef Nicola Dinato apre il quaderno dei ricordi per ripercorrere un'esperienza fondamentale

L'ingresso del ristorante El Bulli a Roses: ha cessato la sua attività il 30 luglio del 2011

L'ingresso del ristorante El Bulli a Roses: ha cessato la sua attività il 30 luglio del 2011

Era il 2002 quando a Londra si vociferava, per le cucine del Santini Restaurant vicino a Victoria Station, di questo ristorante in Spagna considerato il numero uno al mondo. El Bulli. Così per conto mio, cominciai la ricerca nell'internet café di Oxford Street, perché all'epoca con i telefoni si poteva solo chiamare, al massimo messaggiare, ma tutto il resto appariva solo da dietro quello schermo ancora così mistico, affascinante, impenetrabile. 

a cura di Nicola Dinato

Leggi | 24-05-2016 | 06:00 | Storie di cuochi

IdentitÓ Golose Milano

Tutti gli articoli dell'edizione 2016

E’ stata un’edizione particolare di Identità Milano: la più affollata, la più densa di eventi, la più ricca, anche e soprattutto di contenuti, quella che ha avuto maggior richiamo...

Leggi tutto

La Guida 2016 Ŕ online!

Leggi tutto
Coldline

Miracolo a Lipari

A tavola da E Pulera, cucina tradizionale eoliana, gestita da una passione familiare secolare

I Tagliolini con tonno, bottarga, agrumi e miele di ape nera aromatizzata al mandarino, piatto del ristorante E Pulera di Lipari (Messina), sull'isola omonima, telefono +39.090.9811158. Cucina eoliana cesellata dalla competenza e dall'esperienza di Angelo Paino ed Eugenia Bernardi, marito e moglie

I Tagliolini con tonno, bottarga, agrumi e miele di ape nera aromatizzata al mandarino, piatto del ristorante E Pulera di Lipari (Messina), sull'isola omonima, telefono +39.090.9811158. Cucina eoliana cesellata dalla competenza e dall'esperienza di Angelo Paino ed Eugenia Bernardi, marito e moglie

Leggi | 23-05-2016 | 18:00 | Barbara Giglioli | Dall'Italia

I clandestini del quinto quarto

Nasce Interni, collettivo di cinque ristoratori milanesi. Alleati per dare valore alle frattaglie

L'immagine simbolo di Interni, il nuovo Collettivo del Quinto Quarto formato da cinque ristoratori milanesi: Taglio, Erba Brusca, Pasta Madre, Ratanà e Trippa. Cuochi e amici che vogliono diffondere la cultura delle frattaglie con una serie di iniziative congiunte (illustrazione di Gianluca Biscalchin)

L'immagine simbolo di Interni, il nuovo "Collettivo del Quinto Quarto" formato da cinque ristoratori milanesi: TaglioErba Brusca, Pasta Madre, Ratanà e Trippa. Cuochi e amici che vogliono diffondere la cultura delle frattaglie con una serie di iniziative congiunte (illustrazione di Gianluca Biscalchin)

Leggi | 23-05-2016 | 12:00 | Gabriele Zanatta | Dall'Italia

La Madonnina, ovvero la maturitÓ

Lisa Foletti Ŕ stata da Moreno Cedroni, e ne ha ricavato sensazioni che racconta a IdentitÓ

Lisa Foletti ├Ę stata a La Madonnina del Pescatore e racconta a Identit├á Golose, con la consueta e┬ábrillante penna, le sensazioni che ne ha ricavato

Lisa Foletti è stata a La Madonnina del Pescatore e racconta a Identità Golose, con la consueta e brillante penna, le sensazioni che ne ha ricavato

Leggi | 23-05-2016 | 06:00 | Lisa Foletti | Dall'Italia

Duecento pizze... senza Facebook

Si racconta Bruno De Rosa, del Montegrigna di Legnano. źL'ispirazione? Anche la Nannini╗

Il sito della pizzeria Montegrigna by Tric-Trac di Legnano. E' l'unica concessione tecnologica: il locale non ha nemmeno una pagina Facebook, si basa sul passaparola. Il titolare Bruno De Rosa si racconta in questa intervista a Francesco Inguscio de La Provincia di Varese, che gentilmente ci ha concesso la pubblicazione

Il sito della pizzeria Montegrigna by Tric-Trac di Legnano. E' l'unica concessione "tecnologica": il locale non ha nemmeno una pagina Facebook, si basa sul passaparola. Il titolare Bruno De Rosa si racconta in questa intervista a Francesco Inguscio de La Provincia di Varese, che gentilmente ci ha concesso la pubblicazione

Leggi | 22-05-2016 | Francesco Inguscio | Mondo pizza

Tradizione bergamasca a tavola

La trattoria Dentella di Bracca propone i migliori classici del luogo. Una vera cucina della memoria

La Trattoria Dentella (tel. +39.0345 97105), locale storico a conduzione familiare, negli anni ha consolidato una reputazione di luogo del buon mangiare bergamasco

La Trattoria Dentella (tel. +39.0345 97105), locale storico a conduzione familiare, negli anni ha consolidato una reputazione di luogo del buon mangiare bergamasco

Leggi | 22-05-2016 | 06:00 | Gualtiero Spotti | East Lombardy

Where to Eat Pizza, il 7 giugno presentazione a Milano

Guida mondiale delle pizzerie, IdentitÓ Golose organizza l'evento saltato alla Reggia di Caserta

Si terr├á a Milano marted├Č 7 giugno, alle 15,30, presso il ristorante Alice di Milano, l'attesa presentazione di Where to Eat Pizza, la guida mondiale alle migliori pizzerie curata da Daniel Young. L'evento era previsto inizialmente alla Reggia di Caserta, ma poi era saltato tra le polemiche

Si terrà a Milano martedì 7 giugno, alle 15,30, presso il ristorante Alice di Milano, l'attesa presentazione di Where to Eat Pizza, la guida mondiale alle migliori pizzerie curata da Daniel Young. L'evento era previsto inizialmente alla Reggia di Caserta, ma poi era saltato tra le polemiche

Leggi | 21-05-2016 | 16:00 | Carlo Passera | Mondo pizza

Feudo Maccari, brindisi alla Sicilia

Il toscano Antonio Moretti ha fatto rinascere una tenuta della Val di Noto con vini di grande fascino

Una vista dall'alto, poco dopo il tramonto, della tenuta in Contrada Maccari

Una vista dall'alto, poco dopo il tramonto, della tenuta in Contrada Maccari

Leggi | 21-05-2016 | 06:00 | Niccol˛ Vecchia | In cantina

The Vegetarian Chance alla terza

Sabato 11 e domenica 12 giugno torna, al Mudec di Milano, il concorso internazionale di cucina veg

Pietro Leemann e Gabriele Eschenazi, ideatori del concorso The Vegetarian Chance, con la vincitrice della prima edizione, nel 2014, Daniela Cicioni. Qui e qui trovate due racconti di quell'anno, mentre qui una cronaca e una ricetta dalla seconda edizione

Pietro Leemann e Gabriele Eschenazi, ideatori del concorso The Vegetarian Chance, con la vincitrice della prima edizione, nel 2014, Daniela Cicioni. Qui e qui trovate due racconti di quell'anno, mentre qui una cronaca e una ricetta dalla seconda edizione

Leggi | 20-05-2016 | 18:00 | Niccol˛ Vecchia | Dall'Italia

Un sogno: Da Vittorio a Londra

I progetti per il futuro (con apertura inglese?) nella seconda parte dell'intervista a Chicco Cerea

Una foto storica di tutta la famiglia Cerea riunita. Questa intervista ├Ę stata rilasciata da Enrico Cerea a Identit├á Golose e Ea(s)t Lombardy, la prima parte qui

Una foto storica di tutta la famiglia Cerea riunita. Questa intervista è stata rilasciata da Enrico Cerea a Identità Golose e Ea(s)t Lombardy, la prima parte qui

Leggi | 20-05-2016 | 12:00 | Carlo Passera | Dall'Italia

Vi narro mio padre, Vittorio Cerea

A 50 anni dall'apertura del ristorante, intervista al primogenito Chicco: tutto nacque cosý...

Vittorio Cerea con la moglie Bruna. Il fondatore del Da Vittorio se n'├Ę andato nel 2005, subito dopo aver trasferito il suo locale da Bergamo alla vicina Brusaporto. In questa intervista per Identit├á Golose e eastlombardy.it, il ricordo del figlio primogenito Enrico, a 50 anni dall'apertura del ristorante

Vittorio Cerea con la moglie Bruna. Il fondatore del Da Vittorio se n'è andato nel 2005, subito dopo aver trasferito il suo locale da Bergamo alla vicina Brusaporto. In questa intervista per Identità Golose e eastlombardy.it, il ricordo del figlio primogenito Enrico, a 50 anni dall'apertura del ristorante

Leggi | 20-05-2016 | 06:00 | Carlo Passera | Dall'Italia

Raccogliendo asparagi

Il grande ortaggio di Bassano impiattato come fosse ancora interrato. La ricetta di Elvis Pilati

Raccogliendo asparagi, ovvero┬áAsparagi di Bassano┬ásbollentati, passati in salsa Mornay e gratinati, coperti con una terra di farina di canapa, farina tostata e formaggio Asiago vecchio. La ricetta ├Ę di Elvis Pilati, chef del ristorante Milleluci di Rubbio di Conco (Vicenza), sulla strada che unisce Asiago a Bassano del Grappa, telefono +39.0424.709433

Raccogliendo asparagi, ovvero Asparagi di Bassano sbollentati, passati in salsa Mornay e gratinati, coperti con una terra di farina di canapa, farina tostata e formaggio Asiago vecchio. La ricetta è di Elvis Pilati, chef del ristorante Milleluci di Rubbio di Conco (Vicenza), sulla strada che unisce Asiago a Bassano del Grappa, telefono +39.0424.709433

Leggi | 19-05-2016 | 18:00 | Elvis Pilati | Ricette dĺautore

Il futuro del vino Ŕ l'Italia

Intervista con il professor Attilio Scienza, grande esperto e studioso della storia e del Dna della vite

┬źSolo narrando lÔÇÖunicit├á degli oltre 400 vini autoctoni italiani si potr├á offrire una visione del futuro possibile del viticoltura nel nostro paese┬╗. Il professor┬áAttilio Scienza┬áci spiega cos├Č la sua idea che unisce ricerca, storia, cultura e memoria del territorio

«Solo narrando l’unicità degli oltre 400 vini autoctoni italiani si potrà offrire una visione del futuro possibile del viticoltura nel nostro paese». Il professor Attilio Scienza ci spiega così la sua idea che unisce ricerca, storia, cultura e memoria del territorio

Leggi | 19-05-2016 | 12:00 | Cinzia Benzi | In cantina

Best Before con Pietro Leemann

Debutta la nuova rubrica di Lisa Casali. Che invita tutti a cucinare con 3 ingredienti in scadenza

Nell'illustrazione di Lisa Casali, il Tortino di riso mediterraneo con asparagi e fragole di Pietro Leemann, chef del ristorante Joia di Milano. La┬ásfida, lanciata dall'autrice nel corso dell'ultima┬áGiornata della Terra┬á├Ę quella di far┬árealizzare a cuochi e lettori un piatto con 3 ingredienti in scadenza┬áin frigo, per valorizzarli e non sprecarli. Scrivere┬áa info@ecocucina.org

Nell'illustrazione di Lisa Casali, il Tortino di riso mediterraneo con asparagi e fragole di Pietro Leemann, chef del ristorante Joia di Milano. La sfida, lanciata dall'autrice nel corso dell'ultima Giornata della Terra è quella di far realizzare a cuochi e lettori un piatto con 3 ingredienti in scadenza in frigo, per valorizzarli e non sprecarli. Scrivere a info@ecocucina.org

Leggi | 19-05-2016 | 06:00 | Lisa Casali | Best Before

Don Pasta, il resistente

Il suo nuovo libro, Kitchen Social Club, Ŕ un mosaico di storie ed esperienze alternative

Il nuovo libro del pugliese Don Pasta ha un sottotitolo molto efficace ed esplicativo: Manifesto dei cuochi, del cibo e delle cucine sociali e popolari. Storie & ricette

Il nuovo libro del pugliese Don Pasta ha un sottotitolo molto efficace ed esplicativo: "Manifesto dei cuochi, del cibo e delle cucine sociali e popolari. Storie & ricette "

Leggi | 18-05-2016 | 18:00 | Niccol˛ Vecchia | In libreria

Mille Miglia golosa

I luoghi del cibo della corsa pi¨ bella del mondo, tra un piatto della tradizione e un buon bicchiere

Il Museo delle Mille Miglia, aperto nel 2004, oltre ad aiutare i visitatori a conoscere una delle corse automobilistiche più importanti e belle del mondo, li ospita in una nuova versione della storica Taverna delle Mille Miglia

Il Museo delle Mille Miglia, aperto nel 2004, oltre ad aiutare i visitatori a conoscere una delle corse automobilistiche più importanti e belle del mondo, li ospita in una nuova versione della storica Taverna delle Mille Miglia

Leggi | 18-05-2016 | 12:00 | Annalisa Cavaleri | East Lombardy
Grana Padano Home
S.Pellegrino Home sopra indice
Lavazza Home
Birra Moretti Home
Petra Molino Quaglia Home
Monograno Felicetti Home
Berto's Coldline home Piazza home Caraiba Host home Carta di Milano
ADConvivio