Area espositiva, la festa del gusto/1

Ogni anno c'è un congresso nel congresso: tutti gli highlights su prodotti e attività degli espositori 2018 (prima parte)

02-03-2018

Mille sono i motivi e tutti decisamente gustosi, per indugiare e scoprire l’Area Espositiva della quattordicesima edizione di Identità Golose. Il tema scelto da Paolo Marchi, il Fattore Umano, sembra aver ispirato tutti gli espositori nel creare grandi e piccoli appuntamenti all’insegna della qualità e del valore del contributo dell’uomo nel rendere prodotti e ricette eccezionali.

Aprono le danze con una serie di appuntamenti immancabili, lo stand di East Lombardy che racconta in una serie di degustazioni a colazione, pranzo e metà pomeriggio tutta la bellezza delle quattro provincie di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova. Grandi prodotti che raccontano il territorio sono il segreto anche dell’aziendaaAgricola San Pietro a Pettine, che presenterà piatti a tutto tartufo. Immancabili le degustazioni di Pastificio dei Campi con gli chef Christoph Bob, Marco Ambrosino, Fumico Sakai, Alba Esteve Ruiz e Faby Scarica, tanto quanto la Chef Roulette di Riserva San Massimo al cui stand si alterneranno numerosi chef per regalarci un Risotto d’autore.

Il gluten free sarà altrettanto gustoso grazie a Felicia, scoprendo che il gusto appartiene al senza glutine. Medesima missione avranno le paste di legumi, cotti al vapore, di Legù. Rimanendo in argomento di primi piatti, Divine Creazioni Surgital ospiterà lunedì 5 al suo stand Alessandro Gilmozzi con due ricette inedite per le Violette e gli Strichetti all’uovo.

Il pomodorino del Piennolo del Vesuvio sarà al centro degli assaggi di Montanare, il tipico street-food napoletano, de La Fiammante e tutta Napoli, sarà promossa dalla Camera di Commercio di Napoli con l’intento di valorizzarne i suoi prodotti enogastronomici. I salumi arrivano in forze a Identità Golose con l’Antica Corte Pallavicina e i culatelli dei fratelli Spigaroli, ma sarà possibile scoprire anche i pluripremiati prosciutti 30 mesi e culatta di Devodier Prosciutti, oltre alla selezione per la ristorazione di Levoni con un particolare abbinamento ai lievitati di Renato Bosco.

Produttori dal 1886, Villani arriva con una selezione speciale tutta da scoprire e assaggiare nei tre giorni di congresso.

Grazie ad Alaska Sea Food avremo il piacere di conoscere le delizie del Pacifico, mentre Longino &Cardinal farà degustare il suo Glacier 51, pescato a 2000 m di profondità, a più di 4000 km dall’Australia Continentale. 

Selecta porterà il panel di prodotti ad alto “fattore umano” e, in anteprima, la riserva Grana Padano Senior20, mentre l’azienda catalana Sosa stupirà con l’alta specializzazione e ricerca a supporto della grande ristorazione. Con più di 9mila prodotti da tutto il mondo, Woerndle – Gran Chef Service ci svelerà alcuni dei suoi ingredienti di punta.

Invece, per gli amanti della carne vale la pena di fermarsi allo stand della Macelleria Oberto e alle sue tartare e salami di Fassona Piemontese. Direttamente dalla Prefettura di Gunma in Giappone sarà possibile scoprire le preziosi carni di Joshu Wagyu e Konjac. Mentre lo stand del Perù sarà dominato dai Super Foods con aromi, sapori e profumi unici.

Lunedì 5 marzo dalle 14 alle 15.30 in Sala Gialla 1 Extenda, l’Agencia Andaluza de Promoción Exterior proporrà un inedito viaggio all’origine del Prosciutto Ibérico con anche l’intervento di un autentico Maestro Cortador andaluso. Il bouquet di germogli ed erbe che incanta il congresso grazie a Koppert Cress si arricchisce della varietà di verdure pugliesi riscoperte dagli agricoltori di Spirito Contadino. Un amore per la natura, che è al centro del lavoro di produzione casearia del Piccolo Brite a Cortina D’Ampezzo.

Quest’anno i più golosi avranno di che sbizzarrirsi o con gli assaggi di miele millefiori e passiflora o con i cocktail a base di nettare d’api e firmati da Mielizia e dal bartender Enrico Scarsella. Così come il cioccolato e le sue mille sfaccettature sarà protagonista grazie ai tartufi La Perla di Torino e interpretati anche in chiave salata dallo chef Marcello Trentini.

Promossa dal California Prune Board, il 4 marzo in Sala Gialla dalle 15 alle 16 si potranno degustare le ricette con le Prugne della California firmate dallo chef Giovanni Bon e dal Maitre Chocolatier Stefano Collomb.

Mille gustosi motivi per proseguire la visita anche nella nuova e accattivante Area Dispensa, con un rinnovato allestimento ecosostenibile e con una selezione di curiosità provenienti da tutto il mondo. Scoprirete la Rosa di Gorzia dell’azienda agricola Lucia, coltivata già nel 1874 durante la dominazione asburgica, e le conserve di pomodoro San Marzano di Casa Marrazzo.

Altrettanto interessanti saranno i Cicioni, ideati dalla chef vegana Daniela Cicioni, ossia fermentini biologici a base di mandorle e anacardi.

Ritornano le preziose perle di lime fresco di Fingerlime e l’ampia selezione di spezie di Francesca Giorgetti di Tutte le Spezie del Mondo. Spazio anche al Piemonte e alla delicatezza delle nocciole di Pariani, dei suoi oli spremuti a freddo, granelle e semicanditure di frutta e verdura. Abbinamento frutta e verdura, che è il tratto distintivo di Happy Mama, azienda di confettura in grado di trovare il perfetto equilibrio tra fragole e peperoni, prugne e cipolle.

Equilibrati anche i sali aromatizzati e le miscele di spezie di James 1599, che presenta a Identità una selezione firmata dallo chef Fabio Zanetello. Spazio ai gustosi salumi Bio del Salumificio Pedrazzoli interpretati in sfiziosi panini e non mancheranno i formaggi della Latteria della Darsena recuperando il patrimonio della Puglia con mozzarelle, stracciatelle e nodini.

I tartufi di T&C con i suoi condimenti e le loro salse riconfermano la loro attenzione per la ristorazione, proponendo una serie di assaggi speciali durante la tre giorni di congresso.

Lo storico Pastificio Benedetto Cavalieri porta tutta la storia di una famiglia di pastai con il suo noto cavallo di battaglia, lo Spaghettone Benedetto Cavalieri. E dove c’è pasta, non può mancare il riso perfettamente espresso da due realtà vocate alla produzione dell’eccellenza. Da Riso Zaccaria sarà possibile scoprire le 20 varietà di riso dal biologico al Baraggia Dop, dall’integrale al Rosa Marchetti. Mentre Riso Buono di Cristina Guidobono Cavalchini proporrà il suo Carnaroli Gran Riserva e l’Artemide.

Approdano per la prima volta a Identità anche le ostriche di Oyster Oasis, che saranno protagoniste di una degustazione unica con Moreno Cedroni domenica 4 marzo dalle 11.15 alle 12.15 in Sala Gialla. Trota Oro proporrà i suoi migliori Salmerini alpini affumicati e il Lingotto delle Dolomiti. Siamo quindi agli sgoccioli, ancora pochi giorni e sarà possibile provare dal vivo tutte le sorprese di questa Identità Golose 2018 100% Fattore Umano.

1. continua


Rubriche

IG2018: il fattore umano

Tutto sull’edizione 2018 di Identità Golose, a Milano da sabato 3 a lunedì 5 marzo. Il tema della quattordicesima edizione sarà “Il fattore umano”