Felix Lo Basso: la mia Milano nel bene e nel male

Dal ristorante con vista sulle guglie del Duomo lo chef narra una città ricca di opportunità e con qualche zona oscura

25-07-2017
Felice Lo Basso, nella foto il primo da destra con

Felice Lo Basso, nella foto il primo da destra con il suo staff, racconta a Identità Golose la sua Milano

Galleria fotografica

La nostra cena da Felix Lo Basso nelle foto di Tanio Liotta. Sgombro marinato, aglio, olio e peperoncino, gazpacho di cetriolo: il finto aglio è di mozzarella, il finto peperoncino di pomodoro reso piccante. Piatto pulito e gustoso
Capesante crispy bacon con misticanza di erbe, pesca e salsa ponzu
Spuma di aglio da taglio, maionese di ortiche, alghe, tarallo sbriciolato, garusoli: piatto fantastico
Risotto alla parmigiana, ricordo legato alla mamma e alla parmigiana di melanzane della sua infanzia: il riso è mantecato col Parmigiano, poi polvere di pomodoro, crema di melanzana e basilico. Puro Mediterraneo goloso, un po' ruffiano ma di gran successo

Felix Lo Basso racconta una Milano viva e vitale. Da istrione qual è, a volte coi colleghi si lascia andare a qualche sfogo («Basta! Mi vien voglia di mollare tutto e aprire un ristorante a Singapore!»); narra però una città lombarda ricca di stimoli, metropolitana nel migliore senso del termine, «dove ogni giorno posso scegliere se mangiare un panzerotto o un ramen, cibo di strada o alta cucina, qualche specialità regionale o il piatto etnico». Mette poi in luce anche gli aspetti oscuri del capoluogo lombardo: l’ha fatto ad esempio su Economy, allegato di Panorama di maggio, nel corso di un’intervista rilasciata a Francesco Condoluci.

Nel nostro tour tra la ristorazione milanese e il suo rapporto con la città (iniziato con Vittorio Fusari, leggi Vittorio Fusari: la mia Milano) dovevamo dunque necessariamente far tappa all’ultimo piano della Galleria Vittorio Emanuele II, dove Lo Basso ha il proprio nido da poco più di un anno; vista impareggiabile su piazza del Duomo, clienti à la page col portafogli felice, sarebbe facile proporre loro una cucina turistica senza qualità, tanto ogni piatto ha comunque un condimento segreto e irresistibile: il panorama circostante.

Lo chef invece non ne approfitta: semmai si fa forte della splendida location per sublimare il proprio stile, che sintetizza così: «Prendo la migliore materia prima possibile, la lavoro poco, punto al gusto nel piatto», con quell’inconfondibile eco mediterranea che è un po’ la sua firma, ma senza scorciatoie piacione. Lo Basso sembra facile, immediato, eppure nasconde in ogni ricetta un plus di complessità: c’è l’accento asiatico sempre forte e la suggestione che gli deriva dalla lunga esperienza tra le valli sudtirolesi...

La formula funziona perfettamente, tanto (forse) quanto questa Milano post-Expo, che lo chef racconta come fosse la Mecca italiana del self made man all’americana, il luogo delle opportunità: «Quello che mi piace di Milano è la competitività. Qualcuno la vede come una iattura, ma è una benedizione». Lo Basso è arrivato in città nell’aprile 2014, «mancava un anno all’Esposizione universale, io stavo in montagna, venni attratto dalla possibilità di inserirmi in una città che prometteva di crescere molto». Così è stato, dice lo chef: «Dieci anni fa quanti erano qui gli indirizzi di alta cucina? Si potevano contare sulle dita di due mani, o forse di una sola. Oggi ci sono tanti colleghi in gamba, e questo è un vantaggio: il confronto è il modo ideale per migliorarsi, sarebbe stato una chimera se fossi rimasto in Alto Adige» dove pure si trovava benissimo, «ebbi l’opportunità di sbarcare in città la prima volta quando Fabio Brambilla lasciò il Park Hyatt, ma preferii declinare, perché Milano allora mi sembrava grigia, cupa, senza cultura gastronomica, tutta dedita agli affari». L’Expo, anche per Lo Basso, è stato il momento di svolta.

Appetizer con vista

Appetizer con vista

La città oggi affascina, gastronomicamente parlando, «perché ogni sera puoi fare qualcosa di diverso, vi abitano tutte le cucine del mondo. Milano non è grande come Parigi, Berlino o Londra, ma a livello di ristorazione è competitiva anche rispetto a quei centri ben più vasti. E trovi qualsiasi materia prima. C’è più rispetto per la professione del ristoratore», anche se i no show sono ancora troppo diffusi, «d’altra parte la crescita del settore è recente, ci vuole tempo per sradicare certe brutte abitudini».

Invece non bisognerebbe aspettare, anzi intervenire subito, per contrastare alcune cose che non vanno: «Dicevo che oggi in città siamo tanti; forse siamo persino troppi, perché assisto a continue aperture cui fanno riscontro altrettante chiusure. Tutti si improvvisano ristoratori, anche non sapendo nulla del settore. Si mettono insieme 5 o 6 soci, versano un poco di soldi e pensano che il gioco sia fatto». Progetti che nel 99% dei casi hanno il fiato corto, ma drogano il mercato, mettono in difficoltà i colleghi “veri”. «All’estero non accade così: la ristorazione è in mano ai professionisti, non a patron che fanno gli architetti o i dentisti e poi sbirciano i conti del locale a fine mese. E’ uno sbaglio che le banche concedano fiducia a questi e non ha chi presenta un curriculum che testimonia anni di sacrificio e studio nel campo. Si creano tante realtà dietro le quali non si sa bene chi cucina, chi ci sia dietro. Tutto è opaco».

Una nebulosa che attira anche la criminalità organizzata. Il paradosso è che dietro tale vorticoso giro di soldi d’incerta origine resta un settore che – spesso a causa proprio di questo mercato drogato – non riesce a garantire stipendi sufficienti ai suoi “anelli deboli”: «Spesso tra chef ci si lamenta delle difficoltà a reperire personale. In realtà questo non mancherebbe affatto: ma lo abbiamo fatto scappare all’estero, o persino al Sud». La teoria di Lo Basso è semplice: un cameriere giovane, preparato e ambizioso che prenda mille euro al mese, a Milano non riesce a vivere, quindi o si trasferisce in altre zone della Penisola dove il costo della vita è minore, oppure va all’estero dove le paghe sono più alte. Lavorare per eliminare queste storture, operare per la legalità e innalzare la professionalità nella ristorazione, in questo caso, sono azioni congiunte, che vanno portate avanti parallelamente.
(Tornando a temi più leggeri, nella fotogallery firmata Tanio Liotta i piatti di una gran cena da Lo Basso: che professionista lo è al 100%).


LEGGI ANCHE:​
Vittorio Fusari: la mia Milano, di Carlo Passera


Rubriche

Carlo Mangio

Gita fuoriporta o viaggio dall'altra parte del mondo?
La meta è comunque golosa, per Carlo Passera


Galleria fotografica

La nostra cena da Felix Lo Basso nelle foto di Tanio Liotta. Sgombro marinato, aglio, olio e peperoncino, gazpacho di cetriolo: il finto aglio è di mozzarella, il finto peperoncino di pomodoro reso piccante. Piatto pulito e gustoso
Capesante crispy bacon con misticanza di erbe, pesca e salsa ponzu
Spuma di aglio da taglio, maionese di ortiche, alghe, tarallo sbriciolato, garusoli: piatto fantastico
Risotto alla parmigiana, ricordo legato alla mamma e alla parmigiana di melanzane della sua infanzia: il riso è mantecato col Parmigiano, poi polvere di pomodoro, crema di melanzana e basilico. Puro Mediterraneo goloso, un po' ruffiano ma di gran successo
Tortelli al basilico con ricotta e 'nduja, scampi e acqua di pomodoro 
Doppio raviolo in farcia di guancia di bue e provolone del Monaco, ciliegie al vino rosso: squisito
Polpo arrostito e laccato al barbecue con spuma di patate e misticanza di erbe e fiori: gran piatto, nella sua semplicità
Agnello nostrano di Puglia in tre passaggi… (omaggio a Michele Varvara): ricordiamo un favoloso agnello di Lo Basso ai tempi dell'Unico. Ora il fornitore è cambiato, è l'ottimo Varvara, appunto, ma l'esito è se possibile ancora più prelibato: fagottino croccante con spalla di agnello, coscia con erbe, torcinello (delizioso) con crema di peperoni, pallina di bieta con cuore e fegato. Grandissimo piatto
Pralina fritta di cioccolato, panna cotta al caffé
Pesca cotta in olio extravergine e vaniglia, cremoso al thè nero, cialde al sesamo e gelato al latte di pecora
Semifreddo all’ananas e lime con granita di lamponi e champagne: anche i dessert sono molto piacevoli ed eleganti
Coccole finali