Voglio l'Erba Brusca

In fondo ai Navigli a Milano inaugura un nuovo, autentico ristorante con orto. Con lo zampino del duo del RatanÓ

11-06-2011
L'orto dell'Erba Brusca, neonata insegna milanese sull'Alzaia Naviglio Pavese 286, +39.02.87380711, info@erbabrusca.it

Tira aria nuova sull’Alzaia Naviglio Pavese, laggiù in fondo al civico 286, dove Milano è ancora città ma dove i giardini e gli orti che costeggiano la strada fanno subito respirare un clima diverso, più fresco, meno caotico. Proprio qui, dove fino a poco tempo fa regnava l’Osteria del Tubetto (di cui si può trovare ancora traccia con una vecchia insegna appesa a una trave nel giardino esterno), è stato appena inaugurato l’Erba Brusca, +39.02.87380711, un locale che già nel nome, ma soprattutto nel sottotitolo, racchiude il significato e la sua filosofia: "orto con cucina".

in carta, vegetali ma anche pesce e carne (foto Barbara Torresan, www.chez-babs.com)
in carta, vegetali ma anche pesce e carne (foto Barbara Torresan, www.chez-babs.com)

La prima domanda che dobbiamo farci è: l’orto personal-personalizzato, oggi decantato da tanti ristoranti di qualsiasi collocazione urbana (anche le più improbabili), c’è davvero o è solo specchietto per le allodole per clientele attente alla provenienza delle verdure che poi ritrovano nel piatto? La risposta soffia nel vento. Di sicuro qui l’orto c’è eccome, lo si può ben vedere e apprezzare comodamente seduti al tavolo, sotto la tettoia di un piacevolissimo dehors esterno, dove si può cenare di fronte a vasche colme di piante aromatiche, insalate pronte da tagliare e mangiare, zucchine e altre verdure che sbandierano un fiero spirito total green.

Chi sono gli artefici di questo “mangiar e rilassarsi nel verde”? Erba Brusca non è altro che la costola del Ratanà, il ristorante guidato dal cuoco Cesare Battisti e dal maître e sommelier Danilo Ingannamorte, aperto da soli 2 anni a Milano in via De Castillia, altra oasi nel grigiore. Come conciliare le due realtà in contemporanea, visto che Cesare e Danilo restano sereni nella sede centrale a dispensare le loro rivisitazioni sui piatti della cucina meneghina?

Conduce Alice Delcourt, cuoca franco-americana
Conduce Alice Delcourt, cuoca franco-americana
La direzione culinaria del kitchen garden sui Navigli è affidata alla giovane Alice Delcourt, cuoca franco-statunitense dai trascorsi lavorativi milanesi (tra tutti al ristorante Alice di Viviana Varese in via Adige) che ha strettamente collaborato con Battisti al Ratanà fino a prendere le redini della cucina dell’Erba Brusca e disegnare un percorso caratterizzato prima di tutto dalle verdure dell’orto, ma anche da carne e pesce (quest’ultimo non solamente d'acqua dolce, scelta che invece è stata fatta in via De Castillia) e di materie prime di piccoli produttori e artigiani. Non dimentichiamo la carta dei vini: non troppe etichette ma ben selezionate, di produttori biodinamici.

Per un altro reportage, clicca qui.


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose