01-07-2024

Insalata fredda: il fresco d'estate in una pasta

Lo chef Antonio Chiodi Latini, re della cucina vegetale a Torino, propone per la bella stagione un tagliolino freddo che prende ispirazione dalla classica insalata da spiaggia a base di pomodori, mais e lattuga. Un primo piatto leggero e goloso

Insalata Mista è il Piatto della bella stagione d

Insalata Mista è il Piatto della bella stagione di Antonio Chiodi Latini, chef dell'omonimo ristorante a Torino

L' ispirazione di questo piatto è la tipica insalatona estiva, quella che si mangia al mare durante la pausa pranzo: mais, pomodoro e insalata.

Nella nostra versione, il mais viene ripensato sotto forma di pasta, adagiata su una crema di pomodoro giallo datterino e zafferano. Insieme, c'è un potpourri di foglie, una diversa dall'altra, che dà al piatto l'equilibrio necessario, unendo dolce, acido, salato, amaro, piccante e astringente. L'ospite è invitato a mescolare tutti gli ingredienti prima di mangiare, proprio come farebbe con un'insalatona mista.

 

INSALATA MISTA
Ricetta per 4 persone

Ingredienti
1kg pomodoro giallo datterino
4 g zafferano
100 g olio
100 g cipolla
30 g aglio
20 g peperoncino
50 g sale
200 g acqua vegetale (brodo)
200 g linguine di mais e riso integrale
40 g foglie da fitolimurgia
50 g sale maldon
150 g olio per condimento della pasta

Lo chef Antonio Chiodi Latini

Lo chef Antonio Chiodi Latini

PROCEDIMENTO
Cuocere in microonde la cipolla e l'aglio con olio, peperoncino e 200 grammi di brodo caldo per 15 minuti alla potenza di 750 w. Sbianchire i pomodori in acqua bollente per cinque minuti. In una casseruola cilindrica, tuffare i pomodori nello zafferano e cuocere per 15 minuti a fiamma allegra. Con l'aiuto di un cutter, frullare il pomodoro e il soffritto cotto in microonde, quindi passare al setaccio.

Cuocere la pasta, scolare e condire con olio e sale in fiore. Disporre la salsa a specchio, la pasta al centro del piatto e tutte le erbe spontanee in cima.


Ricette d'autore

Antonio Chiodi Latini

a cura di

Antonio Chiodi Latini

Nato in una famiglia di ristoratori torinesi, dopo una vita trascorsa a perfezionarsi nella grande cucina italiana e internazionale, Antonio cambia rotta, abbracciando una filosofia che non ama definire vegana bensì “vegetale creativa”, quella stessa filosofia che interpreta nel ristorante che porta il suo nome nella città sabauda

Consulta tutti gli articoli dell'autore