Viaggio italiano in dieci pizze

Tania Mauri e Luciana Squadrilli presentano il loro nuovo libro: narriamo gli artigiani del gusto

11-07-2016
Tania Mauri e Luciana Squadrilli sono le autrici d

Tania Mauri e Luciana Squadrilli sono le autrici di La Buona Pizza, il nuovo libro che verrà presentato stamane a Napoli. Raccontano il loro lavoro a Identità Golose

Se Dolce & Gabbana scelgono le strade di Napoli per far sfilare le loro modelle, un libro sulla pizza non poteva che essere presentato nel capoluogo partenopeo. Oggi alle ore 11 si alza il sipario sul libro La Buona Pizza, scritto da Tania Mauri e Luciana Squadrilli con le fotografie di Alessandra Farinelli, per Giunti Editore. L'appuntamento è presso lo storico Museo di Capodimonte, grazie alla volontà del direttore Sylvain Bellenger, alla collaborazione dell'Associazione Amici di Capodimonte e al maestro pizzaiolo Enzo Coccia che da tempo fa parte e collabora attivamente con la Onlus che sostiene i musei del polo della città di Napoli.

Arte e pizza quindi in un nuovo e vincente connubio: per la prima volta, una pubblicazione a carattere gastronomico viene raccontata in una sede così prestigiosa e rappresentativa del patrimonio culturale napoletano decretando il valore e il ruolo della pizza nella storia civile e sociale della città. La Buona Pizza è un libro che mette insieme storie di ingredienti, territori e pizzaioli attraverso dieci pizze, dal Piemonte alla Basilicata, e dieci artigiani del gusto che raccontano la loro storia e il loro territorio attraverso il famoso disco di pasta bianca.

«Ultimamente si parla e si scrive tanto di pizza, forse anche troppo. Ma noi abbiamo voluto provare a darne un racconto un po' diverso, mettendoci in viaggio e andando a scoprire il lato autentico di questo "piatto" che, più di ogni altro, sa farsi interprete del territorio - spiega Luciana Squadrilli, una delle autrici, giornalista napoletana specializzata in gastronomia e viaggi - Siamo andate a raccogliere erbe, tartufi e patate con i pizzaioli, abbiamo visto dove fanno la spesa e come costruiscono, giorno dopo giorno, delle relazioni sincere e profonde con i loro fornitori, chef e colleghi. Tutto questo, per noi, è "la buona pizza"».

«Le dieci pizze del libro non sono per forza le migliori d'Italia - aggiunge - Ma sono quelle che per noi meglio rappresentavano il lavoro di ricerca che i pizzaioli stanno portando avanti negli ultimi anni: ricerca sugli impasti, sui prodotti del territorio da usare come condimento per pizze tradizionali o innovative, ma anche sul servizio e su un nuovo concetto di pizzeria che sappia essere al tempo stesso popolare e "gourmet"»

«Ogni tappa era una nuova scoperta di prodotti agroalimentari meravigliosi, che abbiamo ritrovato sulle pizze, ma anche e soprattutto di persone che lavorano e credono in quello che fanno, di contadini e allevatori, di artigiani e custodi del sapere, giovani e meno giovani, tutti accomunati da una grande passione per il loro lavoro, malgrado la fatica e l’impegno che devono metterci ogni giorno. Da questi incontri abbiamo conosciuto le loro storie che abbiamo provato a raccontare in questo libro, portandoci a casa qualche chilo in più – perché alla pizza non si dice mai di no – molti luoghi incredibili e molte persone nel cuore, come testimoniano le foto di Alessandra Farinelli», commenta Tania Mauri.

Oltre alle autrici saranno presenti molti pizzaioli napoletani e i 10 protagonisti del libro, oltre a Marco Bolasco, direttore area enogastronomia di Giunti, Fabrizio Mangoni, docente universitario ed esperto di storia della gastronomia napoletana, Umberto Masucci, presidente Propeller Clubs e Errico di Lorenzo, presidente dell'associazione Amici di Capodimonte, oltre a Daniele de Michele, in arte Don Pasta, che ha curato la prefazione. A moderare l'incontro sarà Luciano Pignataro, giornalista de Il Mattino e fondatore del sito che porta il suo nome, punto di riferimento per l'informazione enogastronomica del Sud Italia.

Queste le pizzerie protagoniste: Bontà per Tutti di Stefano Viola, Santo Stefano Belbo (Cn); I Tigli di Simone Padoan, San Bonifacio (Vr); ‘O Fiore Mio di Matteo Tambini e Davide Fiorentini, Faenza; Percorsi di Gusto di Marzia Buzzanca, L’Aquila; Tonda di Stefano Callegari, Roma; Pepe in Grani di Franco Pepe, Caiazzo (Ce); La Notizia di Enzo Coccia, Napoli; Grotto Pizzeria Castello di Angelo Rumolo, Caggiano (Sa); Fandango di Salvatore Gatta, Scalera (Pz), Pizzeria Bosco di Massimo Bosco, Tempio Pausania (Ot).

La Buona PizzaStorie di ingredienti, territori e pizzaioli
Giunti Editore | 224 pagine | 22 euro

 



 


Rubriche

In libreria

Pubblicazioni e novità editoriali del pianeta gola