Autochtona 2020 annuncia le sue date: si terrà il 19 e 20 ottobre

Confermato l'appuntamento con il Forum nazionale dei vini autoctoni, a Fiera Bolzano. Con diverse novità, anche per adeguare l'evento alle esigenze dettate dal periodo

25-08-2020
Foto Marco Parisi

Foto Marco Parisi

I produttori di vino autoctono possono contare anche quest’anno sulla loro vetrina. Autochtona in un periodo così ancora scosso dalle incertezze, mette un punto fermo: il 19 e 20 ottobre a Fiera Bolzano la diciassettesima edizione ci sarà, più fiera di dare spazio alle sue eccellenze che mai. Pronta anche a indossare una nuova veste, per poter consentire di lavorare in piena sicurezza nel vastissimo banco di prova che svelerà le identità di tante produzioni di nicchia d’Italia.

Il messaggio è stato mandato di recente da Maximilian Alber, Head of sales, brand and communication Fiera Bolzano, Alessandro Franceschini, giornalista e segretario del premio, e Pierluigi Gorgoni, degustatore e coordinatore di giuria. Momento atteso infatti sarà l'Autochtona Award. Dopo le degustazioni alla cieca lunedì 19 ottobre, il giorno successivo i giurati appartenenti alla più importante critica nazionale e internazionale degusteranno i vini finalisti per assegnare i premi nelle storiche categorie: Miglior Vino Bianco, Miglior Vino Rosato, Miglior Vino Rosso, Migliori Bollicine, Miglior Vino Dolce. Non mancheranno le menzioni speciali e ritorna Tasting Lagrein, riconoscimento riservato ai vini prodotti con questo vitigno autoctono a bacca rossa, organizzato in collaborazione con il Consorzio Vini Alto Adige, con le tre versioni Rosé, Classico e Riserva.

Ma con una peculiarità, si è spiegato: sarà un momento particolarmente coinvolgente, perché tutti i visitatori potranno vivere questo momento. Compresi quelli virtuali. Infatti le telecamere e i canali social di Fiera Bolzano faranno il loro ingresso nelle sale di degustazione per trasmettere dal vivo diverse fasi della degustazione e anche i momenti successivi, in cui si fa il punto, si medita, ci si confronta sui vini, condividendo tutte le curiosità. Un’occasione aperta a tutti, fino in fondo: la premiazione potrà essere seguita anche virtualmente, grazie a questi mezzi. E i visitatori “fisici” potranno degustare, salvare con il loro smartphone le informazioni sulle etichette e rielaborare poi le riflessioni.

Ecco perché le caratteristiche di Autochtona non solo vengono confermate, ma esaltate, abbinate a una formula che farà sentire più che mai l’importanza di questo appuntamento. Perché come si è ricordato, dietro questa manifestazione c’è un meticoloso lavoro di ricerca e orgoglio, quello dei piccoli viticoltori che hanno lottato per custodire i segreti e con essi il futuro delle varietà autoctone. A Fiera Bolzano si potranno conoscere moltissimi prodotti di elevata qualità con la loro personalità desiderosa di mostrarsi in un contesto così radicato e apprezzato.

Non solo insomma non ci si è fatti spaventare o fermare dall’emergenza di questi tempi, bensì si è colto lo spunto per essere ancora più presenti e garantire la giusta vetrina ai viticoltori, piccoli e medi ma con grande dedizione alla loro missione. Lo ribadisce anche Thomas Mur, direttore di Fiera Bolzano, che accoglierà anche Hotel: «Il nuovo format della manifestazione ci consentirà di valorizzare il patrimonio di conoscenza che abbiamo sin qui coltivato con cura, nel rispetto degli accorgimenti che si sono resi necessari per contrastare il diffondersi della pandemia da Covid-19».

Autochtona Fiera Bolzano si terrà il 19 e il 20 ottobre, con questi orari: ore 9.30 - 16.00 - ingresso riservato agli operatori del settore; ore 16.00 - 18.00 - apertura al pubblico dei wine lovers.


Rubriche

In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo