14-12-2023

Andiamo alla scoperta di Savô, la pizza gourmet tra Genova e Milano

Due sedi, quattro versione di pizza con impasti davvero di gran livello (e farciture molto interessanti, la Ligure su tutte, d'altra parte Savô è nata proprio nella città della lanterna...). Breve report dei nostri assaggi golosi

La pizza scrocchiarella gourmet che interpreta la

La pizza scrocchiarella gourmet che interpreta la piadina romagnola, con prosciutto crudo 36 mesi "etichetta nera" di Galloni, rucola e squacquerone. È una delle proposte più convincenti della pizzeria Savô, nelle due sedi di Genova e Milano. Foto di Tanio Liotta

«Credo che il nostro fiore all'occhiello siano gli impasti» ci spiegano al Savô di via Gustavo Fara 10, a Milano, "pizzeria gourmet" - come si autodefinisce - nata come replica del locale di patron Marcello Divano che miete successo a Genova dal 2015, in Via al Ponte Calvi 16R. È vero, qui gli impasti sono davvero interessanti: quattro diverse proposte sempre da mix di farine macinate a pietra con una percentuale di integrale che va dal 5 al 18% e uso della biga come starter (dal 50 all'85%): c'è la versione gourmet, più alta, alveolata, leggera, croccante all'esterno, con impasto a doppia lievitazione e doppia cottura in forno rotante a gas (una prima volta molto veloce. Poi viene abbattuto e infine scongelato all'occorrenza piano piano, prima della seconda cottura, «così togliamo quasi tutta l'umidità e la fragranza è garantita»); poi la versione classica, dal cornicione sottile, lontana dalla tradizione napoletana «ossia poco elastica»; quindi la versione scrocchiarella (che diventa una sorta di focaccina cruncy cotta con un filo d'olio, rosmarino e sale Maldon, quindi farcita al suo interno); e infine la versione nuvola, invece alta, panosa e soffice, prima cotta al padellino e poi sulla griglia.

Una delle pizze più richieste di sempre al Savô è proprio la Savô: pomodoro San Marzano Dop, burrata Dop, cucunci di Pantelleria, acciuga ligure salata, insalatina croccante e fili di peperoncino di Cayenna. Savô fa parte dei Petra Selected Partners

Una delle pizze più richieste di sempre al Savô è proprio la Savô: pomodoro San Marzano Dop, burrata Dop, cucunci di Pantelleria, acciuga ligure salata, insalatina croccante e fili di peperoncino di Cayenna. Savô fa parte dei Petra Selected Partners

I nostri assaggi confermano non solo la bontà della base (d'altra parte il personale al forno è stato addestrato con la collaborazione di un maestro come Riccardo Antoniolo) ma anche la qualità creativa dei topping. Noi abbiamo assaggiato la tipologia scrocchiarella gourmet (che fonde insieme le due versioni descritte sopra) farcita con mortadella Favola, burrata, rucola e granella di pistacchio, molto buona e ricca; poi, stessa texture, anche come interpretazione della piadina romagnola, con prosciutto crudo 36 mesi "etichetta nera" di Galloni, rucola e squacquerone, a sua volta convincente.

Un'altra pizza scrocchiarella gourmet, farcita con mortadella Favola, burrata, rucola e granella di pistacchio. Tutte le foto sono di Tanio Liotta

Un'altra pizza scrocchiarella gourmet, farcita con mortadella Favola, burrata, rucola e granella di pistacchio. Tutte le foto sono di Tanio Liotta

Ligure (con fiordilatte in cottura, poi olive taggiasche, scaglie di Parmigiano Reggiano, fagiolini, basilico e pesto di Prà)

Ligure (con fiordilatte in cottura, poi olive taggiasche, scaglie di Parmigiano Reggiano, fagiolini, basilico e pesto di Prà)

Santa Monica (con fiordilatte in cottura, poi burrata, crescione, gambero rosso, granella di pistacchio, polvere di arancia e una leggera citronette)

Santa Monica (con fiordilatte in cottura, poi burrata, crescione, gambero rosso, granella di pistacchio, polvere di arancia e una leggera citronette)

Poi le classiche: una Margherita con prosciutto cotto servito a parte, da aggiungere a piacere (tengono molto al contrasto di temperature e al gioco cotto-crudo, ndr); e la Capri, con bufala - aggiunta dopo cottura -, basilico di Prà, olive taggiasche e pomodorini rossi e gialli. Ma i bocconi più amabili, golosi e raffinati allo stesso tempo, ci sono arrivati quando abbiamo addentato due declinazioni di pizza gourmet: la Ligure (con fiordilatte in cottura, poi olive taggiasche, scaglie di Parmigiano Reggiano, fagiolini, basilico e pesto di Prà. Davvero deliziosa) e la Santa Monica (con fiordilatte in cottura, poi burrata, crescione, gambero rosso, granella di pistacchio, polvere di arancia e una leggera citronette).

Capri, con bufala - aggiunta dopo cottura -, basilico di Prà, olive taggiasche e pomodorini rossi e gialli

Capri, con bufala - aggiunta dopo cottura -, basilico di Prà, olive taggiasche e pomodorini rossi e gialli

Margherita con prosciutto cotto servito a parte, da aggiungere a piacere

Margherita con prosciutto cotto servito a parte, da aggiungere a piacere

Una curiosità: il sito del locale, specie nella versione ambrosiana, è quasi interamente in inglese. Il motivo? Savô a Milano si trova al centro del triangolo tra Porta Nuova e via Vittor Pisani, dunque in una zona densa di hotel affollati da turisti. Così, gran parte della clientela è internazionale.


Mondo pizza

Tutte le notizie sul piatto italiano più copiato e mangiato nel pianeta

Carlo Passera

a cura di

Carlo Passera

classe 1974, milanese orgoglioso di esserlo, giornalista professionista dal 1999, ossia un millennio fa, si è a lungo occupato di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta su viaggi e buona tavola. Coordinatore della redazione di identitagolose.it e curatore della Guida di Identità Golose alle Pizzerie e Cocktail Bar d'autore. Instagram: carlopassera

Consulta tutti gli articoli dell'autore