La Vitae è bella

E' uscita la seconda edizione della Guida ai vini di Ais. Con 22 etichette che danno lustro allo Stivale

14-11-2015
E' stata presentata ieri a Milano, nel corso del c

E' stata presentata ieri a Milano, nel corso del congresso Enozioni, Vitae, la seconda edizione della guida di Ais, Associazione italiana sommelier. Novecento gli assaggiatori coinvolti, oltre 10mila le etichette degustate. Oltre alle etichette che hanno ottenuto Quattro viti (lista completa in pdf qui), sono stati aggiudicati 22 premi Tastevin, il massimo dell'eccellenza nell'ottica Ais. Tutti i vini premiati si possono assaggiare sabato 14 e domenica 15 novembre dalle ore 14 alle 19.30 al The Mall di Milano, vicino a piazza Repubblica. Quota d’ingresso: 35 euro, 20 per i soci Ais

E’ stata presentata a Milano la seconda edizione della guida di Ais, Associazione italiana sommelierVitae definita dal presidente Antonello Maietta “Un quadro bellissimo dell’Italia del vino, un vero viaggio a colori che attraversa tutto lo Stivale. La premessa più efficace di questa nuova edizione è quella per cui abbiamo tratteggiato una vera e propria tavolozza organolettica, in cui tutti i colori del vino italiano sono stati riprodotti, cercando di fondere matrice tecnica e opera multiprospettica”.  Soprattuttto, “Il lettore potrà consultarla senza lasciare nulla al caso, vedendosi realizzato il desiderio di conservare l'ultima parola, di imprimere un’ultima pennellata personale”.

In effetti la copertina di questa edizione ritrae un’esplosione di colori e sul retro spicca una frase del grande Luigi Veronelli: “Il vino non è certo più necessario alla vita che la musica e la poesia. Ma che sarebbe la vita senza musica, senza la poesia, senza il vino? Il vino, così come ogni altro oggetto d’arte, è espressione del tempo vissuto”. L’associazione ha analizzato oltre 30mila etichette grazie all’ausilio e alla professionalità di 900 esperti degustatori, mobilitati e coordinati per rilasciare una sintesi della migliore produzione del nostro paese.

Ventidue commissioni regionali, 4mila aziende recensite per un totale di circa 10mila vini, con l’intento di tracciare un racconto chiaro, incisivo e diretto di quello che le aziende enologiche offrono al pianeta con livelli in continuo miglioramento. L'edizione vede l’arte integrarsi al progetto assieme a opere di un unico artista che ha saputo individuare paesaggi, scorci e dettagli della nostra Penisola colorata. I protagonisti sono i vignaioli, i loro territori e l’ambiente che li caratterizza, senza farsi troppo condizionare dalle dimensioni aziendali: il rigido metro di giudizio è quello che fa riferimento alla qualità ma anche al peso sociale che un certo vino riflette sul suo territorio.

Antonello Maietta, presidente dell'Associazione italiana sommelier

Antonello Maietta, presidente dell'Associazione italiana sommelier

Il giudizio dei singoli vini è legato alla Vite, da 1 a 4, che compone graficamente un piccolo filare. Viene premiata la qualità intrinseca delle singole etichette. Esistono 22 premi Tastevin, dedicati ai custodi dei vitigni, ossia tutti quei vini che hanno superato i 90 centesimi, che hanno ancora qualcosa in più rispetto alle 4 Viti: magari anche solo la valorizzazione di un vitigno in estinzione in una specifica area geografica. Quest’anno sono stati premiati 4 spumanti, 7 vini bianchi, 9 vini rossi e 2 vini da dessert. Eccoli:

Valléé d’Aoste Fumin 2013 Ottin - Valle d’ Aosta
Barolo Monvigliero 2011 Comm.G.B. Burlotto - Piemonte
Mattia Vezzola Grande Annata Rosé 2010 Costaripa - Lombardia
Vin Santo di Gambellara 2003 Roberto Zonin - Veneto
Isidor 2012 Vignaiolo Fanti - Trentino
Alto Adige Brut Comitissa Riserva 2010 Cantina Spumanti Lorenz Martini - Alto Adige
Ribolla Anfora 2008 Gravner – Friuli
Underwood 2012 Walter De Batté – Liguria
Lambrusco di Sorbara Lambrusco del Fondatore 2014 Cleto Chiarli – Emilia Romagna
Romagna Albana Passito Scacco Matto 2012 Fattoria Zerbina – Romagna
Maremma Toscana Ciliegiolo San Lorenzo 2012 Sassotondo – Toscana
Cervaro della Sala 2013 Castello della Sala – Umbria
Verdicchio di Matelica Mirum Riserva 2013 Fattoria La Monacesca – Marche
Fiorano Rosso 2009 Tenuta di Fiorano – Lazio
Trebbiano d’ Abruzzo 2012 Valentini – Abruzzo
Rosso del Molise Vincé 2010 Cantine Catabbo – Molise
Taurasi Vigna Quintodecimo 2010 Quintodecimo – Campania
D’ Arapri Riserva Nobile 2011 D’Arapri – Puglia
Aglianico del Vulture La Firma 2012 Cantine del Notaio – Basilicata
Efeso 2014 Librandi – Calabria
Contessa Entellina Rosso Mille e una notte 2010 Donnafugata – Sicilia
Barrile 2012 Attilio Contini – Sardegna

Venerdi 13 novembre, primo giorno del congresso Enozioni, sono intervenuti 1.300 visitatori in poco più di 3 ore di degustazioni. Sabato 14 e domenica 15 si replica

Venerdi 13 novembre, primo giorno del congresso Enozioni, sono intervenuti 1.300 visitatori in poco più di 3 ore di degustazioni. Sabato 14 e domenica 15 si replica

I premiati di quest'edizione, sommati a quella dell'edizione del 2015 costituiranno il promo della app che Vitae lancerà a breve con un costo di 6,99 euro (4,99 per i soci Ais) di questa guida, arricchita da altre cantine. Tutti i vini premiati con le 4 Viti e i 22 Tastevin saranno in degustazione sabato 14 e domenica 15 novembre dalle ore 14 alle 19.30 (con l’ultimo ingresso alle 19) presso The Mall a Milano, vicino a piazza Repubblica. Quota d’ingresso: 35 euro, 20 per i soci Ais.


Rubriche

In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo