Evviva Èvviva

Mercoledì apre a Riccione l'insegna di Franco Aliberti e Andrea Muccioli. Cucina a scarto zero

29-03-2014
a cura di Martino Lapini
Il team di Èvviva in viale Gramsci 31 a Riccione,

Il team di Èvviva in viale Gramsci 31 a Riccione, telefono +39.0541.694098, apertura mercoledì 2 aprile. Franco Aliberti e Andrea Muccioli (i primi due da sinistra) hanno concepito in un unico locale caffetteria, pasticceria, ristorante, scuola di cucina e negozio (foto del servizio di Giorgio Salvatori)

A tutti gli amici che ci chiedono una dritta su dove mangiare bene a Riccione suggeriamo sempre posti a Rimini, Misano o nell'entroterra. Da mercoledì 2 aprile la nostra risposta avrà un buonissimo motivo per cambiare e con voce tipo navigatore potrebbe suonare all’incirca così. “Dirigiti verso il Grand Hotel, supera l'imponente cancello di ingresso, conta 20 passi e gira a sinistra dentro un ampio cortile”. Cosa troveranno? Una ex lavanderia degli anni Trenta, già caserma dei soldati inglesi nell'immediato dopoguerra - come ancora è testimoniato dai numeri che identificavano le camerate – recuperata e trasformata in Èvviva, l’ambizioso progetto di dolci e cucina a scarto zero dei generali semplici Franco Aliberti e Andrea Muccioli, figlio del celebre Vincenzo, fondatore della comunità di San Patrignano.

La sala ristorante con il lungo tavolo in cucina

La sala ristorante con il lungo tavolo in cucina

Quando questa corte era solo potenzialmente un luogo in cui lo spreco non sarebbe stato ammesso, Franco Aliberti ci aveva accolto con i guanti di lattice, sporchi. Ci eravamo dati il gomito come i migliori principi di Bel Air e subito gli occhi erano caduti sul primo indizio dello scarto zero. Un piccolo orto ben curato, avviato dalla mamma di Franco, salita da Pompei con le piante di pomodori nella valigia. Intorno il cantiere. Il resto era lasciato all’immaginazione che seguiva curiosa il racconto di Aliberti, attento, su ogni particolare, ad accendere la sirena della semplicità. Bancone basso, rivestito con vecchie porte recuperate. Primo segnale. I cuochi che serviranno direttamente gli ospiti e parleranno con loro. Secondo segnale. I muri che non verranno rivestiti. Terzo segnale. Gli scarti della preparazione, come bucce di patate e teste di pesce che rientreranno in gioco per altre lavorazioni. Quarto segnale. Ricette semplici come pasta e patate o pasta al pomodoro. Quinto.

Riso, sgombro, agrumi, mandorle, cipolle rosse

Riso, sgombro, agrumi, mandorle, cipolle rosse

Da martedì prossimo Èvviva si metterà in moto. Caffetteria, pasticceria, ristorante, scuola di cucina e negozio in cui poter comprare, oltre che cibo, anche ogni oggetto presente.
“Èvviva è un inno alla vita e contemporaneamente uno slogan da tifosi. Viva come la materia prima che useremo qui, viva come l'atmosfera che vi regnerà. E anche "viva" come quando su cartelle e astucci scrivevamo viva Inter o viva Napoli". Aliberti parla come un bambino al primo giorno di scuola, ma con la coscienza di chi ha sulle spalle uno zaino d’esperienza. Molto si è già parlato di cucina a chilometro zero. Qui il tentativo è andare oltre. Oltre le parole sprecate e oltre la stessa cucina.

Che la materia prima sarà stagionale, di grande qualità e totalmente tracciabile non ve lo diciamo neanche. La cosa su cui vorremmo sprecare qualche parola in più è la brigata. Età media sotto i 26 anni. Proveniente da tutta Italia. Più che a lavorare in un ristorante multitasking, i ragazzi scelti da Franco e Andrea saranno le prime matricole di un’accademia. Avranno a disposizione una foresteria posta sopra il locale e a rotazione parteciperanno a stage formativi presso maestri e artigiani dell’alta enogastronomia italiana.

Sul fronte pasticceria aspettiamoci qualcosa di originale. Franco Aliberti è un pasticcere. E nella sua esperienza all'Osteria Francescana, ha lavorato molto sul salato. Non ci saranno venti tipi di mignon, ma solo qualche classico a braccetto con monoporzioni alla francese e con dolci sperimentali creati con erbe e ingredienti "salati". Oltre che alcuni kit dolci da montare a casa seguendo le chiare istruzioni nella confezione. Il rigore del pasticciere verrà insegnato a tutti i componenti di una squadra che promette grandi numeri che si andranno ad aggiungere a quelli che tutti potranno leggere in un manifesto presente nel locale. Cifre che raccontano il tempo, lo spazio, la fatica, gli amici, l’investimento dedicati a dare luce a Èvviva.

Èvviva
viale Gramsci 31
Riccione (Fc)
+39.0541.694098
fb, twitter e instagram = evvivariccione
hashtag #evviva